Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Incontrare il coronavirus farà di nuovo lo stesso”

Non appare sullo schermo, ma continua a lavorare alla scrittura per la televisione spagnola. Lo stesso Lorenzo Milla ha spiegato su “La noche de Adolfo Arjona” di essere ancora attaccato al pubblico dopo la sua partenza per il cronista in Italia. “Ogni giorno vado a Torrespaña per lavorare come scrittore. Sono meno visto davanti alla telecamera perché cerco di stare lontano dalle notizie quotidiane“.

La scomparsa di Mila è avvenuta poco dopo il commento, e poi lodato, per la storia che ha fatto da Roma sul coronavirus. giornalista Invia un messaggio rassicurante Quando si parlava da alcuni settori, e anche da alcuni programmi (il “quarto millennio”), delle terribili conseguenze di questo virus nel mondo.

“I medici non si stancano di rassicurarci che abbiamo a che fare con un qualche tipo di influenza. È un nuovo tipo di influenza, è vero. La maggior parte delle persone infette guarisce a casa come la comune influenza. Meno della metà di loro sono in ospedale e solo 25 persone sono nel reparto di terapia intensiva. Questa è la vera immagine che i medici non si stancano mai di ripetere”, ha continuato a dire nel suo record storico. Ma, ragazzi, l’avvertimento sembra essere più diffuso dei dati. “Le parole di Lorenzo Milla hanno avuto un impatto enorme, tuttavia, dopo pochi giorni, ha finito per motivarsi.

Fatti sul coronavirus Lorenzo Milla. (TVE)

Secondo il giornalista, la sua partenza da corrispondente per l’Italia non ha assolutamente nulla a che vedere con questa data, infatti, non si assume alcun errore perché conferma che l’informazione era disponibile in quel momento. “Se ho intenzione di fare di nuovo la storia, lo farò di nuovo allo stesso modo Perché, in quel momento, ho riflettuto su ciò che si è sentito lì. I medici, e anche il governo, facevano questo tipo di discorso in Italia».

READ  L'ambiente, fonte di benessere emotivo

Lorenzo Milá ha colto l’occasione per smentire che il canale pubblico lo avesse spento: “TVE non mi risparmia. Succede e basta I giornalisti trascorrono un massimo di sei anni nelle nostre destinazioni. La società non ha avuto altra scelta che mandarmi qui, a meno che tu non abbia reso questo standard più flessibile”.

A quanto pare, dopo il giornalista italiano ha avuto la possibilità di seguire un altro corso, ma ha preferito tornare in Spagna. “Un giornalista è un lavoro molto intensivo che significa essere 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana, in attesa di un telefono cellulare. Ho tre figli e una famiglia, volevo rallentare un po’Secondo il giornalista, “la possibilità di unirmi a un altro giornalista mi ha stancato molto”.

Attualmente è a Madrid, “esplorando altre strade. Non mi dispiace esplorare il mondo dell’ecologia, il pianeta, la scienza, la difesa della natura…. La possibilità di realizzare un programma del genere può essere esplorata», conferma nel suo intervento a Cope.