Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Clean Point di Villa Italia aprirà venerdì prossimo

Proseguendo con gli interventi di ampliamento e consolidamento della rete dei Punti Puliti, il comune ha comunicato che la nuova stazione che opererà a Villa Italia è passata di mano il giorno della messa in esercizio. All’inizio si pensava che sarebbe stato mercoledì domani, ma ora si dice che tutto è successo per venerdì alle 10:30.

La nuova stazione, situata a Pasteur 1150, opererà con gli stessi orari e con la stessa metodologia dei punti esistenti.

Attualmente le stazioni Punto Limbio ricevono vetro, cartoni, bottiglie di plastica, carta, lattine, aerosol, polistirolo, contenitori brick tetra, IT lag, olio da cucina usato e bustine.

Gran parte del materiale ricevuto viene ritirato e commercializzato da varie istituzioni di welfare pubblico, consentendo loro di generare fondi per finanziare i propri progetti o attività.

“L’apertura di questa nuova stazione sulla rete ci consentirà di coprire completamente questa importante area della città dove vive un gran numero di residenti”, ha spiegato Hector Criparola, Direttore dell’Ambiente.

Il funzionario ha aggiunto: “Con questa nuova stazione stiamo continuando il cammino su questo percorso che abbiamo iniziato diversi anni fa e che stiamo gradualmente rafforzando. Questa sarà la sesta stazione, quattro a Tandil, una a Maria Ignasia Villa, una a Gardi, e continueremo anche a lavorare con i residenti dei diversi quartieri in Lo sviluppo di punti puliti autogestiti, che operano periodicamente in diverse zone della città e abbiamo già completato la prima fase di installazione di punti puliti in alcune scuole .”

Concludendo, ha sottolineato che “ogni giorno sempre più vicini si uniscono alla proposta dei punti puliti portando materiali nelle stazioni, consentendo a quei materiali che portano di avere un nuovo utilizzo oltre a generare benefici per le imprese con cui lavoriamo e contribuiscono all’economia circolare .”

READ  I ministri degli esteri del G20 chiedono una maggiore cooperazione contro la crisi epidemica