Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

In che modo l’alleanza tra Cina e BRICS per l’uscita dal dollaro incide sull’Argentina?

In che modo l’alleanza tra Cina e BRICS per l’uscita dal dollaro incide sull’Argentina?

La decisione della Cina di iniziare a smaltire le sue ingenti scorte di titoli del Tesoro statunitense è un altro passo nel processo di de-dollarizzazione che la superpotenza sta cercando di attuare con i suoi alleati del gruppo BRICS e del mondo arabo, per guidare la scena internazionale.

Secondo le stime di Bloomberg basate sui dati ufficiali del Dipartimento del Tesoro, Pechino ha venduto un totale di 53,3 miliardi di dollari in obbligazioni statunitensi durante i primi tre mesi del 2024.

Questi movimenti danno il via a una disputa geopolitica che quest’anno porta segnali di continua crescita, soprattutto con le elezioni nordamericane di novembre che vedono l’Argentina molto lontana dal gruppo BRICS, uno dei principali blocchi di potenza globale che alimenta la Cina e che fino al Dopo l’emergere di Miley, l’Argentina era sulla buona strada per unirsi al blocco come il secondo paese A dell’America Latina dopo il Brasile.

Tuttavia, Miley ha deciso di ritirare la candidatura dell’Argentina per l’adesione ai BRICS e ha iniziato la sua presidenza con una serie di gesti ostili verso la Cina che hanno messo a repentaglio il rinnovo dello scambio, una situazione critica che il ministro degli Esteri Diana Mondino sta ora cercando di invertire.

“Se l’Argentina finisse per schierarsi contro la Cina, la situazione sarebbe molto brutta”, ha detto all’LPO Gabriel Merino, analista e sociologo dell’Università di La Plata. “Può prendere le distanze ed essere politicamente e strategicamente indipendente, e può riequilibrare le sue posizioni Ma ci troviamo in una posizione precaria.” Rischi dovuti al trasferimento di potere a cui stiamo assistendo”.

Merino ha analizzato il processo attraverso il quale la potenza asiatica ha cominciato a prendere le distanze dal dollaro. “La Cina si è sbarazzata dei buoni del Tesoro per anni, dopo aver accumulato quasi 1.300 miliardi di dollari”, ha affermato Merino, aggiungendo che l’attuale movimento “ha un grande peso simbolico e un grande impatto”.

Mondino ora vuole nominare un esperto di Villarroel per risolvere la crisi con la Cina

Merino ha affermato che “il crescente utilizzo del dollaro come arma attraverso sanzioni e altre questioni ha accelerato il processo di de-dollarizzazione, per rimuovere dalle riserve i dollari o le attività dominate dal dollaro”.

READ  Il merito è dei padri, capitolo poli | Tutti i miliardari di età inferiore ai 30 anni hanno ereditato la loro ricchezza

Ha aggiunto: “La tendenza è che le riserve globali in dollari diminuiscano del 72%. Si tratta di un declino lento, soprattutto dopo la guerra in Ucraina e il sequestro della metà delle riserve russe”.

La crescente militarizzazione del dollaro (l’uso del dollaro come arma) attraverso sanzioni e altre questioni ha accelerato il processo di de-dollarizzazione, la rimozione dei dollari o delle attività dominate dal dollaro dalle riserve.

Ma questo non è solo un passo della Cina, ma coinvolge anche i paesi arabi. “Stanno interpretando la stessa cosa in termini di cosa significhi avere riserve in dollari”, ha detto Merino. “Penso che un cambiamento abbastanza fondamentale stia accadendo nell’intero mondo arabo-islamico, compreso anche il mondo persiano vano.” Che abbiamo quattro dei cinque nuovi membri del gruppo BRICS, e tutti provengono da quella regione del cosiddetto Medio Oriente o dal centro dell’Africa e dell’Eurasia”.

Merino ha aggiunto: “Ci sono anche accordi tra la Cina e alcuni Paesi arabi per commerciare petrolio in yuan. Ci sono stati diversi accordi importanti, come quello concluso nel 2021 con l’Iran per 400mila milioni di dollari”, menzionando “la mediazione cinese per regolare la questione” controversia.” Il ripristino delle relazioni diplomatiche tra Iran e Arabia Saudita, o anche il coordinamento dell’Arabia Saudita con la Russia nell’OPEC (il cosiddetto OPEC Plus) per mantenere alti i prezzi del petrolio.

Il presidente Javier Miley.

“Ci sono stati progressi nonostante la pressione esercitata da Washington per produrre più petrolio dall’OPEC e nonostante i prezzi scenderanno e questo danneggerà la Russia nel mezzo della guerra”, ha detto Merino.

Merino ha previsto che “gli Stati Uniti cercheranno di aumentare la pressione sull’idea di una nuova Guerra Fredda o di una guerra mondiale ibrida e di una possibile vittoria di Trump che intensificherebbe quella narrazione, e anche di cercare di spingere per l’allineamento, siete d’accordo? con me o sei contro di me?” “L’Argentina dovrebbe cercare di evitarlo, ma oggi non sarà più così. Al contrario, c’è una reazione eccessiva nell’alleanza con Washington”.

