Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Intelligenza emotiva, chiave per la risposta funzionale alle emergenze – Salute e benessere

Intelligenza emotiva, chiave per la risposta funzionale alle emergenze – Salute e benessere

Noi argentini viviamo attualmente una situazione complessa in termini economici, politici e sociali, che, oltre alle circostanze di emergenza che ogni individuo affronta nella sua vita quotidiana, simili ai tempi di una pandemia, “può generare ansia, paura e ansia i sentimenti possono generare ansia, paura e preoccupazione”, ha detto al sito AIM Mariela Garabello, laureata in psicologia: “Se non gestiti con decisione, porteranno ad altri problemi, invece di promuovere possibili soluzioni o transitare con il massimo benessere possibile. e salute.”

In un’intervista con questa agenzia, il professionista ha sottolineato che “se non si tiene conto di questo e non si impara a riconoscere ogni emozione e a gestirla correttamente, in situazioni come quelle attuali sopra menzionate, ciò può portare all’emergere di altre malattie”. , come lo sforzo eccessivo, che di solito procede.” Combinato e diventa una comorbilità (articolare) con la depressione (quando lo stress, un’emozione normale, diventa cronico) provoca il rilascio di cortisolo e adrenalina nel sangue, che, se continui, fanno male. salute poiché portano ad un costante stato di conflitto e tensione, che influisce negativamente sull’organismo con varie conseguenze, tra cui avvelenamenti e infiammazioni nell’organismo in generale, portando al suo deterioramento e generando sintomi a livello corporeo (pressione alta, peso aumento della glicemia, tachicardia, tra tante altre cose). Ma anche, e strettamente, a livello mentale e comportamentale.

Risultati
Ha aggiunto anche che “la persona può iniziare ad avere insonnia, sentirsi meno energica, stanca e non voler svolgere alcuna attività o, al contrario, diventare irritabile e impulsiva, cosa che spesso finisce, e soprattutto, in situazioni di crisi”. .” Ma vengono affrontati consapevolmente ed efficacemente attraverso canali poveri, ed è così che appaiono i litigi, gli abusi e le violenze con il partner, o con i figli, o con le famiglie, o con gli amici, che sono i più vicini e con i quali si sono al primo posto e tendono ad emergere di più. Facilmente per la sua natura incondizionata, che porta a separarsene e ad allontanarsene quando se ne ha più bisogno, a causa dello stato di essere sociale insito nella società.

In questo modo si porta – prima o poi, a causa dell’aggravarsi del problema – all’abuso di alcol, droghe, cibo e altri canali cattivi, che, invece di favorirli, li aumentano, aggiungendo nuovi problemi. E paralleli.

READ  Il Giappone ha per la prima volta più di 80.000 dottoresse

Va notato che è il modo di pensare e di interpretare le situazioni che favorirà sempre o meno una buona gestione emotiva, quindi una procedura simile. “La mente è il vertice della piramide, che controlla il funzionamento dell’intera persona, che determina come si posiziona di fronte a qualsiasi situazione/problema che la vita gli pone davanti, spingendolo a mettere in atto diversi meccanismi di difesa, e da lì, sentendo e agendo in un modo o nell’altro, può essere o meno nell’interesse di ridurlo o risolverlo.

“Essere consapevoli dei propri pensieri è anche la chiave per essere più assertivi e affrontare nel miglior modo possibile qualsiasi emergenza o problema, come i momenti attuali che sta vivendo l’Argentina, ad esempio, se stai pensando questo, nonostante i vincoli che hai inevitabilmente si genera nella situazione attuale, si sceglie Entrare in dialogo, conforto emotivo, raggiungere accordi, generare una visione di alternative, ed evitare così conflitti e problemi anche più grandi, sarà favorito per perseguire gli scopi o gli obiettivi che sono stati proposti.

Allo stesso modo, ci saranno progressi e stati d’animo “più positivi e incoraggianti, che se, al contrario, tendessimo a cedere e ad usarlo rapidamente come giustificazione per una situazione negativa e negativa che ci impedisce o ci ostacola. ” “Genera anche battute d’arresto in ciò che è già stato realizzato.”

Strategie per diventare più forti
Garabello ha suggerito una maggiore intelligenza emotiva, “compresa l’assertività mentale e comportamentale che a sua volta favorisce la creazione di un buon piano di emergenza che, in una situazione difficile come quella attuale, ci permetta di affrontarla nel modo più efficace possibile”.

