Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il piano per il ritorno sulla Luna: gli Stati Uniti sono sull’orlo di un fallimento cosmico e storico  La missione speciale ha ricevuto finanziamenti dalla NASA

Il piano per il ritorno sulla Luna: gli Stati Uniti sono sull’orlo di un fallimento cosmico e storico La missione speciale ha ricevuto finanziamenti dalla NASA

La navicella spaziale Peregrino 1, il cui obiettivo era raggiungere il suolo lunare e che è decollata nelle prime ore di lunedì, si trova ad affrontare problemi tecnici che mettono a repentaglio una missione dai toni storici. Questo ostacolo minaccia le speranze degli Stati Uniti, che sperano per la prima volta in 50 anni di mettere un robot su un satellite naturale, un’area i cui pionieri sapevano come farlo meglio di chiunque altro nel mezzo della Guerra Fredda. Oltre al problema legato ad una “anomalia della propulsione” individuata sette ore dopo il lancio, si è verificata una “grave perdita di carburante”. La missione è guidata da Astrobotic, una società privata con esperienza in questo campo che ha ricevuto il sostegno della NASA. Data l’impossibilità di portare avanti il ​​piano originale, i funzionari stanno esaminando opzioni praticabili.

Il progetto di colonizzazione spaziale che gli Stati Uniti hanno iniziato a diffondere sta vivendo la sua prima battuta d’arresto. Il tentativo fa parte della Commercial Lunar Payload Services Initiative della NASA, che da tempo sta valutando la possibilità di promuovere il suo piano per tornare sulla Luna. Un razzo Vulcan Centaur è decollato con successo lunedì dalla stazione spaziale di Cape Canaveral in Florida. Un'ora dopo il lancio, l'unità Peregrino 1 (2 metri di altezza, 2,5 metri di larghezza, 120 kg di capacità) è riuscita a separarsi con successo e tutto è andato secondo i piani. Tuttavia, il primo problema è sorto perché l’apparecchiatura di controllo sulla Terra non era puntata correttamente verso il Sole. La nave doveva farlo in un modo specifico in modo che i suoi pannelli solari potessero catturare la maggior quantità di energia per alimentarla. Questo ostacolo è stato seguito da un'enorme perdita di carburante, che ha ulteriormente offuscato le possibilità dell'iniziativa di raggiungere le terre asciutte.

READ  I tre fantastici giochi sono disponibili gratuitamente su Steam per un periodo limitato

Così si esprimono dall'account di Astrobotic, attraverso il social network Soft landing on the moon. Dal resoconto ufficiale della NASA, hanno colto l'occasione per fornire un messaggio di incoraggiamento di fronte all'inaspettato“Ogni missione è un'opportunità per imparare. Siamo orgogliosi di lavorare con i nostri partner per far avanzare l'esplorazione lunare.”

Al momento di chiudere questa nota, La comunicazione con la nave è stata persa. Secondo il percorso spaziale tracciato, Peregrino 1 avrebbe dovuto raggiungere l'orbita lunare; Rimase lì per diverse settimane fino allo sbarco sulla Luna il 23 febbraio, in una regione a media latitudine chiamata Golfo di Viscosità. Questo sito, secondo quanto accertato, milioni di anni fa era dominato dalla lava vulcanica.

Copiato Al-Hajj 1 Strumenti scientifici utili per studiare le radiazioni e la composizione della superficie lunare; Oltre a un piccolo veicolo (delle dimensioni di una scatola di scarpe) progettato da un team di esperti della Carnegie Mellon University. Inoltre, come tutte le missioni, questa includeva oggetti eccentrici: Bitcoin fisici, resti cremati e DNA di 70 persone inviati da Elysium Space, una società di sepoltura spaziale. Tra le mostre ci sono quelle di Gene Roddenberry (creatore di Star Trek), dell'autore Arthur C. Clarke e di tre ex presidenti: George Washington, Dwight Eisenhower e John F. Kennedy.

E anche un fallimento geopolitico

Oltre alla disputa sulle risorse naturali essenziali come il litio o sullo sviluppo di tecnologie all’avanguardia legate all’intelligenza artificiale, gli Stati Uniti stanno concentrando la maggior parte dei loro sforzi internazionali sulla vittoria di altre gare che possano essere nuovamente verificate, a fronte di nei prossimi anni, il ruolo di “superpotenza”. L’area di conflitto già nota è quella aerospaziale e il governo di Joe Biden lo sa. Recentemente, per non cedere ad altri paesi come la Cina e l'India, gli Stati Uniti si sono rivolti al settore privato per poter, in collaborazione con la NASA, conquistare parte dell'universo prima dei suoi concorrenti.

READ  Il re degli sparatutto realistici è tornato e con la sua nuova grafica causerà un sacco di guai: questo è Arma Reforger

Il capitalismo non ha confini e gli Stati Uniti accolgono con favore la presenza del satellite Potrebbe diventare una base premium per le future transazioni commerciali nei prossimi decenni. La conoscenza scientifica e tecnologica apre nuovi mercati e possibilità inaspettate. In questa missione astronomica, la NASA ha speso più di 100 milioni di dollari. Allo stesso modo, un’altra società chiamata Intuitive Machines lancerà il proprio razzo il prossimo febbraio con l’obiettivo di raggiungere il polo sud della Luna.

In questo contesto, gli Stati Uniti intendono rendere le missioni sulla Luna sempre più frequenti, redditizie e rapide. Tutto questo alla luce della missione Artemis, il programma della NASA che organizza – ancora una volta – missioni con equipaggio. La conquista della Luna sarebbe un passo intermedio verso il grande premio: acquisire esperienza e la spinta per raggiungere Marte intorno al 2050.

Lontano dal fallimento che il Pilgrim 1 incarna oggi, se si rivede la storia – e per essere onesti – gli atterraggi morbidi sono più l'eccezione che la regola. Nell’agosto 2023, in modo eroico, l’India si è unita all’Unione Sovietica, agli Stati Uniti e alla Cina. In effetti, altre potenze scientifiche e tecnologiche come il Giappone o Israele non hanno subito la stessa sorte. In assenza di un'atmosfera favorevole per l'impiego del paracadute, il destino delle missioni dipende da dispositivi di propulsione che siano in grado, in una certa misura, di evitare la collisione e la distruzione della nave davanti al suolo lunare.

L'ultimo successo americano è stata la missione Apollo 17 52 anni fa. L'attesa è lunga e la festa è lunga.

READ  Occuparsi! Diablo 4 distrugge alcune schede grafiche, ma c'è davvero una soluzione che devi applicare: ti diciamo come evitarlo - Diablo IV

[email protected]