Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il G7 spinge per riforme fiscali che costringeranno le multinazionali a pagare di più

Livelli record di debito pubblico a causa della crisi pandemica, dell’urgente necessità di aumentare le entrate e di regole fiscali obsolete che consentono di fuggire miliardi di euro. Il cocktail perfetto della riforma fiscale globale delle società che costringerà le multinazionali, in particolare le società tecnologiche (Google, Facebook, Apple o Amazon) a pagare più tasse. I ministri delle finanze del Gruppo dei Sette principali nazioni industrializzate, riuniti a Londra, premono per una svolta senza precedenti in un secolo.

L’obiettivo è che le grandi aziende finiscano gli angoli per l’evasione e l’evasione fiscale (verso paradisi riconosciuti o paesi con regimi permissivi) e, allo stesso tempo, complichino la loro complessa architettura finanziaria. Dopo oltre un decennio di dispute globali, anche all’interno della stessa Unione Europea, e con un impulso transatlantico in ‘standby’ con gli Stati Uniti, con lo scambio tariffario ereditato da Donald Trump, tutto sembra destinato a cambiare nel 2021.

Lo slancio che arriva da Lancaster House, dove si incontrano i leader economici delle sette grandi potenze occidentali (Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Canada e Giappone), non è ancora definitivo. Dovrà essere presentato al vertice dei leader del G7 in Cornovaglia (11-13 questo mese) e al G20 di Venezia, in programma a luglio. Il riferimento definitivo sarà in autunno (verso ottobre) con un accordo all’interno dell’Organizzazione mondiale del commercio che coinvolgerebbe almeno 135 Paesi.

I tre maggiori Paesi dell’Unione Europea partecipano a questo incontro con una proposta sostenuta dalla Spagna. I loro ministri dell’economia (tra cui Nadia Calvino) hanno firmato in una lettera al quotidiano britannico “The Guardian”: “Un impegno per un’aliquota fiscale minima effettiva di almeno il 15%” è un “inizio promettente”. Una scommessa sicura poiché gli Stati Uniti l’hanno già abbracciato nei giorni scorsi dopo aver abbassato la sua ambizione iniziale di prendere come riferimento il suo carico fiscale del 21%. “Siamo a un millimetro da un accordo storico”, ha detto alla Bbc il francese Bruno Le Maire.

READ  Vento - Non la pala eolica in discarica

La formula di domanda, se la fine della strada sarà completata con successo – ha insistito, il prossimo autunno – avrà una doppia dimensione: tasse addizionali per i paesi in cui sono costituite società estere per benefici ottenuti nelle loro giurisdizioni; Ma anche per chi ha la propria sede legale. Il prezzo finale concordato sarà soppesato con le integrazioni al canone in vigore.