Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il puma ha sofferto come nelle parole del tango |  L’Argentina batte Samoa nella Coppa del mondo di rugby in Francia

Il puma ha sofferto come nelle parole del tango | L’Argentina batte Samoa nella Coppa del mondo di rugby in Francia

I Puma hanno resistito agli indomiti samoani, alla pioggia, alla palla di sapone e ai loro dubbi come se ballassero il tango. lettera Rosa arancione Sembra che sia stato ascoltato allo Stade Geoffroy-Guichard di Saint-Etienne. “Prima di tutto bisogna saper soffrire…”, cantava il polacco Gojnicz, e la nazionale argentina ha realizzato questa ipotesi. Per vincere una partita chiave, dovranno continuare a sperare nella Coppa del Mondo e scrollarsi di dosso un’amara sconfitta all’esordio con l’Inghilterra. Il cartellino dice 19-10 che avrebbe dovuto essere più sciolto e rassicurante, ma così non è stato. A due minuti dalla fine il Samoa è a portata di meta trasformata (16 a 10) e lo storico tallonatore Crevi, ex capitano e con più di cento presenze, commette un atterramento su una possibile meta. È stato il primo errore non forzato della squadra in uno scontro di abilità poiché gli isolani sono sempre rimasti vicini al punteggio.

C’è stato un miglioramento per i Los Pumas rispetto alla prima partita. Il possesso palla è stato più pulito, la concentrazione non è venuta meno e il colpo si è rivelato lo strumento offensivo più utile, anche se davanti a noi avevamo una Samoa appassionata e non una chirurgica Inghilterra che ha vinto a Parigi.

Questa è stata la notizia che è rimasta impressa, anche se la classifica mondiale di rugby colloca questa volta l’Argentina solo una posizione dietro i perdenti (10° e 11°). Se le differenze sembrano maggiori, sono presenti nella testa di alcuni specialisti. Pensavano che se la squadra si fosse rivolta a quella che aveva combattuto con maggiore forza, avrebbe vinto. Né per capienza né per un punto in più, ma è stata vinta. Questo è quello che è successo. Anche se c’è un’overdose di sofferenza atletica.

READ  National League: il Boca ha lasciato una vera lotta contro Quimsa e ha pareggiato la serie

Adesso la possibilità di qualificarsi ai quarti di finale è un’altra questione. Perché sta arrivando il Cile (il concorrente più debole del girone D), e alla fine c’è il Giappone, ed è una partita che merita la stessa o maggiore attenzione di Samoa.

Circa 200mila persone vivono nelle isole della Polinesia e amano il rugby oltre ai loro rituali. Per questo motivo hanno accolto con favore la danza della spada Maori Tao, A PrenderePer stile Tutti neriLa squadra è guidata dall’australiano Michael Cheika. Più voce e apparentemente meno aggressiva. Ma la partita era iniziata e i samoani si sentivano pesanti e fisici per lo scontro testa a testa. Dopo 35 secondi, uno di loro, Bayawa, aveva già ricevuto un cartellino giallo per un salto da Santiago Carreras. Dieci minuti più tardi i Pumas ne approfittano per sostenere il loro unico tentativo. Anche il suo autore Bovelli lo trasformò. Il vantaggio di 7-0 inizia a regalare un rassicurante vantaggio iniziale. Un nuovo calcio di rigore di Rosario ha aumentato i numeri (10 a 0), un altro gol di Samoa ha ridotto il punteggio e un altro gol di Bovelli ha permesso all’Argentina di finire la prima fase 13-3.

Alcune buone situazioni di meta sono già state perse e la partita sembra essere sulla buona strada. Soprattutto quando il giocatore scozzese dell’Edinburgh Rugby ha allungato nuovamente dal dischetto (16-3). Ma Samoa, un’isola abitata per qualche motivo da cittadini bellicosi, era molto chiara sul fatto che avrebbe venduto la sua sconfitta a caro prezzo. Con perseveranza e alcune risposte sporadiche, mantieni la sensazione di essere nel gioco. Già nel secondo tempo l’inettitudine dei Los Pumas ha fatto la differenza nel risultato.

READ  La squadra di atletica leggera di Madrid è tornata

Samoa era la patria di Stevenson, autore di Isola del tesoro. Visse i suoi ultimi anni nella capitale, Apia, dove nella casa in cui visse fino al 1894 è conservato un museo. Il tesoro di Samoa è la sua cultura speciale, la sua lingua è piena di vocali e nomi che nessun estraneo può pronunciare, e lì, in un angolo del suo patrimonio indigeno, dovrebbe essere riservato un posto al rugby. Per questo motivo lo suonano con la stessa passione di altri popoli della regione del Pacifico, come i popoli delle Fiji e dei Tonga. Per non parlare della Nuova Zelanda che ha buoni rapporti di vicinato e fornisce giocatori alle sue squadre.

Perdendo per la sconfitta e affrontando un rivale che continuava a commettere errori amministrativi o prendere decisioni sbagliate vicino alla porta avversaria – l’allenatore Michael Cheika ha detto che dovevano essere “più efficaci negli ultimi metri” – gli Islanders sono andati in fumo contro i Los Pumas. Hanno segnato con una meta che li ha portati più vicini al 16-10. Sembra che la notte stia arrivando 6 minuti prima della fine della notte. Finché non si è presentato un altro storico membro dei Los Pumas, Nicolas Sanchez di Tucuman. Con Cubelli, suo partner nella coppia mediatica, dovevano arrivare presto. Santiago Carreras e Bertrano hanno commesso diversi errori con i piedi e non hanno più dato risposte precise.

Il mediano d’apertura e capocannoniere dell’Argentina con 849 punti, ha calciato un calcio di rigore in mezzo al campo e ha annullato ogni reazione un minuto prima della fine della partita. Lo celebrò con una parola che segnò il suo sollievo: “Bombazo”. Non è stato necessario alcun lettore labiale quando le telecamere hanno catturato le immagini al rallentatore di Sanchez.

READ  Sabato 3 giugno si svolgerà a Caja Mágica la partita finale dei Fitboxing World Games

I Pumas hanno fatto un passo avanti, anche se serve ancora un passo per essere più affidabili. Forse dovrebbero provare altri metodi e continuare a salire i gradini di ciò che è stato costruito. La Coppa del Mondo non lascia molto spazio a ciò che verrà, se supereranno la fase a gironi.

A Samoa cucinano con quello che chiamano così OmoUn forno costruito al piano terra. Quindi, con i piedi per terra, la scelta va fatta passo dopo passo. Ha ricevuto un enorme sostegno da parte dei tifosi argentini sugli spalti del Saint-Etienne. Un’iniezione mentale che può essere paragonata alla haka Maori. Si è fatto sentire, anche se veniva dall’estero.

[email protected]