Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia e Francia spingono al ribasso le esportazioni in calo a Cordoba

Italia e Francia spingono al ribasso le esportazioni in calo a Cordoba

IL Esportazioni da CordovaUno dei punti di forza della sua economia, Ci hanno provato fino ad agosto UN Diminuzione del 7,2%., secondo i dati appena forniti dal governo centrale. Dalle vendite all’estero pari a 2.013 milioni nei primi otto mesi del 2022, si è passati a 1.868,2 nello stesso periodo del 2023. Cioè 144,8 milioni sono andati perduti negli ultimi 365 giorni. Naturalmente, nei confronti, bisogna tenere conto che l’anno scorso è stato registrato il record di entrate in questo modo (2.978 milioni).

IL Acquisti bassi Cosa stanno facendo nel governatorato? Italia e FranciaDue dei nostri principali clienti, Tira questo lignaggio. In effetti, dei cinque paesi verso cui Córdoba esporta la maggior parte dei prodotti – pari al 68% delle vendite quest’anno – entrambi hanno registrato un calo.

Lui Il Paese transalpino è il secondo grande acquirente Nel governatorato, nel 2022, ha perso il primo posto che occupava negli anni precedenti. Nei primi otto mesi, gli imprenditori di Cordoba hanno effettuato operazioni con aziende di quello Stato Ha raggiunto i 322,9 milioni. Questo numero significa A Calo annuo del 14,3%. Sono 53,9 milioni in meno.

E il Il prodotto principale parte da qui per l’Italia È olio. Le vendite totali di oro liquido hanno raggiunto i 144 milioni. Ce ne sono circa 46 in meno, quindi il calo è stato del 24%. Questo enorme pulsante di esempio spiega uno dei fattori che hanno causato il calo delle esportazioni.

Lui Gruppo Operazioni Petrolifereuno dei pilastri del commercio estero regionale, in tutto il mondo fino ad agosto Generati 406,7 milioni Quando sei dentro Nello stesso periodo del 2022, questo numero era 529,4. Ne sono andati persi 122,7, il che significa un calo del 23,2%. Dopodiché scendi laggiù Una campagna 2022-2023 che ha lasciato una produzione molto bassa Di questo prodotto a Cordoba: circa 142.000 tonnellate, una cifra caratterizzata dalla siccità. Nella stagione precedente, questo numero era di 300.000. Questo calo radicale della disponibilità di petrolio riduce l’offerta e aumenta i prezzi, il che significa che ci sono acquirenti internazionali che smettono di acquistare qui.

READ  Il fotovoltaico prevede un calo dell’autoconsumo e avverte di ritardi nella consegna degli aiuti

E Questi dati negativi stanno peggiorando Perché farà un viaggio. Il Consiglio prevede che la produzione di petrolio nella campagna 2023-2024 raggiungerà le 143mila tonnellate. Ciò significa, ancora una volta, che saranno brevi, mantenendo i prezzi alti in anticipo.

FranciaIl terzo stato che compra di più qui è… Un altro paese funge da carrello di atterraggio Dalle vendite estere. Nel periodo del 2023 per il quale esistono indicatori, le vendite allo Stato francese sono state allo stesso livello 232,8 milioni. Questo numero è inferiore del 42,2% rispetto all’anno precedente (-15,3%). Su questo influisce il calo di due dei tre prodotti più acquistati quest’anno dagli imprenditori francesi. La persona a capotavola lo è Rame e suoi prodottiCon 53,4 milioni. Questo dato indica un calo annuo del 17,1%, con una diminuzione di 11 milioni.

Un lavoratore su una macchina per lo stampaggio del rame presso uno stabilimento Cunext

ABC

Ma bisogna sottolineare che, In tutte le operazioni nel nostro territorioQuesto capitolo delle esportazioni – l’altro grande pilastro – ha avuto un saldo positivo. Le vendite sono arrivate oltre i confini spagnoli 640,9 milioni -Il prodotto che genera più soldi-. Noi siamo 12,9 in più (+2%). Il polo del rame, guidato da Connext, continua a fornire buone notizie per l’economia.

Un altro reparto importante è la sofferenza Nel esportazioni A Francia Viene da Macchine e dispositivi meccanici – È il terzo più importante nei rapporti con gli uomini d’affari del paese vicino. Nel 2023 il numero rimarrà a 32,7 milioni. Sono inferiori del 9,4% rispetto all’anno precedente (-22,3%). Questa battuta d’arresto è un esempio di quello che è successo ad un importante capitolo delle vendite estere.

