Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il controverso modello che ha preso di mira gli Stati Uniti è stato un fallimento

Il controverso modello che ha preso di mira gli Stati Uniti è stato un fallimento

In un’intervista che gli hanno rilasciato quando aveva 86 anni e doveva solo guardarsi indietro, Enzo Ferrari Definisci in poche parole l’unicità e la cura delle sue creazioni. Per il patriarca, le auto d’epoca di Maranello hanno una “forma e un contorno” che le rendono più simili a un’opera d’arte, anche quando alcuni esemplari sono moltiplicati a migliaia. Ma a volte il lavoro può essere più di questo, e dopo don Enzo la serie è persa. Anche nelle case più tradizionali, come quella che ha condotto per quasi mezzo secolo.

Forse l’esempio più controverso è l’auto che l’azienda ha ricordato per farsi un nome negli Stati Uniti, e quasi solo. Botticelli dipinto da Jackson Pollock. Una muscle car americana aggressiva che suonava come una sinfonia italiana. Maranello Batmobile.

A metà degli anni ’50, l’azienda voleva entrare nel mercato statunitense. Sebbene i nordamericani sembrino europei, hanno le loro idiosincrasie: cowboy, cupi agricoltori e duri lavoratori della Rust Belt. Questa differenza si ripercuote sul mercato automobilistico. La Ferrari aveva già tentato di mettere piede sul suolo americano con due modelli, la 340 Mexico (1952) e la 375 America (1953).Sono state realizzate solo 16 copie.


Batmobile Ferrari: 410 Superamerica Ghia.

Pur essendo nato di fronte all’altra sponda dell’Oceano Atlantico, nel 375 conquistò anche i possedimenti del vecchio continente: la leggenda narra che Lo aveva re Leopoldo del Belgio. Con un motore potente, la silhouette è già separata dal design che ha caratterizzato il marchio italiano fin dai suoi esordi. Pininfarina ha le licenze per adattarsi ai nuovi utenti. E quell’atteggiamento si è approfondito tre anni dopo, quando ha lanciato il suo successore: la 410 Superamerica.

“La cosa più stravagante mai vista su un telaio Ferrari”, hanno riconosciuto oggi in azienda. Era una proposta di sperimentazione aperta, utilizzata da un uomo d’affari americano per ottenere un’auto sportiva molto simile al prototipo Lincoln Futura costruita nello stesso periodo, e un decennio dopo recuperata per la serie psichedelica di Batman che incarnava Adam West ed era la migliore Batmobile di sempre .

READ  È morto Roberto "Tito" Cosa, icona del teatro argentino

Chi c’era dietro la controversa Ferrari che sembrava una Batmobile?

Per capire questa storia bisogna lasciare l’Italia e recarsi nella regione dei Grandi Laghi negli Stati Uniti. La famiglia Wilk faceva parte della nascente borghesia di Milwaukee, la città più popolosa del Wisconsin. Gli immigrati tedeschi e gli immigrati afroamericani abbondavano dal Sud e da Alberia. Nella variegata tavolozza di colori industriali, c’era un produttore di successo di lettere, buste e cartone. Fu creato da Gustave A. Wilke nel 1901. La sua ascesa fu inarrestabile e, in linea con quanto stava accadendo in città, era in piena espansione quando quella strana palla di fuoco arrivò in città.

Fu Robert, figlio di Gustav, a dare l’ordine all’Italia. Dal 1944 è a capo della Leader Card, che già nel 21° secolo è alla quarta generazione della famiglia. Bob, come era noto, era anche un fanatico delle auto. È venuto per introdurre l’azienda alle sponsorizzazioni di auto da corsa e per partecipare con le sue monoposto alla Indy 500.

Batmobile Ferrari: 410 Superamerica Ghia.
Batmobile Ferrari: 410 Superamerica Ghia.

Ha vinto tre titoli, due con Rodger Ward alla guida e uno con Bobby Unser al volante. Entrambi gli eroi hanno avuto un breve periodo Formula 1. Mario Andretti se l’è cavata molto meglio: dopo aver corso due gare supportate dalla Leader Card nel campionato USA del 1968, ha corso 14 stagioni nella massima serie ed è stato incoronato Lotus del 1978.

Robert, un appassionato di motori insomma, acquistò cinque esemplari da un cavallo imbizzarrito tra il 1951 e il 1956. Il quarto consecutivo fu commissionato nel marzo 1955: la Ferrari 410 America, erede della 375. L’imprenditore non seppe contenersi. La preoccupazione: ancor prima che Pininfarina offrisse ufficialmente l’originale, a Gia, un altro carrozziere torinese, fu chiesto di eseguire esclusivamente il restyling.

La casa di Maranello presentò nell’ottobre di quell’anno l’imponente motore della gamma 410. E si ispirò ai motori della competizione e non per niente ribattezzò la macchina Superamerica: era Il motore V12 da 4.962 cc genera 340 cavalli a 6.000 giri/min. La sua velocità massima era di 262 km/h..

