Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il consumatore spagnolo dà più priorità al prezzo e va meno al negozio a causa di Covid | Aziende

La pandemia ha portato nuove abitudini e routine di consumo che minacciano di essere lasciate indietro una volta lasciate definitivamente alle spalle. Ma ha anche minato il sentiment dei consumatori che non vedono una prospettiva immediata di ripresa, cosa che avrà anche un impatto diretto sulle loro decisioni di acquisto.

Ciò è dimostrato dai risultati del rapporto Future Consumer Index, che smonta il consumatore nell’ambiente post-vaccinazione, preparato da EY. Questi risultati rivelano che nei primi mesi di quest’anno l’incertezza sulla fine dell’epidemia e sulla situazione economica che ne deriva ha rafforzato una caratteristica del consumatore spagnolo: la sua attenzione principalmente al fattore prezzo come fattore decisionale al momento dell’acquisto. Il 64% degli intervistati da EY per la redazione del report lo ha citato come la componente più importante, un aumento di nove punti rispetto alla percentuale del precedente rilascio dello stesso report.

In effetti, è una priorità più alta in Spagna che in altri paesi vicini, come la Francia, dove il fattore predominante è nel 41% dei casi; Germania 38% o Regno Unito 49%. Solo l’Italia si avvicina al 61%.

“L’economia spagnola ha bisogno di un consumatore che voglia tornare alla sua routine e ripristinare i suoi livelli di spesa, e sembra che questo non arriverà fino a quando il processo di vaccinazione non prenderà slancio e la maggior parte della popolazione sarà immunizzata”, secondo l’analisi di Javier Fillo, partner responsabile del settore distribuzione e beni di consumo di EY. “I numeri mostrano un consumatore più cauto ed economico”, afferma David Samo, partner responsabile di EY-Parthenon, il braccio di consulenza strategica di EY.

READ  XPO Logistics gestirà i servizi di trasporto in Italia dalla Spagna | Aziende

Meno lusso

Le priorità successive sono la qualità dei prodotti e i benefici per la salute, mentre il lusso fa dimagrire: il 44% degli intervistati riconosce che si tratta di un fattore meno importante rispetto a prima della pandemia.

Questa è anche una delle categorie in cui la spesa dei consumatori è diminuita maggiormente. Il 61% ha ammesso di ridurlo. Le attività fuori casa fanno la differenza, con il 77% degli intervistati che dichiara una spesa inferiore, seguita da ferie, iscrizioni in palestra, abbigliamento e scarpe.

Quelle che invece sono aumentate di più sono i prodotti per le pulizie, l’igiene domestica, i servizi di consegna a domicilio degli acquisti e il cibo che deve essere portato con sé o consegnato a casa.
Ci sono anche modifiche al modo in cui acquistano: il 60% si rende conto di andare meno al negozio fisico e nove punti in più rispetto al rapporto precedente. Al contrario, il canale online sta crescendo in tutte le categorie di prodotti come canale di acquisto. “Siamo di fronte a un nuovo paradigma in cui il consumatore non solo ha aumentato i consumi in casa, ma ha anche iniziato a costruire il suo stile di vita intorno alla sua casa”, afferma Javier Vello.

Nel frattempo, la fiducia nella ripresa è sfuggente. Il 54% degli intervistati ritiene che la ripresa si estenderà oltre il 2021 e il 42% ritiene che non arriverà, almeno, entro due anni.

Le vacanze sono la priorità quando l’epidemia è finita

Prevedi il clima. La spesa per le vacanze è stata una delle categorie in cui i consumatori ammettono tagli alla spesa, a causa delle restrizioni di viaggio. Tuttavia, dato uno scenario in cui la crisi sanitaria è un brutto ricordo, il rapporto EY rivela che questa è la categoria in cui i consumatori si aspettano di spendere di più. Ciò è stato riconosciuto dal 54% dei consultati. D’altra parte, il 32% ha dichiarato che consumerebbe meno beni di lusso, che è già uno dei più sfollati.

READ  Roma festeggia il suo 2774 compleanno e 150 anni dalla sua capitale