Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il movimento indipendentista catalano potrebbe essere la chiave per Pedro Sanchez per formare nuovamente un governo di coalizione in Spagna

Il movimento indipendentista catalano potrebbe essere la chiave per Pedro Sanchez per formare nuovamente un governo di coalizione in Spagna

“Un giorno sei decisivo nella creazione di un governo in Spagna e il giorno dopo la Spagna ordina il tuo arresto”, ha scherzato lunedì Carles Puigdemont sui social network. L’ex presidente catalano che è scappato dalla Spagna per evitare di andare in prigione per la sua dichiarazione unilaterale di indipendenza della Catalogna nel 2017.

Perché il leader separatista dovrebbe essere la chiave per la Spagna per formare un nuovo governo?

Per via dei voti che il suo partito, Junts per Catalunya (JxCAT), ha ricevuto domenica Sarai indispensabile In modo che il presidente in carica e candidato alla rielezione del PSOE, Pedro Sanchez, possa aggiungere il supporto necessario affinché il parlamento lo nomini capo del governo, nonostante il suo secondo posto nelle elezioni di domenica.

Gli spagnoli hanno votato il 23 luglio per formare un nuovo governo, un giorno dopo le elezioni. Sembra essere fuori forma.


Il capo del governo spagnolo, Pedro Sanchez, celebra il risultato delle elezioni politiche di domenica 23, nelle quali il Partito Socialista dei Lavoratori è arrivato secondo. Foto: Cesaro De Luca

E qualcosa di più destabilizzante: è un grande punto interrogativo se la Spagna avrà un governo nei prossimi mesi O se il blocco porterà a un’inevitabile ricorrenza elettorale.

Un’altra informazione correlata fornita dai sondaggi di domenica 23 è La chiave che tengono nelle loro mani Partiti indipendentisti e regionali nel Consiglio di politica nazionale quando si tratta della maggioranza negoziale che consente la nomina di un nuovo presidente.

Sistema parlamentare

Perché nel sistema parlamentare spagnolo le persone non votano per i presidenti Ma le liste dei deputati che uniranno il parlamento. Da lì, giurerà come presidente il candidato che riuscirà a ottenere il maggior consenso.

Lo rivela il candidato del Partito popolare, Alberto Núñez Fijo, che, pur avendo vinto le elezioni per numero di voti, poteva avere solo 136 deputati in Parlamento, cioè, 40 è meno dei 176 necessari per raggiungere la maggioranza assolutacioè la metà più uno dei 350 seggi che compongono il Congresso.

Carles Puigdemont, leader dell'indipendenza catalana.  foto dell'AFP
Carles Puigdemont, leader dell’indipendenza catalana. foto dell’AFP

Nemmeno aggiungendo i 33 posti che Vox potrebbe fornireIl partito di estrema destra, con cui il Partito popolare già governa in molte regioni e comuni autonomi, arriverà a quota 176.

READ  Quando dovresti essere testato per COVID-19?

Calcolatrice alla mano Un potenziale alleato è il Partito Nazionalista Basco (PNV), che ha conservato cinque seggi e ne ha perso uno.

Potrebbe appoggiarlo anche l’Alleanza delle Canarie, il partito delle isole che ha conquistato un seggio e con il quale il Partito popolare fa parte di una coalizione di governo. E se ne potrebbe aggiungere un altro: un deputato dell’Unión del Pueblo Navarro.

Ma nonostante il Partito popolare abbia scalfito 176 questi partiti di minoranza Non vedono di buon occhio che Vox fa parte Alternativa di governo di destra.

Prova Nunez Viejo

Núñez Feijóo ha annunciato lunedì pomeriggio che avrebbe comunque cercato di presentarsi al dibattito di inaugurazione.

Come candidato più votato del partito, penso di sì Il mio compito è aprire il dialogo Condurre quel dialogo dal primo minuto e cercare di governare questo paese in base ai risultati delle elezioni”, ha detto domenica.

Desidera una possibile astensione del PSOE farlo presidente, uno scenario inimmaginabile per Pedro Sánchez, un candidato del Partito socialista dei lavoratori che farà tutto ciò che è in suo potere per ottenere la rielezione.

Questo lunedì, Sanchez ha annunciato che non ci sarebbe stato alcun blocco o ripetizione elettorale.

“La democrazia spagnola troverà la formula per governare”disse lui stesso.

