Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il ministro dello Sport italiano ritiene che “ci siano sempre meno opzioni” per riprendere il campionato italiano

Il ministro dello Sport italiano ritiene che “ci siano sempre meno opzioni” per riprendere il campionato italiano

Vincenzo Spadafora, ministro delle Politiche giovanili e sportive, ha confermato oggi, mercoledì, di vedere crescenti difficoltà nella ripresa del campionato italiano (Prima Divisione) e ha ritenuto che: “Se fossi il presidente di una società, comincerei a pensare al prossima stagione.” “.”

“Tra mercoledì e domani proseguiranno le comunicazioni tra il Comitato tecnico scientifico e la Federcalcio italiana, che in precedenza avevano presentato un protocollo per gli allenamenti ritenuti insufficienti Riprendere gli allenamenti non significa riprendere il torneoLo ha detto Spadafora in un’intervista alla televisione italiana “La 7”.

“Se non vogliamo avere dubbi, basta seguire la linea di Francia e Olanda, che hanno abbandonato”. Ha aggiunto.

Il governo italiano ha deciso domenica scorsa che gli atleti che praticano sport individuali potranno allenarsi dal 4 maggio, mentre le società di calcio dovranno aspettare almeno fino al 18 maggio. Per riprendere gli allenamenti nei centri sportivi, che ha scatenato forti polemiche tra le squadre del campionato italiano.

“Francamente vedo che il percorso per la ripresa della competizione si fa sempre più stretto. La questione formazione è diversa, ma se fossi il presidente di un club del campionato italiano inizierei a pensare alla prossima stagione”.Il ministro ha ammesso.

“Come ministro dello Sport sarei un pazzo se discriminassi il calcio, che porta soldi all’intero sistema sportivo, ma se non sarà possibile riprendere le competizioni in condizioni di sicurezza dovremo fermarci. È assurdo che tre o tre quattro presidenti non lo capiscono”.Ha finito.

Il calcio è l’unico sport professionistico italiano che intende ancora finire la stagionePer evitare di causare perdite economiche che potrebbero raggiungere il miliardo di euro.

READ  Colombia Today: Il sogno "impossibile" di una gara di GP di Formula 1 a Barranquilla... Costa una fortuna!

Ufficialmente abbandonate invece la pallacanestro, la pallavolo e il rugby Stagione 2019-2020 a causa dell’incertezza sullo sviluppo della crisi sanitaria.