Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il nuovo quadro internazionale dell’Argentina: Miley ha escluso i governanti di Iran, Venezuela, Cuba e Nicaragua dalla sua cerimonia di insediamento

Il nuovo quadro internazionale dell’Argentina: Miley ha escluso i governanti di Iran, Venezuela, Cuba e Nicaragua dalla sua cerimonia di insediamento

Javier Milli ha già rinvigorito il nuovo quadro geopolitico dell’Argentina: ha escluso dall’inaugurazione i governanti di Iran, Venezuela, Cuba e Nicaragua.

Javier Miley ha lanciato il nuovo quadro geopolitico dell’Argentina: Ha deciso di escludere i governanti di Iran, Venezuela, Cuba e Nicaragua dal suo insediamento presidenziale. Il neo-presidente non vuole che Ibrahim Raisi, Nicolas Maduro, Miguel Díaz-Canel e Daniel Ortega partecipino agli eventi ufficiali del 10 dicembre, e le sue ragioni hanno una forte evidenza: violano ogni giorno i diritti umani e sostengono il terrorismo internazionale, Come nel caso di Hamas, che ha ucciso più di 1.200 ebrei nel suo attacco contro Israele il 7 ottobre.

Quella che segue è la decisione geopolitica Ciò contraddice l’agenda internazionale dell’attuale amministrazione di Alberto Fernández.

Il futuro presidente ha tracciato una linea rossa con Iran, Venezuela, Cuba e Nicaragua, mentre ora è più diplomatico con Cina, Russia e Brasile. Durante la campagna elettorale, Miley ha rilasciato dichiarazioni che dimostrano la sua limitata conoscenza della politica estera. Un capitolo chiave in tutti i governi che intendono vivere nel ventunesimo secolo.

In questo contesto, il Ministero degli Affari Esteri ha inviato inviti a Xi Jinping, Vladimir Putin e Lula da Silva. Se gli Stati Uniti e Israele – i loro mentori in politica estera – sono impegnati in un dialogo con i leader di Cina, Russia e Brasile, perché non l’Argentina, che Gode ​​di rapporti storici e di un flusso di commercio estero molto importante con questi tre paesi.

Ibrahim Raisi, Nicolas Maduro, Miguel Díaz-Canel e Daniel Ortega, i quattro dittatori che Javier Miley non ha invitato all’inaugurazione

Gli inviti a Xi e Putin sono un gesto istituzionale, Daniel Cioli e Diana Mondino affrontano la complessa mossa diplomatica Per convincere Lola a partecipare all’inaugurazione di Miley. L’ambasciatore argentino in Brasile scommette di parlare con Lula alla riunione del Mercosur che si terrà il 7 dicembre, mentre Mondino usa la sua influenza interna per facilitare la missione di Cioli.

READ  L'Argentina inizia a saldare i suoi debiti

Lula è infuocato per le dichiarazioni di Miley e per l’invito di Jair Bolsonaro, il suo principale nemico in Brasile. Cioli lavora per dare a Lula il privilegio del rapporto bilaterale tra i due Paesi e il Mercosur. Mentre il futuro consigliere consiglia di ridurre il livello di rischio di Bolsonaro, Che arriverà a Buenos Aires con il suo tocco speciale.

La combinazione dei lavoratori può calmare l’umore di Lola E trasformandolo nel protagonista principale dell’insediamento presidenziale. Non è la prima volta che celebrazioni ufficiali del genere intrecciano relazioni estere che influenzano l’agenda di un governo argentino: è successo con Raúl Alfonsín, Carlos Menem e Néstor Kirchner, che hanno cercato il sostegno internazionale fin dal loro primo giorno a Casa Rosada.

Cioli e Mondino con il ministro degli Esteri brasiliano, Mauro Vieira, e l’ambasciatore brasiliano in Argentina, Julio Betelli, durante l’inaspettato incontro avuto a Itamaraty per convincere Lula da Silva a partecipare all’inaugurazione di Javier Miley

A vari livelli politici, l’Argentina intrattiene relazioni diplomatiche con Iran, Venezuela, Cuba e Nicaragua. È quindi molto probabile che durante l’insediamento di Miley questi regimi dittatoriali invieranno i loro rappresentanti a Buenos Aires. Al presidente eletto non piacciono i dittatori Ma ciò non impedirà la presenza di diplomatici riconosciuti nel Paese Partecipa agli eventi ufficiali il 10 dicembre.

Questa formalità diplomatica non significa che Miley abbia cambiato posizione Per quanto riguarda Teheran, Caracas, L’Avana e Managua. Il neoeletto presidente non ha alcuna intenzione di salutare e scambiare foto con i presidenti Maduro, Díaz-Canel e Ortega, che violano sistematicamente i diritti umani e sostengono organizzazioni terroristiche come Hamas e Hezbollah.

Il nuovo quadro geopolitico di Milley significa che l’Argentina non entrerà nel gruppo BRICS – dove si troverà l’Iran -; Si terrà lontano dal tavolo di dialogo tra il Venezuela e l’opposizione politica di quel paese. Eviterà contatti con Cuba e Condanneremo, ancora e ancora, il Nicaragua nell’Organizzazione degli Stati Americani.

READ  Naufragio al largo di San Diego: almeno 8 morti

Si tratta di un’agenda internazionale diversa da quella pubblicata da Alberto Fernandez. Tra meno di nove giorni la sua presidenza finirà.