Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il vicepresidente colombiano rifiuta di classificare Cuba come dittatura: “La democrazia non si misura solo dall’aspetto elettorale”

Il vicepresidente colombiano rifiuta di classificare Cuba come dittatura: “La democrazia non si misura solo dall’aspetto elettorale”

Francia Marquez ha affermato che la Colombia ha sofferto di dittature, ma ha rifiutato di classificare Cuba come tale: la dittatura e la democrazia di un paese non si misurano solo in base agli aspetti elettorali. Fotografia: Henry Romero/Reuters

Vicepresidente della Colombia, Francia Marcheseha rifiutato di descrivere il sistema cubano come a dittatura Invece, ha elogiato il suo sistema sanitario anche se ha detto che la Colombia ce l’aveva. Questo è stato durante un’intervista con i media colombiani settimanache le ha chiesto di una recente visita sull’isola.

La giornalista Vicky Davila gli ha chiesto direttamente se Cuba fosse una dittatura. E il vicepresidente colombiano ha scrollato le spalle: “Ma perché? In altre parole, era una dittatura confinata, una dittatura come dici tu, ma non mandate armi. Mandate medici. Non è fantastico?”

Il giornalista ha insistito: “Per te Cuba è una dittatura o no?” “Ho messo le qualificazioni, non la metterei così. Non la metto così… Rispetto l’autonomia di ogni popolo e la sovranità di ogni popolo. Ogni città decide come organizzarsi politicamente”.

Marquez ha sottolineato che la responsabilità di quanto accaduto sull’isola è degli Stati Uniti: “Lei non ha potuto prendere la decisione perché le autorità glielo hanno impedito. Gli Stati Uniti glielo hanno impedito”, ha detto.

Poi Davila ha insistito: “Sai da quanto tempo è rimasto Fidel Castro, questa è una dittatura”. Il vicepresidente ha risposto:Non ce l’avevamo qui? Vicky? Ha poi aggiunto che nonostante ci siano state le elezioni in Colombia, “con risultati in cui l’ingiustizia e la disuguaglianza sono le più grandi al mondo… La dittatura e la democrazia di qualsiasi paese non si misurano solo con le elezioni“.

READ  Le tempeste non si fermano in California: l'ottava tempesta consecutiva causerà "inondazioni catastrofiche"

Per Marquez la dittatura “non si misura solo dalle elezioni, si misura dai cambiamenti sociali, si misura dalla garanzia dei diritti della società”. Ha confermato ancora una volta quanto detto durante la sua permanenza nell’isola caraibica: “Ho detto che lo ammiro, l’ho detto. Ammiro il sistema sanitario che supporta professionalità, blocco e tutto, migliaia di connazionali, compresi i colombiani. Perché più di un migliaia di persone si sono formate lì e non hanno avuto L’opportunità è qui, nella nostra nazione e nel nostro paese. L’hanno avuta in un altro paese assediato o dittatoriale”, dice.

Francia Marquez ha affermato che la Colombia ha sofferto di dittature, ma ha rifiutato di classificare Cuba come tale: la dittatura e la democrazia di un paese non si misurano solo in base agli aspetti elettorali. EFE / Ernesto Mastrascusa / Fascicolo

Dal 1959, l’isola caraibica ha subito la dittatura più lunga del continente, sotto un regime Una festasenza spazio per voci dissenzienti o una stampa indipendente e dove il dissenso è severamente punito prigionia o esilio Milioni di persone.

Secondo l’ultimo rapporto diffuso dalla Ong Difensori dei prigionieriin realtà lì 1066 prigionieri politici a Cuba Tutti vengono regolarmente torturati. “Solo negli ultimi 12 mesi, abbiamo confermato e aggiunto alla nostra lista 282 nuovi prigionieri politici a Cuba”, ha affermato l’ONG. Tra loro ci sono 30 ragazzi e 4 ragazze, per un totale di 34 minorenni, che stanno ancora scontando condanne (30 di loro) o sottoposti a procedimento penale (4 di loro).

A gennaio sono stati registrati 11 nuovi casi di prigionieri politici, “dovuti alla persecuzione di attivisti che cooperano in solidarietà con le famiglie dei prigionieri politici per evidenziare la loro situazione”. Sono invece usciti dalla lista 22 detenuti, la stragrande maggioranza dei quali dopo aver ottemperato in pieno alla pena inflitta dal regime. Miguel Diaz-Canel.

READ  Drammatica rapina in una gelateria di San Telmo: sono state accettate addirittura mance e il dipendente aggredito ha avuto un attacco di panico

Ha aggiunto che i prigionieri subiscono “sentenze giudiziarie o sentenze che limitano la libertà dell’accusa senza alcuna supervisione giudiziaria o difesa legale, in flagrante violazione del diritto internazionale che protegge le procedure legali e l’effettiva difesa”.

Prisoners Defenders ha presentato una denuncia alle Nazioni Unite che “dimostra con rigore legale la sistematica violazione dei diritti in tutti i casi di detenzione politica a Cuba, con modelli diffusi di violazione dei diritti fondamentali in tutte le fasi del procedimento penale, dall’arresto alla condanna”.

Continuare a leggere:

Persecuzione a Cuba: i difensori dei prigionieri denunciano la registrazione di 1.251 prigionieri politici l’anno scorso