Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il paradosso di Melenchon che vince perdendo | Macron e Le Pen ora devono lottare per il voto di sinistra

da Parigi

Vinci perdendo. Questa breve versione si adatta a una delle grandi lezioni del primo turno delle elezioni presidenziali francesi di domenica. Gli ultimi duellanti conosciuti sono da anni: l’attuale presidente Emmanuel Macron e il leader di estrema destra Marine Le Pen. Il terzo è il vincitore più atteso: Jean-Luc Mélenchon. Con il 21,6% dei voti, Mélenchon si è avvicinato al secondo turno. E anche se non è presente come candidato, i suoi principi guida saranno cruciali per prevenire una vittoria di estrema destra. A differenza di Marine Le Pen, il pool di voti di Macron è molto limitato. Macro ha già inghiottito i socialisti (1,7 per cento) e distrutto il governo di destra a Los Republicanos (4,7). Sono rimaste solo le briciole. Gruppo di voti nell’Unione popolare di Mlenchon. Il capo dello Stato è obbligato a mobilitarsi e ad attrarre la sinistra senza abbandonare il suo programma liberale mentre placa la profonda amarezza delle giacche gialle nei suoi confronti. A differenza del 2017, l’equazione del secondo turno è più complicata per il capo di stato, e anche per Le Pen. Ha bisogno anche dei voti di Melenchon.

Le Pen e la sua estrema destra hanno svolto un vero lavoro di colonizzazione della società e del pensiero politico. Macron sta affrontando non solo un candidato, ma un’intera dinastia. Non è solo un marine o un partito, ma un’intera famiglia che per vent’anni ha tracciato i fili dei dibattiti politici e intimidito i candidati. Padre Jean-Marie Le Pen è andato al secondo round nel 2002 ed è partito per la strada. Marin, figlia, due secondi dopo aver consegnato i socialisti e il diritto di governo all’oblio, 2017 e 2022. Marion Marechal Le Pen, nipote di Jean-Marie, è stata eletta parlamentare nel 2012 a soli 22 anni, la più giovane della storia. Quest’anno, al culmine dell’ascesa di Eric Zemmour, ha lasciato la festa del nonno ed è andato a casa di Zemmour. Entrambi sono, tuttavia, di estrema destra. La democrazia francese si trova di fronte a un impero ideologico familiare a cui, per due decenni, cioè dall’inizio del XXI secolo, è stata negata la sinistra di tre secondi turni e la destra di due. Nell’arco di 20 anni, l’ex Fronte Nazionale e il Raduno Nazionale oggi sono apparsi tre volte nell’ultimo conflitto. Nessuno può dire che “non lo sapessero” e che l’ascesa dell’estrema destra sia un “fenomeno temporaneo”. È così che lo fanno dagli anni ’80, ed è quello che è stato ieri per la democrazia francese. Tra il 2002 e il 2022, la famiglia di estrema destra Le Pen ha giocato diversi duelli finali.

READ  Lo YouTuber Alex Dragomir è morto all'età di 17 anni dopo aver subito un intervento al cuore احية

La scena di aprile 2022 sarà una ripetizione del 2017 con componenti più instabili per Macron e componenti più rigidi per Le Pen. Nel 2002 Jean-Marie Le Pen e l’estrema destra periferica hanno ottenuto il 19 per cento dei voti, nel 2017 è salito a 26 e oggi tocca a 32 se si aggiungono i voti di Zemmour e di un altro estremista, Nicolas Dupont-Aignan. Cinque anni fa Macron ha battuto Le Pen con il 66,10 per cento dei voti. Questa differenza è andata contro le aspettative. Nel 2022 nessuna società di consulenza prevedeva distanze così enormi. Al massimo, le differenze sono comprese tra tre e sei punti. Il contrasto travolgente è un ricordo. Il presidente francese affronta una sfida più storica rispetto a quando è stato eletto. Nel 2017 si è presentato come il “baluardo” liberale contro l’estremismo. Fallimento. La saga di Le Pen continua.

Non dovrebbe esserci, internamente, niente di più contrario ai valori della Francia di questa estrema destra xenofoba e antidemocratica. Ma c’è ancora una volta il migliore, sempre pronto a prendere d’assalto il castello del liberalismo parlamentare. In queste due settimane Macron attende una montagna: l’assemblea di una maggioranza presidenziale con i frutti di un campo, la destra liberale, in rovina. Questo campo è ciò che ha smantellato lui stesso. Per lui è rimasta la sinistra di Mélenchon, soprattutto elettori che provengono da altre prospettive progressiste ma che, nel giro di un paio di giorni, si sono uniti a France Insomes. In effetti, Macron e Le Pen affrontano lo stesso paradosso: il presidente liberale ha bisogno della sinistra radicale di Mélenchon tanto quanto la sinistra ultranazionalista. Senza questi voti, non c’è maggioranza presidenziale. Questa domenica, la candidata di estrema destra ha ricevuto 440.000 voti in più rispetto al 2017. Tuttavia, tra i due round ha perso un alleato indiretto della sua causa: l’estrema destra Zemore è stato il suo perfetto contrappeso. Zemmer ha servito la strategia di Le Pen confrontando quell’uomo arrabbiato e sfacciato con i “nuovi” Marines.

READ  Il misterioso caso del presunto iraniano con documenti falsi | Lo straniero è stato arrestato a Entre Rios e confermato di essere entrato nel Paese nel 2021

La corsa a sinistra è iniziata lunedì stesso, 11 aprile. Il lepenismo ha già orientato la sua campagna per mostrare Le Pen come un candidato “lavoro e giustizia sociale”. Macron, nella sua prima posizione, è tornato al suo progetto più controverso ed esplosivo, la riforma delle pensioni. Lo ha presentato nel 2019 e questo ha scatenato un’ondata di scioperi e manifestazioni, da cui si è ritirato nel 2020 all’inizio dell’epidemia e l’ha rialzato settimane fa quando ha svelato la sua piattaforma elettorale e la nuova formula per il pensionamento all’età di 65 anni anni. Ieri si è detto pronto a “discutere il ritmo” della riforma e persino a tenere un “referendum”.

L’estrema destra e il liberalismo ora corrono dietro a quella sinistra che non hanno preso sul serio, disprezzato e attaccato molte volte. Il vampiro elettorale inizia la sua crociata. Intorno ad essa l’architettura politica divenne un rudere, non solo elettorale, ma anche economico. La legge elettorale francese non rimborsa i candidati per le spese elettorali a meno che non ricevano almeno il 5% dei voti. Repubblicani, ambientalisti, socialisti e comunisti sono molto meno. La candidata di destra Valerie Pecres e l’attivista ambientale Yannick Gadot hanno chiesto agli elettori di contribuire a uscire dal baratro finanziario. A Melenchon mancavano 422.000 voti per passare al secondo turno.

Si apre una nuova pagina di combattimento. Ecco la forza”, ha detto Melenchon dopo aver appreso i risultati. Gli mancheranno le briciole per varcare la frontiera leggendaria per la resa dei conti politica finale. Se si ritira, come si sospetta, avrà comunque lasciato un popolo ben organizzato e dignitoso. unione con prospettive che non c’erano due settimane fa. Ha guadagnato un futuro perdendo una parte del presente.

READ  COVID-19: la terza dose di vaccino riduce del 90% il tasso di mortalità nelle persone con più di 50 anni
[email protected]