Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Inducono l’ibernazione nei topi usando gli ultrasuoni: un altro passo verso la realizzazione negli esseri umani?

Inducono l’ibernazione nei topi usando gli ultrasuoni: un altro passo verso la realizzazione negli esseri umani?

Team scientifico raggiunto attraverso Ultrasuoni In modo sicuro e non invasivo induce uno stato simile all’ibernazione inversa (o ibernazione) in topi e ratti, aprendo la porta, qualora la tecnologia fosse applicabile in futuro agli esseri umani, per l’uso in Viaggio nello spazio o medicina.

La ricerca è condotta da esperti della Washington University di St. Louis (USA) e rappresenta un altro passo nell’ancora lontano obiettivo di raggiungere una sorta di ibernazione per l’uomo, che si propone da più di sei decenni.

Il nuovo metodo a ultrasuoni può aiutare a raggiungere “la formula a lungo cercata per l’induzione dell’ibernazione non invasiva e sicura che la comunità scientifica ha perseguito almeno dagli anni ’60”, riassume il ricercatore capo Hong Chen.

Pubblicazione della ricerca sulla rivista metabolismo della natura Descrive un metodo che attiva temporaneamente i neuroni nel cervello Abbassa la temperatura corporea e rallenta il metabolismo.

Alcuni mammiferi e uccelli conservano abilmente energia e calore entrando in uno stato di ibernazione, durante il quale la loro temperatura corporea e il tasso metabolico diminuiscono per consentire loro di sopravvivere a condizioni ambientali pericolose per la vita, come il freddo estremo o la mancanza di cibo.

Questo caso può essere quotidiano, come in Colibrì o pipistrellio stagionale, come il letargo foro.

Sebbene negli anni ’60 sia stata proposta una situazione simile astronauti che hanno effettuato voli spaziali Pazienti con problemi di salute Potenzialmente letale, rimane difficile da indurre in sicurezza, ricorda un comunicato dell’università.

Il team multidisciplinare ha indotto uno stato simile all’ibernazione nei topi utilizzando gli ultrasuoni per stimolare una regione preoperatoria dell’ipotalamo del cervello, che aiuta a regolare la temperatura corporea e il metabolismo.

READ  Planas cerca di aggiungere più paesi alle risorse della pesca di fondo

Oltre al topo, che va in letargo naturalmente, l’hanno provocato nel topo, che invece no.

Per raggiungere questo obiettivo, il team ha sviluppato un trasduttore a ultrasuoni portatile, un dispositivo per Stimolazione dei neuroni nella regione preoperatoria dell’ipotalamo.

Questo stato può essere quotidiano, come nei colibrì o nei pipistrelli, o stagionale, come il letargo negli orsi (Naomi Boak/US National Park Service/post via Reuters)

Quando stimolati, i topi hanno mostrato A Bassa temperatura corporea circa 3°C per circa un’ora. Inoltre, il suo metabolismo si sposta dall’utilizzo di carboidrati e grassi per produrre energia usa solo grassi, Una caratteristica essenziale dell’ibernazione, la frequenza cardiaca è diminuita del 47%, il tutto a temperatura ambiente.

Il team ha anche scoperto che con l’aumentare della pressione acustica e della durata degli ultrasuoni, aumentava anche la profondità dell’ipotermia e rallentava il metabolismo, noto come ipotermia indotta da ultrasuoni e ipotermia metabolica (UIH).

Il ricercatore aggiunge che l’UIH ha mantenuto la temperatura corporea del topo a 32,95 gradi per 24 ore, che è tornata alla normalità una volta spenti gli ultrasuoni.

Per imparare ad attivare Ipotermia e ipometabolismo Utilizzando gli ultrasuoni, il team ha studiato le dinamiche di attività dei neuroni nella regione preoperatoria dell’ipotalamo. Hanno osservato un costante aumento dell’attività neurale in risposta a ciascun impulso ultrasonico, che coincideva con i cambiamenti della temperatura corporea dei topi.

Chen e il suo team hanno anche studiato la molecola che ha permesso a questi neuroni di attivarsi sotto gli ultrasuoni. Utilizzando il sequenziamento genetico, hanno scoperto che gli ultrasuoni attivano il canale ionico TRPM2 nei neuroni nella regione preoperatoria dell’ipotalamo.

In vari esperimenti, hanno dimostrato che questo è un canale ionico sensibile agli ultrasuoni e che contribuisce all’induzione di HUI.

READ  UNViMe dispone di finanziamenti per gli ultimi anni di medicina

Nei topi, che normalmente non vanno in letargo o in letargo, il team ha somministrato ultrasuoni nella regione preoperatoria dell’ipotalamo e ha osservato una diminuzione della temperatura cutanea, in particolare nell’area del tessuto adiposo bruno, nonché una diminuzione di circa 1 grado Alla temperatura corporea interna, simile al normale letargo.

Può essere così Applicazioni future in medicina o voli spaziali Lungo raggio, riassume la rivista.

“Questo è un grande progresso (…). Questo aprirà nuove ed entusiasmanti aree di ricerca. Gli esperimenti sono ben progettati, con i test condotti sia su un animale in letargo (topo) che su un animale non in letargo ( topo),” afferma Matteo Seri, dell’Università di Bologna (Italia), che non ha firmato l’articolo.

Tuttavia, “gli effetti limitati nei topi, sebbene significativi, suggeriscono anche che è necessario fare di più per applicazioni umane appropriate”.

“Considerando il grado di ipometabolismo raggiunto, credo che questa tecnologia sarà utile in circostanze specifiche in cui una modesta ipotermia può essere davvero molto utile, più dei viaggi interplanetari”, ha detto a Science Media in Spagna.

(con informazioni da EFE)

Continuare a leggere:

Come combattere “l’inattività pandemica” e ripensare la professione