Una guerra fredda a cui nessuno crede più

Ha aggiunto: “Penso che Trump cercherà anche di insistere con più forza sul fatto che, se si rivolgerà nuovamente ai neoconservatori negli Stati Uniti, insisterà molto di più sul Medio Oriente, il suo focus geostrategico, che sull’Ucraina”. .

READ  Tragedia in Libia: un rapporto afferma che le dighe crollate erano danneggiate da più di 20 anni

Riguardo alle elezioni negli Stati Uniti e a cosa potrebbero significare per le future relazioni con la Cina, Merino ha affermato che “se c’è una cosa che repubblicani e democratici hanno in comune, è un messaggio rabbioso anti-Cina, è il grande messaggio sistemico Messaggio.” Contendente alla sconfitta.”

Se c’è una cosa che repubblicani e democratici hanno in comune, è un messaggio rabbioso contro la Cina, il più grande concorrente sistemico che deve essere sconfitto.

“Ciò che a volte cambia tra l’uno e l’altro sono alcune strategie su come affrontare la Cina. Anche se assistiamo già a un forte attacco da parte di Biden, penso che Trump sarà più forte sulla questione della guerra commerciale a causa dei settori in cui opera”. E ha aggiunto: “In ogni caso, Biden vuole allettare parte della base industriale che sostiene Trump con misure protezionistiche molto forti, come nel caso delle auto elettriche”.

Ma questa posizione degli Stati Uniti non è necessariamente condivisa dall’Europa, che vede in questo polo di potere economico un’opportunità che è stata fortemente espressa nella recente visita di Xi Jinping in Francia. Per la Cina, secondo Merino, il riavvicinamento all’Europa è fondamentale per evitare che contro di essa emerga un Occidente unito.

Merino ha dichiarato: “L’anno scorso è stato decisivo che Macron abbia dimostrato un’importante differenza con gli Stati Uniti su due questioni. Per quanto riguarda la questione di Taiwan, Macron ha fortemente sottolineato la questione del principio di una sola Cina”.

“È stato anche un gesto di Macron nei confronti di Xi Jinping quello di respingere l’idea di aprire un ufficio della NATO a Tokyo e di avanzare con la NATO verso il Pacifico, come insistono gli Stati Uniti. Per Francia e Germania il rapporto con la Cina è fondamentale. “Merino ha aggiunto..

“Alcune case automobilistiche tedesche, come la Volkswagen, vendono più auto in Cina che in Europa, e sarebbe disastroso spezzare questo legame. Sarebbe un male anche per la Cina. Nessuno dei due vuole essere trascinato in Cina dagli Stati Uniti. ” Aggiunto confronto.

READ  La storia straziante di un dentista che identifica le vittime di Hamas: “Abbiamo cercato tra i resti i resti di due mascelle”.

In questo senso, spiega Merino, «la fase che stiamo vivendo in Cina è simile alla terza fase del processo iniziato nel 1950. La prima fase di Mao è stata la ricostruzione del potere nazionale, una certa base industriale, condizioni di vita minime, centralizzazione statale, capacità di difesa e riportare la Cina al tavolo delle potenze era inferiore a quello delle grandi potenze, a quel tempo gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica.

Per quanto riguarda Francia e Germania, il rapporto con la Cina è di fondamentale importanza per alcune case automobilistiche tedesche come Volkswagen, poiché il numero di auto vendute in Cina è maggiore rispetto alla controparte europea, e sarebbe inoltre disastroso rompere questo rapporto. Sarebbe un male anche per la Cina. Nessuno dei due vuole che gli Stati Uniti li trascinino nello scontro.

Merino ha continuato: “Poi è arrivata la fase di Deng Xiaoping, di espansione e crescita e di sfruttamento della globalizzazione, ma secondo il proprio modello di sviluppo, con una grande presenza di aziende statali, piani quinquennali e grandi piani quinquennali. ” Guide per lo sviluppo: “Riforme e apertura, ma alla maniera cinese”.

“Ora, l’era di Xi Jinping è la fase finale del consolidamento della Cina, come loro stessi dicono, come un potente paese socialista moderno, come un grande centro. Completando questo passaggio da paese semi-marginale a paese sviluppato. Ci stanno pensando Tra 20 anni”, ha aggiunto.

La Cina prende sul serio gli avvertimenti della NATO e sta rafforzando la sua influenza nel Pacifico

In questo processo, avverte Merino, “per la Cina è importante collegarsi più strettamente con il Sud del mondo per garantire catene di approvvigionamento, materie prime e altri elementi, ma anche, come cosa importante per lo sviluppo, pensiamo che i paesi legati al Sud del mondo” La Nuova Via della Seta, i Paesi del Sud del mondo cominciano ad avere un peso più importante nel commercio estero della Cina rispetto ai Nord del mondo, come Giappone, Europa e Stati Uniti. “Quindi penso che sia qui che la Cina mira a rafforzare la propria presenza nel cosiddetto Sud del mondo”.