Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il dramma che sta vivendo l'ex campione Nba: è ricoverato in ospedale in attesa di un trapianto di cuore dopo aver contratto un virus

Il dramma che sta vivendo l'ex campione Nba: è ricoverato in ospedale in attesa di un trapianto di cuore dopo aver contratto un virus

Pollard sta attraversando un momento difficile

Scott Pollard, Che ha brillato per più di un decennio sui campi della NBA con la sua statura maestosa 2,11 metriche ha vinto un anello di campionato nel 2008 con i Boston Celtics, è ora eIn una battaglia che potrebbe costargli la vita. Pollard ha 48 anni Ha bisogno di un trapianto di cuoreSi trova ad affrontare uno scenario complesso a causa delle sue grandi dimensioni, che richiedono un organo particolarmente grande e forte per mantenere il funzionamento del suo corpo.

recentemente, La salute di Pollard peggiorò in modo significativoCiò ha portato al suo ricovero nel reparto di terapia intensiva del Vanderbilt University Medical Center di Nashville, nel Tennessee. Da lì Pollard attende un trapianto, consapevole della rarità di trovare un donatore compatibile. “Resterò qui finché non avrò un cuore” Era il suo messaggio che ha inviato all'agenzia APIl che evidenzia la sua attuale debolezza e l’urgente necessità di trovare un’alternativa.

Il caso di Pollard non riguarda solo la sua famiglia; Metà dei suoi fratelli e suo padre, morto all'età di 54 anni, condividevano questa predisposizione genetica. “Non si vedono molte persone anziane [de dos metros] Vagabondaggio. L'ho saputo per tutta la vita, proprio perché lo sentivo nella mia mente quando avevo 16 anni (l'età in cui subì la morte di suo padre), che… sì, essere alto è bello, ma non sono mai arriverò lì. A 80 anni“, Inversione.

Il caso di Pollard illustra le ulteriori sfide affrontate da quei pazienti che, a causa di determinate condizioni fisiche, necessitano di organi di dimensioni non standard. Dopo che non è stata trovata alcuna soluzione con farmaci o procedure come l'ablazione o l'impianto di un pacemaker, Il trapianto sembra essere l’unica opzione praticabile: “Tutti sono d'accordo sul fatto che più ablazioni non risolveranno questo problema, e più farmaci non risolveranno questo problema. Abbiamo bisogno di un trapianto”.

Pollard ha vinto il circuito nel 2008

Sebbene fosse sempre consapevole di ciò che poteva accadergli, le complicazioni hanno iniziato a colpirlo tre anni fa dopo essere stato infettato dal virus nel 2021: “Mi sento come se stessi camminando sempre in salita.”

READ  Inter, il nuovo campione di Coppa Italia, che ha messo fine a una maledizione durata 57 anni | Juventus | Alessio Sanchez | Arturo Vidal | Serie A | RMMD DTCC | Sport totali

Il processo di attribuzione degli organi è un sistema complesso che cerca di valorizzare al meglio gli organi disponibili, dando priorità ai casi secondo criteri di urgenza e compatibilità. In questo contesto, Pollard si è unito a diversi centri di trapianto, su raccomandazione Massimizza le tue possibilitàNonostante le difficoltà logistiche coinvolte.

“È fuori dal mio controllo. Non è nemmeno nelle mani del dottore.”Il 48enne ex giocatore della NBA ha ammesso, aggiungendo: “Non possono prevederlo, ma confidano che avrò un cuore entro settimane, non mesi”. “Dipende dalle reti di donatori”.

Aspettare un cuore, secondo Pollard, è un misto di emozioni che può essere difficile da elaborare, sapendo che l'atto finale di un'altra persona di donare i propri organi potrebbe salvarle la vita. “Diventerà un campione. Ecco come lo vedo. “Capisco cosa deve succedere per ottenere ciò di cui ho bisogno.”Ha detto Pollard, riconoscendo la stranezza e la gratitudine che derivano da questo processo.

Nel corso della sua carriera nell'NBA, l'altezza di Pollard è stata la sua alleata, portandolo ai vertici del basket professionistico. Ritiratosi dopo un periodo di successo nello sport, che includeva giocare per cinque squadre diverse e vincere un campionato con i Celtics, Pollard ha riflettuto su come la sua fisicità, nonostante la sua grazia in campo, rappresentasse una sfida nella sua battaglia per la salute.

“Non è che essere alti sia una maledizione. Non lo è. È pur sempre una benedizione. Ma So da tutta la vita che ci sono buone probabilità che non invecchierò. Questo ti dà una prospettiva diversa su come farlo.

READ  Premier League europea: il numero di milionari pagati dai club dimessi