Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il piano di investimenti di Drake “aveva bisogno di rilanciare la crescita

Jumpstart Italia fa affidamento sugli investimenti pubblici per la crescita a lungo termine dopo l’epidemia, ma una politica monetaria espansiva basata su ipotesi di crescita alquanto ottimistiche solleva inevitabili dubbi sulla sostenibilità del debito a lungo termine.

All’inizio di questo mese, il governo italiano ha presentato il suo piano finanziario e le strategie economiche per il 2021 nell’ambito del documento economico e finanziario (DEF). Questa settimana, il governo del primo ministro Mario Draghi ha svelato piani storici per un uso prudente di 191,5 miliardi di dollari in prestiti e sovvenzioni dell’UE. – Rivolto alle regioni meridionali meno sviluppate dell’Italia, compresa la spesa in aree critiche come il cambiamento climatico, la digitalizzazione e le infrastrutture – 70 miliardi di dollari in altre risorse dell’UE e nazionali e relativa riforma delle infrastrutture.

Il governo prevede che l’Italia crescerà del 4,5% quest’anno e del 4,8% nel 2022, scendendo nuovamente al 2,6% nel 2023, all’1,8% nel 2024 e all’1,1% entro la fine del decennio. Tutte le implicazioni dei finanziamenti forniti dal Programma Nuova Generazione (NGEU) dell’UE sono il più importante beneficiario nella regione italiana.

“La crescita sostenibile di oltre l’1% all’anno dopo il governo 19, nonostante il sostegno economico positivo delle NGU e dei relativi investimenti pubblici, sembra molto ottimista. Guardando a ciò che è accaduto negli ultimi dieci anni, la crescita economica ha portato a un virus corona crisi. Il decennio precedente era in media dello 0,3% “, ha affermato Dennis Shen, capo analista di Scope, Italia.

Nell’ambito, stimiamo la crescita potenziale dell’Italia allo 0,7%, che è simile alla stima dell’amministratore di una crescita dello 0,8-0,9% nel medio termine, in condizioni gestite dal governo con un utilizzo incompleto dell’NGEU. “La crescita economica reale dell’Italia è rimasta indietro rispetto alle stime di crescita potenziale relativamente modeste negli anni precedenti l’epidemia, costringendo Scope a sovrastimare il potenziale di crescita economica futura”, afferma Shane. “La portata dell’impulso per questo storico piano di investimenti per dare una crescita post-Govt-19 non è chiara in questo momento, dipende dall’efficacia della sua attuazione”.

READ  Santiago Carson vince il trofeo San Michel questa domenica a Foligno, Italia - Mundo Ciclastico Magazine

Il governo si aspetta uno stimolo economico attraverso un pacchetto di finanziamenti aggiuntivo di $ 40.000 milioni (2,4% del PIL entro il 2020), a seguito della precedente serie di aiuti di $ 32.000 milioni per “DL Sostechni”.

È probabile che il deficit di bilancio dell’Italia aumenti a breve termine: la stima del governo per il 2021 è dell’11,8% del PIL – ben al di sopra della sua precedente stima del 7%, e la previsione di dicembre di Scope per il 9% per quest’anno – prima di scendere al 5,9% l’anno prossimo e 2025 Maastricht cap del 3% annuo. Secondo le previsioni del governo, il debito pubblico salirà a circa il 160% del PIL nel 2021 e al 156% nel 2020, prima di scendere al 135,5% del PIL nel 2032, nel contesto degli “effetti NGEU completi” di 134,8 prima della crisi. vicino al livello%.

“A nostro avviso, è improbabile che l’Italia sposti i tassi del debito ai livelli pre-crisi”, afferma Giulia France, co-analista di Scope. “Il rischio di un deficit di bilancio è più parziale perché molte case e aziende potrebbero aver bisogno di sostegno a lungo termine e le prospettive di crescita possono essere ottimistiche. È determinare quando il sostegno pubblico di alcuni dipartimenti verrà ritirato per consentirgli di farlo, mentre a allo stesso tempo consentendo alcuni fallimenti “.

“Alla luce dell’attuale spostamento dall’eredità finanziaria a favore di politiche a favore della crescita, i controlli pre-crisi e i controlli sull’entità della spesa sono stati allentati da questa crisi”, afferma Shane. “Il controllo del mercato sull’elevata spesa pubblica e sugli eccessi può anche essere contenuto a lungo termine perché l’intervento di ECP ha stabilito un’opzione di investimento implicita, che può avere effetti duraturi anche dopo che la banca centrale inizia a declinare, limitando l’intento di mercato”.

READ  Salvini sotto processo in Italia per "rapimento" di passeggeri su una barca con immigrati - Telam

“Abbiamo già notato che le previsioni del governo, del Fondo monetario internazionale e di altre istituzioni che rappresentano un rapido e costante calo dei tassi del debito pubblico italiano dal 2021. Al contrario, ci aspettiamo che il tasso italiano segua una traiettoria al rialzo per tutto il ciclo, a lungo termine. Il debito pubblico potrebbe raggiungere un livello significativamente superiore al 160% del PIL “, afferma Shane.

Ma allo stesso tempo l’Italia non ha bisogno di tornare al livello di debito pubblico pre-crisi.

“L’Italia è in grado di mantenere tassi sui prestiti leggermente più alti agli attuali livelli di rating del credito PPP + rispetto a prima della crisi. Ciò è in parte dovuto alla valuta europea straordinaria e al sostegno finanziario, ma anche a miglioramenti di profilo. Del debito pubblico italiano”, ha detto la Francia .

Il costo medio del debito in essere è sceso dal 4% nel 2012 al 2% quest’anno. Poiché il rendimento del PDP a 10 anni è appena dello 0,8%, il costo medio del debito in essere continuerà a diminuire. Il Tesoro italiano ha allungato la vita media di un prestito di 7 anni dai 6,7 dell’agosto dello scorso anno.

“Anche se l’attuale rapporto debito / PIL del 160% in Italia non è un segno automatico di crisi come 10 anni fa, ci sono dei limiti a ciò che l’Italia può detenere all’interno di un’unione monetaria che non appartiene al governo italiano. Politica monetaria indipendente”, afferma Shen. .

“Alla fine, lo spazio monetario crea lo spazio finanziario, e l’entità della crisi finanziaria, ad esempio, dipende dalla fiducia del mercato nell’efficacia delle politiche del governo italiano, anche con livelli di debito più elevati per spendere il contrario in un crisi futura. Questa fiducia può essere alta al momento, ma dipende dal sostegno che l’ECP è disposto a fornire all’Italia e agli altri Stati membri della zona euro. E i limiti che la banca centrale deve affrontare nel fornire supporto continuo “, ha detto Shen.

READ  Più di 500 giocatori | Washington stringe i legami con la Germania

“Al momento, crediamo che l’Italia, con il suo debito pubblico elevato, abbia un posto finanziario nella crisi imminente, in parte grazie alla capacità dell’ECP di stabilizzare le condizioni di mercato, ma questo non significa che i governi possano ignorare le sfide del lungo – termine stabilità finanziaria “, conclude la Francia.