– Assunzione di responsabilità: Innanzitutto, anche se non si può negare che i problemi esistono, e attualmente sono tanti, e quindi non sempre le cose andranno bene o come previsto, i risultati e le esperienze psicosomatiche saranno diversi. È più efficace e positivo se lavori in modo proattivo per risolverlo e ottenere ciò che desideri, piuttosto che aspettarti solo risultati magici o incolparlo esternamente. Lamentarsi non fa altro che paralizzare. Organizzarsi tenendo conto della nuova situazione e, in base a ciò, sviluppare strategie e cercare alternative e possibili soluzioni. Organizzare e pianificare la routine quotidiana favorisce la riduzione degli impulsi che possono derivare da vecchie abitudini o come canalizzazione di emozioni che, a differenza del non smettere di pensare, possono essere deviate in modi sfavorevoli al benessere complessivo dell’individuo. L’individuo.

READ  Sola onora Giuseppe Manzo, ambasciatore italiano uscente in Argentina - Telam

-Concentrarsi sul vivere più consapevolmente nel presente: questo aiuta a evitare impulsi che hanno conseguenze negative, evitare la spontaneità e cadere in comportamenti sbagliati o vecchie abitudini, che vogliamo sostituire con abitudini più sane che non solo porteranno al benessere delle persone. La persona, però, è strettamente legata ad un migliore sviluppo a livello generale, a fronte di una situazione nuova alla quale bisogna adattarsi come quella attuale. Da lì, sarà utile rendersi conto di cosa lo sta influenzando per affrontarlo adeguatamente senza scaricarlo sulle strade o sulle persone, il che porterà solo a ulteriori problemi, frustrazione e fastidio.

– Incoraggiare le attività di pulizia mentale: l’ossitocina ha la capacità di abbassare i livelli di cortisolo. Questo ormone, conosciuto soprattutto come l’ormone delle donne che partoriscono o allattano, viene stimolato anche in molte altre attività che generano piacere, senso di inclusione, empatia, individualità (parlare con tutta l’attenzione, senza schermi intermedi, meditazione, yoga), e distrazione. E schiarimento mentale. Paul Isaacs, un esperto che ha condotto ricerche sull’ossitocina e ha scritto un libro sull’ossitocina, indica, dopo molti esperimenti, che un semplice abbraccio, anche solo per otto secondi, la aumenta e riduce i livelli di cortisolo nel sangue.

Tra queste attività spicca l’esercizio fisico che, oltre all’ossitocina che riduce lo stress, porta anche al rilascio automatico di tutti gli ormoni della felicità, oltre a molteplici altri benefici per la persona, tra cui l’attivazione della parte destra del corpo. Il cervello, la mente della creatività e delle soluzioni, preferisce trovare alternative, generare strategie e quindi superare le emergenze e ottenere risposte più ottimali.

“Per gran parte della giornata, a causa dello stile di vita che conduciamo attualmente, tendiamo ad agire in modo automatico, quindi con il funzionamento dominante della parte sinistra del cervello, che di conseguenza ci spinge a comportarci sempre allo stesso modo”, ha detto il psicologo.

READ  Dieta diabetica: come seguire una dieta sana ed equilibrata

-Fissare obiettivi chiari, concreti e veramente importanti, quindi agire; Qualunque sia l’obiettivo. Se è qualcosa che desideri davvero, rimarrai motivato a lavorare per ottenerlo, nonostante le situazioni difficili. La sfida è trovare quella vera motivazione. Cerca di rendere questo obiettivo qualcosa di specifico e chiaro in modo che la direzione e la motivazione possano essere mantenute e, da lì, sappi come organizzarti con le risorse disponibili per raggiungerlo.

Allo stesso tempo, ti consiglio di non sovraccaricarti o di avere fretta, perché ciò tende a stancarti rapidamente e a frustrarti non realizzando tutto rapidamente. Devi iniziare dal meno al più. Un piccolo passo alla volta. Hai raggiunto il tuo primo obiettivo e troverai l’ispirazione per continuare a raggiungere gli obiettivi successivi e andare avanti per ottenerne di più. Con il raggiungimento di ogni obiettivo, non importa quanto piccolo, acquisirai fiducia, autostima e autoefficacia, generando pensieri, motivazioni e alternative più positivi per continuare ad andare avanti nonostante qualsiasi crisi tu possa affrontare piccolo risultato o difficoltà con i nostri cari e parlare dei sentimenti, che ti aiuterà a sentirti più soddisfatto e, da lì, di più. La forza e la capacità di trovare nuove prospettive nell’abbinamento.

Per i professionisti: «È importante non trascurare i bisogni primari; bisogna tenere conto che se non ci si organizza, non ci si prende il tempo per mangiare con calma, si scelgono cibi sani e se non si dorme bene la mattina .” Allo stesso tempo non cercate momenti di schiarimento mentale per uscire dalla spontaneità, poiché non ci sarà spazio per ciò che sentite. Organizzazione e seguire i passaggi indicati è necessario per avere l’energia, l’umore ed un buon equilibrio psicofisico agisci con decisione come vuoi, per trovare soluzioni invece di lamentele, giustificazioni, stagnazione e altri problemi.