Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

In Italia.  Una città a cui pochi prestano attenzione, ma altrettanto affascinante di Venezia

In Italia. Una città a cui pochi prestano attenzione, ma altrettanto affascinante di Venezia

Se abbiamo ragione, tutto ciò che leggiamo da qui in poi riguarda Venezia. Ha una zona insulare e la gente del posto la chiama “Terraferma”. Il Canal Grande, il Ponte di Rialto e il Ponte dei Sei, Piazza San Marco e la Chiesa della Salute sono solo un piccolo punto nel gruppo di isole che compongono la zona. La maggior parte dei viaggiatori sceglie di soggiornare nel cuore molto popolare di Venezia quando i prezzi aumentano guru. L’ultima zona con vie tradizionali prima della Serenissima.

Una trama turistica classica è incoraggiata a rimanere nella zona per un giorno o due Include un soggiorno a Mestre e un pellegrinaggio quotidiano a Piazzale Roma Passeggia tra i canali o sali su un vaporetto. Mentre il sole inizia a tramontare, torna dopo diversi morsi di pizza esaurita Al Taglio (Taglio) Nel viaggio di ritorno. Viene da Maestre e va a dormire. Si affaccia su una città che deve la sua origine a Mesti, figlio di Filemene, re di Pablagonia, sopravvissuto alla distruzione di Troia. I suoi inizi furono campagne sparse fino a quando non iniziò ad assumere la forma di una città sotto il dominio veneziano nel XIV secolo.

Vista dal Campanile di San Marco verso la Chiesa di San Stefano a MestreShutterstock

Maestre fu posto a scudo a protezione dell’ingresso della Serenissima. Una serie di specchi d’acqua che si riversano nel lago, il Canale Salso, un’imponente catena di fortezze come il Forte Marghera, che raggiungeva dimensioni quasi pari al centro storico della città. L’intero spazio è stato creato come luogotenente dei tifosi a protezione dell’Arsenale, vicino a dove oggi si trova la Biennale.

Mestre è il seno su cui poggia Venezia. Ma se questo sguardo ottiene tutto, la sorellastra della sua amica Cenerentola non lo è. Ponte della Libertà (3850 metri), collega i due.

Ci sono altre tre pietre miliari storiche di quell’armeria. Primo Piazza Maggiore (oggi Ferreto) era una città fuori dalle mura medievali.

Il secondo Torre Civica o Dell’Orologio. È l’unica torre in piedi della grande cinta muraria medievale. All’interno si conserva l’ultima porta urbana rimasta delle mura difensive.

Il terzo corrisponde Via PalazzoLa strada principale era anticamente una strada murata.

Una passeggiata più ravvicinata

Mestre è un luogo di quieto fascino. Un’aria romantica nelle sue strade con canali e barche in direzione di Favaro, una zona bucolica che ricorda la vita tranquilla degli anni ’50 a San Marco tra il centro e il Parco San Giuliano. Questa zona verde è delimitata dal cantiere navale “Canteri” che produce imbarcazioni per tutte le lagune della regione secondo pratiche tradizionali. Lì spicca Proupe, uno sforzo per onorare quella tradizione da 50 anni, ha restaurato la sua vecchia facciata, inoltre, puoi vedere gli artigiani della nave che lavorano a mano all’ingresso.

READ  Italia: le elezioni comunali potrebbero cambiare la leadership del diritto di voto oggi e domani in 1.348 circoscrizioni del Paese

Le loro attività sono ancora a conduzione familiare e le pizzerie servono ricette tradizionali. Da Michele Pizza e Risto in Via Ca’ Marcello, 1/P, è stato il primo a portare a Venezia il classico napoletano (con pasta alta e spessa). Chichirichi in via Galucci 4 propone un tiramisù degno degli dei, oltre alla buona pizza. In Via Piave 68 c’è Columbus, che propone cucina tipica veneziana con (limitatissime) specialità di pesce oltre alla tipica pizza del nord Italia.

Le attività commerciali di Mestre sono a conduzione familiare e le pizzerie servono ricette tradizionali

In competizione con le pizzerie “Pasticcerie”, mix di prodotti da forno, alcuni piatti e sempre un buon piano di dessert. Imperdibili i cannoli alla crema da Angelica (Vía Bonaventura Barcella 4). Invaso (Corso del Popolo 44) invade dalla strada con il profumo dei prodotti appena sfornati. La loro specialità è la focaccia (un tipico bagel pasquale veneziano), che producono tutto l’anno. L’Antico Forno Mestre (Via Cappucina 27) è il regno dei dolci veneziani: la tipica focaccia, il pandoro, il panettone, le fritelle (una specie di berliner) ei gallani (biscotto con zucchero a velo), entrambi tipici della festa.

Tipica architettura di Piazza Ferretto

Passeggiando per il quartiere Piazza Ferrato Ti permette di parcheggiare nei vecchi edifici intorno ad esso. Lui Palazzo Potesteril, ad esempio, è una dipendenza statale dal 1500 ad oggi. I marchi di stilisti più famosi del quartiere contrastano con l’aria tradizionale della piazza. Puoi fermarti in qualsiasi ristorante che opera secondo la tradizione italiana “all’aperto” per mangiare all’aperto nella zona pedonale. A pochi passi Galleria Matteotti, Viale fiancheggiato da gioiellerie tradizionali e negozi d’arte. Il suo tetto in vetro forma una semicupola, che riflette lo stile di Vittorio Emanuele a Milano. Vale la pena fare una passeggiata di notte quando le luci trasformano il paesaggio e sembra un posto diverso.