Quello che non ha ancora ammesso è come lo farà, anche i numeri dicono che domenica ha preso 122 parlamentari.

Il PSOE dà per scontata l’alleanza con Sumar, che contribuirà con i suoi 31 seggi e Ristampa dei sostenitori dell’indipendenza basca e catalana che avevano già facilitato la sua adesione al Palazzo Moncloa nel 2019.

READ  È morto l'influente cardinale George Pell, il primo "Cesare" finanziario del Vaticano nominato da Francesco

Indipendente

A quel tempo, Sánchez aveva bisogno della Sinistra Repubblicana di Catalogna (ERC), che aveva 13 seggi, ma non era necessario convincere JxCAT, l’altro partito indipendentista. Junts risponde a Carles Puigdemont, l’ex presidente catalano.

“Puigdemont non lascerà dormire Sanchez”, hanno detto lunedì di JxCAT, una forza meno negoziale quando si tratta di parlare di indipendenza catalana.

Il nostro cuore non tremerà affatto. Non faremo presidente Pedro Sanchez per niente.Miriam Nogeras, presidente della lista del Congresso di Jontes, ha detto la notte delle elezioni.

“Jones non è nato per raggiungere la stabilità nello stato spagnolo, ma perché la Catalogna fosse un paese indipendente”, ha aggiunto Nogueras.

Chiederanno, in cambio del loro sostegno o astensione dal voto per il giuramento di Sanchez come presidente, Referendum di autodeterminazione e amnistia per Puigdemontche la magistratura spagnola ha cercato di estradarlo per il processo.

Il catalano ha saputo trovare complicazioni nella giustizia europea per evitarlo. È riuscito a diventare membro del Parlamento europeo, ma all’inizio di luglio si è pronunciata la Corte generale dell’Unione europea Revoca dell’immunità parlamentare.

Nelle scorse ore la Procura della Corte Suprema spagnola ha chiesto a Pablo Larena, il giudice che ha giudicato i separatisti catalani che hanno organizzato l’attentato separatista con Puigdemont, di emettere un mandato di cattura nei suoi confronti.

difetti

Vox non è stato autocritico riguardo al risultato elettorale ottenuto domenica. Si è passati da 52 deputati a 33 deputati.

Il suo candidato, Santiago Abascal, ha accusato il Partito popolare della delusione.

E ha parlato di sondaggi d’opinione falsificati che “hanno indotto alcuni a vendere la pelle di un orso prima che fosse cacciato, e questo ha avuto un chiaro risultato: smobilitazioneAbascal ha sparato a Núñez Feijóo.

Santiago Abascal, leader del partito di estrema destra Vox.  Foto Reuters
Santiago Abascal, leader del partito di estrema destra Vox. Foto Reuters

E la sinistra ha attaccato: “Pedro Sanchez, anche dopo aver perso le elezioni, può impedire qualsiasi presa di posizione. Ancora peggio: può essere investito nel sostenere il comunismoA giudicare dal golpe separatista, capacità di terrorismo e di estorsioni molto più che nella precedente legislatura.

READ  Il fattore sorprendente che scoraggia i magri depositi in dollari

Qualcosa di simile è accaduto all’interno della coalizione di forze di sinistra di Sumar, che ha assorbito United We Can, Izquierda Unida e altri partiti.

Fu il suo inizio elettorale, ma lungi dal mantenere, o addirittura aumentare, la rappresentanza parlamentare che quei partiti raggiunsero individualmente, Ha ottenuto solo 31 seggi.

“Sumar lascia più di 700.000 voti e molti più seggi rispetto al peggior risultato di UNITED WE CAN. Strategia non femminista f Rendi Podemos invisibile Non ha funzionato elettoralmente”, ha dichiarato lunedì Ion Pilara, segretario generale di Podemos e ministro per i diritti sociali e il piano 2030 dell’attuale governo di coalizione.

Il Partito Popolare, da parte sua, non si arrende. “Abbiamo tre milioni di voti in più rispetto alle ultime elezioni generali. “Il nostro dovere ora è che in Spagna non si apra un periodo di incertezza”, ha detto Núñez Viejo dal balcone della sede del PP nel centro di Madrid la notte delle elezioni.

tardi. In Spagna non c’è nessuno che non abbia dormito in modo irrequieto fino alle prime ore del lunedì.

Madrid. Reporter

PB

Guarda anche