Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Imposta sulla ricchezza, omaggio all’estinzione

Solo Svizzera e Norvegia – più 16 regioni autonome spagnole – mantengono in vigore l’imposta sul patrimonio. Il resto delle grandi economie europee lo ha cancellato negli anni ’90 e 2000. Datori di lavoro e associazioni come il Family Business Institute e alcuni accademici sostengono che questa tassa genera perdite di competitività, scoraggia il risparmio, soprattutto in un momento in cui i tassi di interesse sono negativi, e crea anche una doppia imposizione, tassando i beni che già pagavano le tasse al momento della sua creazione .

Quel che è certo è che come si trova in Spagna, è una tassa in via di estinzione nella maggior parte dei paesi occidentali. “Negli anni ’90, un terzo dei paesi dell’OCSE ce l’aveva, ma è stato gradualmente eliminato” (IEB), ha affermato José María Duran Capri, professore di economia all’Università di Barcellona (UB) e ricercatore all’Istituto di economia di Barcellona . “Scompare perché è difficile tassare il capitale in un mondo globalizzato e perché il pool è stato limitato”, aggiunge.

La Germania ha abolito la tassa dopo che i tribunali hanno messo in dubbio come sarebbe stata applicata

“L’evasione fiscale all’interno della legge”, continua il professore, è semplice nei paesi occidentali. Più prove
Quello che è chiaro è che la Comunità di Madrid in Spagna, dove non c’è tassa – perché è sovvenzionata al 100% – attira contribuenti da altre regioni. Un’indagine dei professori David R. Agrawly, Dirk Foremny e Clara Martínez-Toledano dell’IEB ha rivelato che nei cinque anni successivi all’abolizione dell’imposta sul patrimonio a Madrid, la comunità ha ricevuto 6.000 contribuenti di altre regioni che fuggivano dal pagamento delle tasse. Questo onore. nel 2010
E nel 2015, il numero di contribuenti residenti a Madrid che potevano pagare l’imposta sul patrimonio è aumentato del 10%.


Leggi anche

Juan Anton Sanchez Carretti, procuratore generale

Gli imprenditori che lavorano da Madrid o da paesi europei dove non ci sono tasse avranno opzioni migliori per competere rispetto a quelli che devono pagare la suddetta tassa. Gli imprenditori contribuiscono con la maggior parte dei 1.200 milioni di euro raccolti dall’imposta spagnola sul patrimonio. Le loro controparti in paesi come la Svezia o la Germania non sopportano quel costo finanziario, tuttavia operano tutte nello stesso campo da baseball. “Non metterci in condizioni peggiori rispetto ai paesi con cui siamo in concorrenza”, ha chiesto l’Istituto per le imprese familiari nel suo recente convegno, svoltosi l’anno scorso a Pamplona.

READ  Muore a 98 anni Bob Dole, ex candidato presidenziale repubblicano

Nessun paese dell’Unione Europea lo implementa ad eccezione della Spagna; Nel resto d’Europa solo Norvegia e Svizzera

Domani, lunedì, un panel di esperti fiscali sponsorizzato dall’associazione dei datori di lavoro Foment del Tribal presenterà i risultati del proprio lavoro sulla riforma fiscale. Il punto di partenza di questo gruppo, che è stato la rimozione dei suddetti beni, contrasta con il “mandato” ricevuto dall’altro comitato di esperti – quello del Ministero delle finanze – che cerca di armonizzare fissando un’aliquota minima per tutti Comunità autonome spagnole. . Le fonti della suddetta commissione affermano che la richiesta che hanno ricevuto dal governo non riguardava il mantenimento o meno del tributo, ma il modo per migliorarlo.

L’argomento dei datori di lavoro secondo cui l’imposta sul patrimonio scoraggia il risparmio è un argomento soprattutto in un momento di tassi di interesse negativi come quelli attuali. Quando è nata l’imposta, negli anni ’90, l’aliquota di riferimento per il mercato interbancario era del 13,3%, mentre l’aliquota dell’imposta sul patrimonio era dello 0,42%. Ora, d’altra parte, è vero il contrario, al punto che alcune banche addebitano effettivamente commissioni per i grandi depositi bancari ai propri clienti.

Alberto Vaquero, Professore di Economia Applicata e membro del Gruppo di Ricerca GEN dell’Università di Vigo, analizza da anni la tassa: “Negli oltre 40 anni della sua esistenza, e che sarebbe stata una tassa eccezionale, difficilmente sono state apportate modifiche al suo funzionamento, che è molto diverso da quanto accade con un’imposta sul reddito delle persone fisiche o sulle società, che è costantemente aggiornata. Sebbene sia stata introdotta definitivamente nel 1991, esiste dal 1976 in varie forme nella legislazione spagnola.

