Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il G7 avverte la Russia di “serie conseguenze” in caso di possibile invasione dell’Ucraina

Primo emendamento:

Dopo il vertice di due giorni, il gruppo delle sette democrazie ed economie più potenti del mondo ha lanciato severi avvertimenti a Russia e Iran, due paesi che considera tra le maggiori minacce globali. Il Gruppo dei Sette ha avvertito Mosca di “serie conseguenze” se avesse deciso di attaccare militarmente l’Ucraina. Ha anche detto all’Iran che stava affrontando la sua “ultima possibilità” per salvare l’accordo nucleare del 2015.

Il Gruppo dei Sette mette in guardia Russia e Iran. Nella dichiarazione conclusiva, a seguito di un vertice di due giorni a Liverpool, il Gruppo dei Sette (Canada, Stati Uniti, Germania, Francia, Italia, Regno Unito e Giappone) ha minacciato Mosca di “gravi conseguenze” e gravi danni. Economico se l’Ucraina attaccasse.

La dichiarazione è arrivata tra i timori di un massiccio aumento del numero di forze russe nella regione di confine con l’Ucraina.

“Qualsiasi uso della forza per cambiare i confini è severamente proibito dal diritto internazionale. La Russia non dovrebbe avere dubbi sul fatto che un’ulteriore aggressione militare contro l’Ucraina avrà gravi conseguenze e un alto costo in risposta”, afferma la dichiarazione.

Allo stesso modo, il G7 ha invitato il Cremlino a “ridurre l’escalation, seguire i canali diplomatici e adempiere ai suoi obblighi internazionali sulla trasparenza delle attività militari” e ha elogiato la “moderazione” dell’Ucraina.

Sebbene i dettagli delle sanzioni finali non siano stati resi noti, si ritiene che influenzeranno non solo i leader del paese, ma l’economia russa in generale.

Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss, ospite della conferenza, ha osservato che il G7 sta inviando un “segnale forte ai nostri avversari”.

READ  La Spagna guida l'inflazione nelle principali economie

Mentre Kiev e Mosca sono tecnicamente in disaccordo dal 2014, quando il presidente russo Vladimir Putin ha annesso la regione ucraina della Crimea, l’aumento delle truppe è stato significativo negli ultimi tempi.

L’allarme è suonato nelle ultime settimane dopo che i soldati di Mosca hanno iniziato esercitazioni militari su larga scala in più di 30 punti in sei diverse regioni, secondo Kiev.

Gli Stati Uniti ei loro alleati temono che l’arrivo di soldati russi sia il preludio a un’invasione. Ma Mosca nega i piani per attaccare il paese vicino.

G7: l’Iran deve affrontare “l’ultima possibilità” per salvare l’accordo sul nucleare

Anche il debole accordo sul nucleare iraniano era in cima all’agenda della riunione dei diplomatici delle sette potenze.

Il Gruppo dei Sette ha avvertito la Repubblica islamica che i negoziati in corso a Vienna, in Austria, erano la sua “ultima possibilità” per raggiungere un accordo sul suo programma nucleare.

“E’ essenziale che tornino al tavolo dei negoziati e che siano seri sui negoziati (…)” ha sottolineato Truss in una conferenza stampa “Non permetteremo all’Iran di acquisire un’arma nucleare”.

Quello che era considerato un accordo storico, firmato nel 2015 tra Teheran e Stati Uniti e altre potenze come Francia, Germania, Cina, Russia e Regno Unito, negli ultimi anni è stato implicato in abusi.

Il punto di svolta principale è stato il ritiro di Washington dall’accordo nel 2018, promosso dall’allora presidente Donald Trump che accusa la violazione dell’accordo da parte di Teheran. Questo passaggio ha aperto una serie di scontri e ulteriori violazioni che hanno violato il piano.

Trump ha ripristinato unilateralmente tutte le sanzioni internazionali contro la Repubblica islamica, nonostante la maggioranza dei membri del Consiglio di sicurezza dell’Onu si fosse opposto, ritenendo che gli Stati Uniti non avevano il diritto di riprendere questa misura dopo aver abbandonato il patto.

READ  La disoccupazione nell'eurozona è scesa al 7,5% ad agosto, un decimo in meno rispetto a luglio

Il passo successivo, le autorità iraniane hanno risposto aumentando la raffinazione dell’uranio, inizialmente al 4,5%, e nel gennaio 2021 la percentuale è aumentata al 20%, secondo un rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica. Questi livelli sono molto più alti di quanto concordato: 3,67%. Per produrre un’arma nucleare è necessario un arricchimento del 90% dell’uranio.

Per ora, l’ostacolo principale ruota attorno a come e quando revocare le sanzioni che gli Stati Uniti hanno nuovamente imposto a Teheran. Un’altra questione importante che ha dominato il vertice è stata la proiezione del potere della Cina nella regione indo-pacifica.

Ottenere una risposta unificata alle crisi globali dal Gruppo dei Sette, un gruppo di paesi con interessi divergenti, è stato spesso difficile. Nel caso delle preoccupazioni per Pechino, Washington e Londra sono solitamente più potenti degli altri membri del G7.

Con Reuters, AP ed EFE