Il Museo M9 Mestre presenta mostre sull’evoluzione della vita familiare e lavorativa, della tecnologia e dell’urbanizzazione. XXShutterstock

San Girolamo È una chiesa un po’ nascosta tra il mercato (che si tiene il mercoledì e il venerdì pomeriggio) e il centro. È la chiesa più antica di Mestre. Risale al XIII secolo, anche se è stato ristrutturato più volte e sembra nuovo. Il suo pezzo più sorprendente è la sua facciata, una pietra d’Istria posata nel XVII secolo.

READ  La produzione industriale in Italia è diminuita del 2,6% su base annua a gennaio a EFE

Il Duomo di Mestre è la chiesa di San Lorenzo, situata nel cuore del centro storico. Appartiene al XVII secolo. Entrambi sono liberi di visitare.

come sfogo

Senza andare troppo lontano, prendi il tram 1 (due tram e autobus per la città) e scendi in una delle stazioni di San Marco Sansovino o del Castello e puoi visitare. Forte Marghera, Costruzione da parte delle forze francesi e austriache all’inizio del XIX secolo. Faceva parte di un accampamento militare che rappresentava la più grande struttura difensiva della laguna veneziana. Una parte dei barili militari è stata utilizzata dai soldati durante la seconda guerra mondiale. Oggi, in pieno recupero, ha di tutto, dalle spiagge ai punti picnic. L’Osteria Sociale Gatto Rosso serve spuntini ed è un’ottima opzione per pranzare all’aperto o cenare di fronte al Canale Salso. A bordo, a destra del canale, c’è un posto perfetto per aspettare il tramonto

La spiaggia più vicina a Mestre è una valida opzione. Ma non è solo sabbia e mare. Carlo, Ad esempio, a meno di un’ora di auto, c’è un bellissimo casone di pescatori, con la stessa pratica riconosciuta di Burano, le cui case sono dipinte di colori diversi in modo che il sinuoso proprietario possa riconoscerlo dal mare. La sua spiaggia è ampia e tranquilla. Le sue due rinomate spiagge: Spiaggia di Levante e Spiaggia di Ponente (Est e Ovest), sono separate dall’edificio più simbolo della città: la Chiesa del Madonna dell’Angelo. Sì, una chiesa in riva al mare. Ogni cinque anni è sede di una processione di barche che portano in mare la statua della Vergine.

READ  Courteney Cox, 58 anni, indossava un micro bikini in Italia

La cattedrale, con il suo caratteristico campanile pendente, si trova nel centro storico. Piazza Vescovato, Risale all’XI secolo ed è in stile romanico con alcuni elementi bizantini. Una serie di specchi d’acqua creano un labirinto di canali che confluiscono nel Carl’s Pond. Un luogo perfetto per allontanarsi dalla depressione, dove regna la pace assoluta. Era uno dei posti preferiti di Ernest Hemingway quando soggiornava nella vicina città di San Gaetano.

Sembra a pochi chilometri da lì Eraclea, è la meta balneare più scelta dai residenti della zona che abitualmente trascorrono qui il fine settimana a casa. Il Centro Equestre è una destinazione prestigiosa grazie al suo particolare circuito dell’estuario del Piave e alla riserva naturale della Laguna Del Mart. La città segue uno stile di vita stagionale, con locali esauriti in estate e una tranquilla calma in inverno.

Veduta della Chiesa della Madonna dell’Angelo sulla spiaggia di Carle

Jesolo, come una copia di Nizza sulla Costa Azzurra, si trova tra la foce del fiume Vela e il fiume Piave. Circondata da paludi e con sabbia finissima, dista più di 15 km. Costiera, 500 km, 13 km, lungo circuito per biciclette. Viali dedicati allo shopping e più di 600 negozi e ristoranti.

Punta Sabbioni è il posto migliore per ottenere un’immagine perfetta del paesaggio insulare veneziano. Da qui puoi prendere un trasporto diretto attraverso la laguna fino a San Marco. È il sito più estremo della Terraferma verso l’arcipelago, l’estremità della costa di Cavallino Trebordi, ricca di frutteti e fortezze (come Trebordi, Batteria Amalfi e Pisani), che completa la curva iniziata a Forte Marghera, che ospita anche un museo. della Prima Guerra Mondiale. La sua spiaggia è ampia e raramente visitata con dune, ed è l’unica della regione che accetta i cani. Boca de Porto ha un terrapieno molto lungo con una passerella centrale e scogli pedalabili fino alla fine, dove si trova il faro.

Sulla scalinata si raggiunge Leo Piccolo, l’insediamento più antico della zona. Un piccolo paese costellato di valli da pesca, disciplinate fin dall’anno 1000.

Un’ultima chicca: Playa en Llamas, uno spettacolo pirotecnico lungo 15 km, si tiene ogni anno ad agosto. è lungo. Il segreto? Gustalo dall’acqua a cena o di notte, perché a Venezia si parla sempre di acqua, che sia in terraferma o sulle isole.

Conoscere il regime di fiducia