Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il BdE insiste nel vigilare sulla capacità di Spagna e Italia di digerire i fondi UE

Il BdE insiste nel vigilare sulla capacità di Spagna e Italia di digerire i fondi UE

Italia e Spagna sono i due principali destinatari dei fondi europei Next Generation EU, mentre le loro economie, più esposte al settore dei servizi, sono state colpite più duramente dalla pandemia di Covid-19 rispetto ad altri paesi. Il Paese transalpino avrà a disposizione complessivamente 191.500 milioni di euro tra contributi a fondo perduto e mutui agevolati e la Spagna ca. 140.000 milioni di euro (Quasi la metà, 69.500 milioni, sotto forma di trasferimenti diretti). Tuttavia, l’arrivo di queste offerte tanto attese sta incontrando problemi di gestione, cosa che sta accadendo nei due paesi del Mediterraneo, ma anche in altri, secondo la Banca di Spagna (BdE).

Di fronte a questo ostacolo burocratico e alle interruzioni record degli investimenti, la società guidata da Pablo Hernández de Caz lo ritiene essenziale. La capacità di digerire queste risorse viene monitorata sia quest’anno che quello successivo. Soprattutto per l’enorme impatto previsto sulle rispettive economie. “Dati gli elevati importi di investimenti previsti nel 2023-2026, soprattutto in Italia e Spagna, è necessario monitorare la capacità di assorbimento nel 2023 e oltre, e tenere conto del significativo impatto atteso sulle prospettive macroeconomiche di questi paesi.”

Il regolatore chiarisce nel suo articolo che la maggior parte dei pagamenti approvati fino ad oggi sono legati all’introduzione di riforme legate a cambiamenti legislativi, che sono generalmente più facili da attuare rispetto agli investimenti. “Un chiaro esempio è la Spagna, dove è stato attuato il 60% delle riforme Gli investimenti completati non hanno raggiunto il 10%“, sottolinea. Inoltre, sottolinea che finirà nel 2026 per raggiungere gli obiettivi promessi con la Commissione europea e, con ciò, per ricevere gli ultimi finanziamenti.

READ  L'Italia rileva più di 65.000 nuovi casi di Covid-19 in 24 ore | notizia

La Spagna e gli altri beneficiari, infatti, possono presentare l’ultima richiesta durante il primo semestre dell’anno, momento in cui dovranno aver rispettato tutte le riforme e gli investimenti inclusi nel Piano di ripresa, transizione e resilienza. La società teme che il modello di correzione al ribasso mostrato dall’assorbimento dei fondi stia puntando “Rischi significativi” Gli obiettivi di investimento del meccanismo di ripresa e resilienza (MRR) “non erano stati pienamente raggiunti” in quella data.

Altri tocchi di attenzione simili

Era un’agenzia di rating lo scorso luglio Standard e scadente Ha avvertito che Italia e Spagna potrebbero aver bisogno di più tempo di quanto inizialmente previsto (entro il 2026) per implementare i fondi europei. “Questi paesi e altri governi che beneficiano di un’assistenza significativa da parte dell’UE richiederanno un’estensione per attuare progetti di investimento complessi che rispondano agli obiettivi climatici, alla digitalizzazione e alla coesione sociale”, sottolinea una nota.

Si verifica una situazione in cui questo processo coincide con un momento Incertezza politica interna A causa del difficile incastro del puzzle parlamentare lasciato dalle elezioni del 23 luglio. I due partiti principali, PSOE e PP, stanno lavorando a pieno ritmo per raggiungere un accordo sugli investimenti e formare un governo, ma il processo richiederà troppo tempo – sia all’interno che all’esterno dell’esecutivo – per essere messo in pratica. È vero che il bilancio generale dello Stato sarà prorogato nel 2024. Pochi giorni fa, la vicepresidente Nadia Calvino aveva promesso che la Spagna avrebbe potuto continuare con i finanziamenti europei nonostante questa situazione.

Bruxelles ritiene che durante l’estate siano stati compiuti molti progressi

Per ora, mercoledì, è terminato il periodo ‘extra’ concesso da Bruxelles per verificare l’ammissione al piano di salvataggio, con cui la Spagna vuole sbloccare 10 miliardi nella quarta erogazione del NGEU e 84 miliardi di prestiti associati e altri 2.600 milioni da il meccanismo REpowerEU. Da Bruxelles, lo stesso Calvino ha confermato che le autorità sociali e l’esecutivo spagnolo in carica sperano di chiudere “immediatamente i margini in sospeso”.

READ  Un viaggio attraverso Buglia: l'architettura surreale e spirituale dell'area più 'alta' d'Italia

Lo confermano fonti della Commissione Europea a ‘La Información’ Durante l’estate sono stati fatti molti progressi E sono in corso discussioni costruttive con le autorità in vista di finalizzare presto la valutazione. “Comunicaremo l’esito della valutazione del piano rivisto non appena raggiungeremo quella fase”, dicono. In questo modo la Spagna potrà accedere alla seconda fase del programma, una volta approvato, l’economia vorrà richiedere il quarto aiuto diretto.