Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I tagli ai posti di lavoro di Stellantis si sono diffusi ad altri datori di lavoro in Italia.

I tagli ai posti di lavoro di Stellantis si sono diffusi ad altri datori di lavoro in Italia.

Stabilimento Stellandis a Cassino, Italia [Photo by Stellantis]

L'entità della perdita di posti di lavoro si sta rapidamente espandendo ad altri settori e industrie correlati poiché gli stabilimenti italiani di Stellandis si aggiungono all'elenco che offre “partenze volontarie incentivate” o sontuosi pacchetti di licenziamento.

Venerdì, l’ultimo caso ha coinvolto VM Motori, controllata di Stellantis, che produce motori diesel. VM ha licenziato altri 30 lavoratori nello stabilimento di Cento, nel nord Italia, dopo i 300 licenziamenti dello scorso dicembre. Nel giro di pochi anni, lo stabilimento VM di Cento aveva perso il 60% della sua forza lavoro, passando da 1.000 a soli 400 dipendenti.

I danni non si limitano a Stellandis. Un effetto domino ha fatto sì che molte industrie correlate subissero massicce perdite di posti di lavoro.

Nello stabilimento del casinò Stellandis, che ha recentemente annunciato la perdita di 870 posti di lavoro, i subappaltatori dell’azienda hanno annunciato i propri licenziamenti, di cui 25 presso un appaltatore della difesa, 35 presso Atlas, 35 presso Iscot Italia e circa 50 presso la mensa dello stabilimento. Presso la De Vizia, che svolge attività di portineria, ci sono stati 33 esuberi perché il contratto dell'azienda è stato risolto ed i posti di lavoro verranno assorbiti, cioè rinviati ai lavoratori rimasti.

Si stima che nella piccola area del casinò siano andati perduti circa 1.500 posti di lavoro in tutte le industrie correlate, un colpo devastante per una comunità che ha subito decenni di sfruttamento intensivo. Di questo passo, i recenti licenziamenti di Stellandis in tutta Italia colpirebbero circa 8.000 famiglie se fossero incluse le industrie correlate.

Crescono la rabbia e la resistenza tra i lavoratori, compresi gli scioperi e le azioni di protesta previste per la prima e la seconda settimana di aprile. Le confederazioni sindacali della CISL e della UIL approvarono i tagli ai posti di lavoro, mentre la CGIL chiese al governo fascista della Georgia Meloney di controllare la situazione, se necessario.

In particolare, gli appelli disperati di molti sindacati, compresi alcuni sindacati “di base” (cioè nominalmente “di base”), sono diretti ad agenzie governative, politici e gruppi di pressione. Principalmente responsabile degli attacchi contro i lavoratori e le organizzazioni locali che tutelano i privilegi della borghesia.

READ  L'Italia riapre il dibattito sulla concessione della cittadinanza ai figli dei migranti

Operaio italiano Stellandis: 'La lotta degli sfruttati e degli emarginati deve essere internazionalizzata'

WSWS ha recentemente parlato con Rita Di Fazio, che lavora nello stabilimento di Cassino, dove dal 1972 sono stati prodotti più di 7 milioni di veicoli per Fiat, Lancia e Alfa Romeo. Attualmente sono ancora in produzione l'Alfa Romeo Giulia, la Stelvio e la Maserati Grecale.

WSWS: Cosa puoi dirci della tua esperienza nello stabilimento?