Batmobile Ferrari: 410 Superamerica Ghia.
Batmobile Ferrari: 410 Superamerica Ghia.

Per quanto riguarda la carrozzeria, abbiamo dovuto attendere qualche mese. Nel frattempo continuavano i lavori su commissione del Papa, lavoro che durò più di un anno con molti viaggi che il Papa fece a Torino per sovrintendere alla costruzione.

READ  "Sinceramente, non ci sarà più la fidanzata dei Mondiali": la modella paraguaiana Larissa Riquelme riappare e si dichiara, dicendo che non ci sarà nessuno a batterla | persone | intrattenimento

Rossa, cromata e pinna di squalo: questa era la Ferrari più americana

Al Salon di Bruxelles del 1956 vengono svelati i particolari del cadavere dipinto da Pininfarina. Lì fu scoperta una coupé biposto, molto simile alla Ferrari 250 progettata nello stesso periodo, seppur con i suoi particolari: prevalevano le linee rette piuttosto che le morbide curve di una delle più belle creazioni di Maranello. Si conoscevano solo 35 esemplari, quasi tutti molto diversi tra loro. Ciascuno costava circa $ 17.000, un valore molto alto per l’epoca.

Oggi, ricorda l’azienda, “perché si trattava di modelli costosi ed esclusivi rivolti a clienti con un potere d’acquisto più elevato, anche sulla coupé di serie c’erano dettagli distintivi, per soddisfare i desideri specifici di ognuno di loro”. Come mai prima d’ora, la matita è stata lasciata nelle mani dei clienti.

Sono state effettuate libere interpretazioni da parte di diverse aziende di progettazione, in base alle esigenze dei committenti. Oltre a Pininfarina, Scaglietti, Boano e Ghia, è stato coinvolto il responsabile della Batmobile Rampante.

Wilk l’ha ritirato dalla sede di New York dell’importatore Luigi Chinetti. La sua 410 Superamerica, con telaio specificato come 0473 SA, ha approfittato dei colpi d’angolo. Le cromature regnano sovrane su ruote e paraurti e in due strette strisce che percorrono le fiancate della vettura da un capo all’altro. Anche la griglia ha preso le distanze dai suoi predecessori.

Batmobile Ferrari: 410 Superamerica Ghia.
Batmobile Ferrari: 410 Superamerica Ghia.

L’abitacolo aveva rivestimenti in morbida pelle e dozzine di gadget aggiuntivi. accanto a, Il suo cuore ha ricevuto un aggiornamento: 200 cc. Inoltre, la potenza è scesa a 365 cavalli e la velocità è aumentata a 273 km / h. È rifinito con una versione argentata del logo del marchio e del nome dell’azienda stampati, lettera per lettera, sul baule.

READ  Bautista Mascia è il vincitore del Grande Fratello 2023: la storia del musicista uruguaiano che ha conquistato l'amore della gente

Tuttavia, ciò che lo rendeva unico – così come il Borderlands – erano le famigerate ali laterali nel settore posteriore. Queste protuberanze erano già presenti su altre versioni della gamma, ma Ghia le ha trasformate in adesioni anomale. Spiccavano anche le ruote ricurve, che ne ricoprivano metà della superficie.

Sorvolando lo spirito di entrare nell’era spaziale. In effetti, l’auto sembra essere stata ispirata da un’auto contemporanea: la Chrysler Gilda, una delle straordinarie implementazioni di prova del produttore americano di motori turbocompressi. Comunque, Il tempo ha combinato la Superamerica Ghia 410 con un’altra creatura: la Batmobile.

Batmobile Ferrari: 410 Superamerica Ghia.
Batmobile Ferrari: 410 Superamerica Ghia.

Strisce cromate sulle fiancate, parafanghi posteriori e ruote curve, il tutto portato all’estremo, gemellava la sportiva italiana che voleva conquistare l’America con quella che finì con Batman e Robin nell’abitacolo. La Lincoln Futura era un prototipo sviluppato anche da Ghia in quei mesi e addirittura paragonata a una manta. Era la scommessa di Ford sulla sua divisione esecutiva per sfuggire ai problemi economici. I produttori televisivi l’hanno salvata dall’oblio nel 1966 per elevarla a icona di due settori: l’industria automobilistica e l’industria dell’intrattenimento.

Superamerica non ha avuto la stessa fortuna. Sono state prodotte solo 35 vetture. Non c’è stata alcuna invasione dell’America. Bob Willke ne tenne uno fino alla sua morte nel dicembre 1970. Condivideva la casa con una 212 Export giallo e blu, una 212 Inter nera e verde e una 375 America rosso e argento, costruite da Vignale; e 375 Mille Miglia firmate Ghia. Oggi è ricordata come la Ferrari più insolita, una creazione americana su suolo italiano che avrebbe percorso le buie strade di Gotham City.

Guarda anche