Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il lato oscuro dell’Italia | Libri | divertimento

| hperez@ecua.net.ec Il recente bestseller ambientato a Roma è una ricostruzione straziante e ben documentata della rete di organizzazioni criminali che operano nel sud Italia, per coloro che amano leggere del Rinascimento, apprezzare Botticelli, Michelangelo e Veronese, o ti sei goduto i film di Luchino Visconti e Federico Fellini, o hai passeggiato lungo le rive del Lago di Garda, o hai guardato il tramonto sul balcone di un albergo veneziano, o ti sei innamorato di Moravia, Sciaccia, Pirandello e Manzoni , o in generale tutto ciò che piace agli italiani, un libro di Roberto Saviano, Gomorra (Dibattito di apertura. 2007), può sicuramente lasciare una brutta impressione. L’Italia che emerge da questo lavoro è diversa. Non è l’Italia di Leonardo da Vinci o Sophia Loren, ma l’Italia della violenza brutale, degli omicidi, dei crimini e della corruzione. Camorra italiana. La criminalità organizzata, soprattutto quella italiana, è stata in passato oggetto di libri, articoli e film. Quest’ombra dovette quindi pesargli addosso in quanto sfida ardua per l’autore di Gomorra, poiché il rischio di scrivere un altro libro su un argomento già trattato era altissimo. Per fortuna Saviano ha fatto un ottimo lavoro. Il modo in cui l’autore descrive la realtà della criminalità a Napoli e nei suoi dintorni è semplicemente triste. La camorra è il nome generalmente dato a una rete di organizzazioni criminali che operano nella regione Campania, nel sud Italia, con Napoli come centro operativo. A differenza della mafia, la camorra è stata tradizionalmente apolitica e attualmente il suo potere economico è di gran lunga superiore; Ma come loro, la camorra si è storicamente trasformata in una società segreta. Più antica – e più potente – della mafia siciliana, la camorra è diventata un vero e proprio impero economico e sociale, con ripercussioni internazionali. Il libro di Saviano è una cruda analisi del potere di questa organizzazione che per molti in Italia e altrove era semplicemente uno strano incidente del passato. Saviano risveglia il lettore a questa convinzione e lo conduce per mano alla scoperta del significativo controllo o influenza che questa organizzazione esercita su una serie di industrie e attività. Dalla moda, al cinema, al trattamento dei rifiuti, alla droga, all’edilizia, alla disintossicazione e al traffico di esseri umani, la camorra esiste. La cosa che sorprenderà il lettore è la logica aziendale con cui opera questa organizzazione. Saviano descrive accuratamente l’obiettività, quasi la freddezza, con cui la camorra muove le sue aziende, progetta, prende decisioni e premia i responsabili dei loro successi; Così come le punizioni che infligge ai suoi avversari. A questa logica organizzativa si accompagna un secondo elemento che Saviano sa bene trasmettere. Si tratta dell’integrazione culturale della camorra nella società napoletana e nella sua area di influenza. Non è un caso che la camorra sia conosciuta colloquialmente come “il sistema”. La penetrazione dei suoi valori, dei suoi miti e dei suoi riferimenti simbolici ha portato migliaia di giovani ad abbandonare la formazione scolastica della regione, attratti, tra l’altro, dalla possibilità di entrare “nel sistema”, farne parte, e vivere al suo interno. E per lui. Saviano è nato a Napoli. Ha vissuto gran parte della sua vita lì dove ha praticato il giornalismo. In tenera età fu testimone di un omicidio e fu qualcosa che avrebbe determinato il suo futuro. La sua decisione di infiltrarsi nella camorra per conoscerla al meglio, e poi scrivere questo libro, gli ha causato qualche problema. L’abbondanza di dati, date, nomi, contatti, eventi, delitti, presentati in uno stile altamente organizzato e comprensibile, e soprattutto il record di vendite raggiunto in Italia, mettevano molto a disagio i vertici della camorra. Saviano infatti ha rischiato, e forse corre ancora, di essere ucciso. L’Italia non ha una tradizione di giornalismo investigativo. Ciò che è stato scritto sulla mafia e sulla criminalità organizzata è stato più aneddotico che analitico. La Gomorra di Saviano viene a riempire questo vuoto proprio come fece all’epoca Leonardo Sciascia nel suo libro sulla morte di Aldo Moro. Molte spiegazioni sono state offerte per fenomeni come la camorra e la mafia. La più plausibile è il vuoto che si è creato in alcune zone dell’Italia meridionale con la caduta del sistema feudale, l’assenza della borghesia e la mancanza di uno Stato durante tutto questo processo. Bisogna tenere presente che la presenza e il peso di queste organizzazioni, nonostante il loro indiscutibile potere, è limitato ad alcune regioni d’Italia, e anche lì non sempre sono benvenute. A confermarlo c’è il coraggio dei napoletani come Saviano e il suo lavoro. Il film tratto dal libro ha avuto lo stesso successo dell’opera. Quest’anno ha vinto alcuni premi ed è stato selezionato dalla National Association of Motion Picture Industries degli Stati Uniti per rappresentare l’Italia agli Academy Awards del prossimo anno nella categoria Film Stranieri. Roberto Saviano è nato nel 1979 e ha studiato filosofia all’Università di Napoli. Il suo libro ha vinto numerosi premi, tra cui il Premio Letterario Viareggio. Dopo la sua pubblicazione, ha dovuto ricevere la protezione della polizia.

READ  Venezia, città patrimonio in pericolo: UNESCO