Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Giappone ha per la prima volta più di 80.000 dottoresse

Il Giappone ha per la prima volta più di 80.000 dottoresse

Associazione Sanitaria


Sebbene in Giappone il divario tra uomini e donne sia ancora evidente, il numero di donne medico ha raggiunto un livello record.

Il Ministero della sanità, del lavoro e del welfare giapponese ha rivelato che alla fine di dicembre 2022 il paese contava più di 80.000 donne che praticavano la medicina. Si tratta del numero più alto dal 1982, quando il governo iniziò a monitorare il metodo che utilizza oggi. Il numero è cresciuto del 4,6% rispetto alla precedente rilevazione del 2020.

Secondo il Ministero, il numero totale dei medici nel 2022 ha raggiunto i 343.275, con un incremento dell’1,1% rispetto allo studio precedente e il numero più alto della storia. Tra loro vi erano 81.139 donne, pari al 23,6% del totale. La percentuale di medici uomini era del 76,4%, quindi il divario di genere è ancora ampio.

Il Ministero ritiene che l’aumento del numero di dottoresse sia dovuto al fatto che la percentuale di donne nelle facoltà di medicina è in aumento anno dopo anno dal 2008.

Il numero delle donne dentiste è aumentato dell’1,9% a 27.413, e il numero delle farmaciste è aumentato dello 0,9% a 199.507, entrambi numeri record.

Nel frattempo è stata effettuata la verifica nippon.com Secondo i dati dell’indagine di base sulle scuole pubblicati dal Ministero dell’Istruzione, della Cultura, dello Sport, della Scienza e della Tecnologia, la percentuale di donne iscritte ai corsi di medicina nelle università nazionali, pubbliche e private ha raggiunto il 40,4% nell’anno accademico 2023. Il numero di studenti iscritti a le facoltà di medicina nell’anno fiscale 2023 hanno raggiunto 9.007, di cui 3.640 studentesse.

READ  Un nuovo referto medico sullo stato di salute di Susanna Jimenez

Percentuale di donne iscritte ai corsi universitari di medicina

Uno studio dettagliato dei dati del 1957 mostra che la percentuale di studenti iscritti alle facoltà di medicina è rimasta tra il 30% e il 35% negli anni ’60 e ’70; Ha cominciato ad aumentare negli anni ’80 e ha infine superato il 20% nell’anno fiscale 1986; Ha superato il 30% nell’anno fiscale 1994, ma è rimasto al di sotto del 30% per quasi un quarto di secolo.

L’ammissione delle donne alle facoltà di medicina è diventata una questione sociale nel 2018, quando un’indagine su un caso di corruzione che coinvolgeva il Ministero dell’Istruzione e l’Università di Medicina di Tokyo ha rivelato irregolarità negli esami di ammissione alla facoltà di medicina in varie università che trattavano ingiustamente le candidate donne agli esami di ammissione per incoraggiare la ingresso di più uomini.

Immagine del banner: Pixta.

Medicinale
salute
sottile