READ  Guerra russo-ucraina: il Perù vede l'opportunità di aumentare le spedizioni di fibra di alpaca verso l'energia turbolenta in Europa | Economia

Nel caso della Germania, è stato abrogato nel 1997. Doran afferma che i tribunali si sono pronunciati contro il modo in cui sono stati calcolati i beni vincolati, con conseguente abrogazione poiché la loro legislazione non è stata rinnovata. Questo è un esempio delle difficoltà nel decidere cosa tassare.

3,75% è l’aliquota fiscale massima pagata in Spagna (in Estremadura) rispetto all’1,5% in Svizzera o allo 0,85% in Norvegia

Un’altra lacuna del modello individuata dal Family Business Institute è che le tasse sono più alte per i contribuenti facoltosi
basso che alto. secondo
Secondo gli ultimi dati disponibili, il 51% del pool è sostenuto da depositanti con asset fino a 3 e 3,5 milioni, mentre il resto è contribuito da contribuenti con più asset. Tra le altre ragioni, ciò si verifica perché l’aliquota effettiva è più alta per il contribuente medio tra coloro che sono tenuti a presentare una dichiarazione.

Nel 2019 c’erano 212.000 inserzionisti di ricchezza in Spagna. Di questi, il 39,2% lo ha fatto dalla Catalogna, che equivale a 79.876 persone. A Madrid, il totale dei contribuenti con più di due milioni di attivi, che devono fornire una dichiarazione ridotta del 100%, è 19.090. Negli ultimi sei anni, più cittadini sono tenuti a presentare una dichiarazione a Madrid (14,5% in più). che in Catalogna (12,3% in più) ) in più. La possibile ipotesi di questa maggiore crescita nella capitale della Spagna è dovuta al potere di attrazione di grandi fortune che cercano di non imporre tasse a questa controversa figura.

La maggior parte dei paesi ha eliminato la tassa tra gli anni ’90 e 2000

Ci sono due possibili spiegazioni del motivo per cui le società indipendenti mantengono l’onore nonostante la risposta di imprese e accademici, risponde il professor José María Duran Capri. Il primo è non perdere il gruppo, e il secondo può essere legato a ragioni politiche, presentarsi come un’amministrazione di tassazione del patrimonio. Il professor Alberto Vaquero precisa che “se la disuguaglianza di ricchezza, come indicato dall’OCSE, è un problema da risolvere, è necessario aggiornare questa tassa per seguire questa raccomandazione”.

READ  Roberto Gualtieri, sindaco nerd di Roma

Anthony Mort, partner di EY Abogados, collabora al rapporto che la società di servizi professionali prepara annualmente a livello europeo. Mert spiega che i dati raccolti da EY confermano che, ad eccezione della Spagna, nessun paese dell’Unione Europea lo implementa. Al di fuori dell’Unione Europea, Norvegia e Svizzera lo fanno. Ci sono altri paesi in cui una parte della ricchezza è tassata, ma in un modo che non è in alcun modo paragonabile a un’imposta sul patrimonio.

Il Tesoro spagnolo ha il tasso più alto, compreso tra lo 0,2% e il 3,75%.
Il minimo esente è di 700.000 euro, anche se alcune comunità come la Catalogna lo hanno ridotto a 500.000 euro. L’attuale pool è di 1.219 milioni di euro, che equivale allo 0,11% del PIL.

In Norvegia, la tassa è divisa in due parti. Il primo, in ragione dello 0,15%, è versato allo Stato e l’altro 0,7% all’erario comunale. L’esenzione minima è di 1,5 milioni di corone norvegesi (146.000 euro). Il gruppo è pari a circa lo 0,56% del PIL. Questo omaggio, come la Svizzera, risale alla fine del XIX secolo, quindi la sua origine è diversa da quella della Spagna. In Svizzera, la domanda e l’importo dipendono da ciascun cantone. La tariffa da pagare può arrivare fino all’1,5%. La raccolta è 1,23% del PIL.

I datori di lavoro affermano che danneggia la competitività e il risparmio e presuppone la doppia imposizione

La Francia ha abolito l’imposta sul patrimonio nel 2018 e l’ha sostituita con un’imposta specifica sull’acquisizione di beni immobili. In Italia c’è anche n. Non vi è imposta solo sui beni residenti all’estero. In Belgio l’anno scorso è stata reimpostata una tassa sui portafogli di valore superiore a 1 milione di euro. Non esiste un’imposta sul patrimonio nei Paesi Bassi, ma i guadagni stimati dal patrimonio sono soggetti a un’imposta speciale. Nel caso della Spagna, questi profitti effettivi sono tassati dall’imposta sul reddito delle persone fisiche.