Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il ministro dell’Economia francese ha affermato che il gasdotto Francia-Spagna (Medcat) “non è una priorità”

Sabato ha affermato che la costruzione di un gasdotto tra Francia e Spagna non è una priorità per il governo francese, che considera più urgenti le sfide energetiche prima dell’inverno. Il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire.

“La sfida a breve termine è ottenere più gas ed elettricità provenienti da paesi diversi dalla Russia (…) Non sono sicuro che un nuovo gasdotto possa aiutarci a superare l’inverno”, ha detto ai giornalisti a Cernobbio. Nel nord Italia a margine della Casa Europea – Ambrositi Economic Forum.

Cancelliere tedesco Olaf Schulz Martedì, ha ribadito il suo sostegno alla costruzione di un gasdotto attraverso i Pirenei al fine di “migliorare l’interconnettività della rete europea del gas”, nel mezzo di una crisi energetica per l’invasione russa dell’Ucraina.

Il progetto, chiamato Midcat – abbreviazione di Midi (Francia meridionale) e Catalogna (Spagna nord-orientale), le due regioni che collegano – consentirà alla Spagna, ma anche al Portogallo, di trasportare gas, sotto forma di GNL (gas naturale liquefatto). Provenienti dagli Stati Uniti o dal Qatar, verso l’Europa centrale, attraverso la Francia.

Il progetto, lanciato nel 2013, è stato abbandonato nel 2019 a causa del suo impatto ambientale e del basso vantaggio economico, ma la guerra in Ucraina e la Russia minacciano di interrompere le forniture di gas a Unione europea Hanno rimesso il caso sul tavolo.

Le Maire ha insistito sul fatto che “la sfida ora per il mondo intero, per l’Italia, la Germania e la Francia, è quella di superare il prossimo inverno senza intaccare troppo la nostra economia e le nostre case”.

“Prima di considerare un investimento a lungo termine, concentriamoci sulle sfide che dovremo affrontare il prossimo inverno”, ha sottolineato.

READ  In un altro giorno nero per i mercati, le obbligazioni argentine scendono di oltre il 4%

“L’elettricità e l’idrogeno mi sembrano più promettenti di un nuovo gasdotto, perché vogliamo scommettere sull’energia decarbonizzata”, ha spiegato.