Quel cameo Macchine e dispositivi meccanici – Ha l’attività del settore potente Il freddo artificiale che si manifesta attorno a Lucena– È Il terzo maggiore contribuente ai fondi Per il commercio estero delle province. Nei primi otto mesi, le aziende di Cordoba hanno effettuato operazioni con questo tipo di prodotto di valore 106,9 milioni. Sono inferiori del 28,2 (-20,9%)..

Se l’elenco si estende per includere i dieci paesi in cui vende di più quest’anno, si registrano anche diminuzioni nei guadagni di Cordoba dalle sue operazioni con… Paesi Bassi (-27,1%); Polonia (-11,2%); e Regno Unito (-4,7%).

Scendendo dall’olivo

tra i I primi cinque clientiÈ stato Portogallo, Marocco e Stati Uniti Quelli che Evitavano mali maggiori. IL Nazione portogheseCome già accaduto nel 2022 quando rovesciò l’Italia, Ancora una volta la principale fonte di reddito Nelle vendite per stranieroAnche se è congelato rispetto al 2022. Fino ad agosto, 359,2 milioniAppena 0,2% in più.

Quelli che I più cercati dalle aziende portoghesi Ecco qui Rame e suoi prodotti. Hanno effettuato acquisizioni per 156,1 milioni. Erano 17,3 365 giorni fa (+12,5%).

Migliore è stata la performance delle aziende con il MaroccoIl quarto miglior cliente quest’anno. Le operazioni con questo paese hanno raggiunto i 192,3 milioni. questo numero supera praticamente il 5% Per gli iscritti da gennaio ad agosto 2022.

Per raggiungere questo obiettivo, L’evoluzione delle operazioni è stata fondamentale con Rame e suoi prodottiRappresenta l’85 su cento euro di esportazioni verso il Marocco. Hanno generato 163,1 milioni, in crescita del 7,2%.

Lui La “top five” dei nostri clienti è chiusa da noi, con il miglior comportamento in questo club prescelto. Lui L’aumento è stato del 14% Si passa da 142,5 milioni a 162,4. Il saldo positivo è stato raggiunto nonostante un calo dell’11% dei prezzi del petrolio, il prodotto principale con 96,1 milioni di dollari di petrolio acquistato qui.

Nei macchinari e apparecchi meccanici – tra cui il freddo industriale di Lucena – il calo è del 20,8% e le vendite scendono a 107 milioni.

Ma Ci furono altri titoli che riuscirono a compensare questa battuta d’arresto.. Degne di nota sono state le vendite di elettrodomestici e materiali, che sono aumentate del 550%, passando da 4 milioni a 26 milioni, e le vendite di legumi e verdure, che sono aumentate del 124% dopo essere balzate da 5,3 a 11,9. Su quest’ultima sezione dobbiamo soffermarci perché per Cordoba il quinto capitolo è stato il più importante di tutte le sue esportazioni. Le vendite mondiali in questo senso rappresentano un fatturato di 67,1 milioni, con un incremento del 45% rispetto all’anno precedente. Cipolle e, soprattutto, aglio sono il traino di questa voce, con 38,6 milioni (+18%).

Se guardi al gruppo dei primi dieci acquirenti, scoprirai che anche loro hanno un atteggiamento positivo Germania (+3,5%) e Messico (+83,7%).

Un colpo finale che meglio mappa il declino di questa importante componente dell’economia provinciale. Tra i cinque capitoli Chi ha contribuito Più esportazioni il quartouno di Verdure o frutta in scatolae c’era anche A diminuisce. Le sue vendite all’estero ammontano a 83,7 milioni. È inferiore del 6,5% rispetto ai primi otto mesi del 2022 (-7,2%). Lei è qui Quello base è l’oliva, altro meraviglioso prodotto dell’oliveto. Essi Le esportazioni sono state pari a 70,5 milioniUN 7,1% in meno.

In questa discesa Le battute d’arresto subite con l’Arabia Saudita -Da 9,5 milioni si è ridotto a 7,1 (-24,9%)- e Messico -Da 3,7 milioni sono scesi a 730.150 euro (-80,5%)-.