Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I sopravvissuti dell’era glaciale si rifugiano in Spagna – Chicago Tribune

I sopravvissuti dell’era glaciale si rifugiano in Spagna – Chicago Tribune

MADRID – I cacciatori-raccoglitori dell’era glaciale sono sfuggiti alle intemperie rifugiandosi nell’Europa sudoccidentale e si sono estinti nella penisola italiana, rivela uno studio sulla rivista Nature.

Un team di ricerca internazionale ha analizzato i genomi di 356 cacciatori-raccoglitori preistorici di diverse culture archeologiche, inclusi nuovi set di dati di 116 individui provenienti da 14 paesi in Europa e Asia centrale. Gli esseri umani moderni hanno iniziato a diffondersi in tutta l’Eurasia circa 45.000 anni fa, ma ricerche precedenti hanno dimostrato che i primi esseri umani moderni ad arrivare in Europa non hanno contribuito alla popolazione successiva.

Questo studio si concentra su persone vissute tra 35.000 e 5.000 anni fa che sono, almeno in parte, gli antenati delle attuali popolazioni dell’Eurasia occidentale, includendo – per la prima volta – i genomi di persone vissute durante l’ultimo massimo dell’era glaciale ( LGM), lo stadio più freddo dell’ultima era glaciale, circa 25.000 anni fa.

Sorprendentemente, il team di ricercatori ha scoperto che le popolazioni di diverse regioni associate alla cultura gravettiana, che si diffuse in tutto il continente europeo tra 32.000 e 24.000 anni fa, non erano strettamente imparentate tra loro.

Erano legati da una cultura archeologica comune: brandivano armi simili e producevano arte indossabile simile. Tuttavia, le popolazioni dell’Europa occidentale e sudoccidentale (l’odierna Francia e l’Iberia) differivano geneticamente dalle popolazioni moderne dell’Europa centrale e meridionale (l’odierna Repubblica Ceca e l’Italia).

Inoltre, il patrimonio genetico della popolazione Graftense occidentale non è stato interrotto da almeno 20.000 anni: i loro discendenti, imparentati con le culture solutreana e magdaleniana, sono rimasti nell’Europa sudoccidentale durante il periodo più freddo dell’ultima era glaciale (tra 25.000 e 19.000 anni fa) e successivamente si diffuse a nord-est, nel resto d’Europa.

READ  Un'occasione per conoscere luoghi emblematici di Spagna, Italia e Francia

“Con questi risultati, possiamo per la prima volta supportare l’ipotesi che durante l’ultima era glaciale massima (LUM) le persone abbiano trovato rifugio nella regione climaticamente più favorevole dell’Europa sudoccidentale”, afferma il primo autore Cosimo Posth.

La penisola italiana era precedentemente considerata un altro rifugio climatico per l’uomo durante l’ultima massima era glaciale. Tuttavia, il team di ricercatori non ha trovato prove di ciò, anzi: i gruppi di cacciatori-raccoglitori associati alla cultura gravettiana che vivevano nell’Europa centrale e meridionale non erano più rilevabili geneticamente dopo la GMU. Invece, le persone con un nuovo patrimonio genetico si sono stabilite in queste aree.

“Abbiamo scoperto che gli individui legati a una cultura successiva, quella epigravettiana, sono geneticamente diversi dai primi abitanti della regione”, spiega He Yu, coautore dello studio. Queste persone presumibilmente provenivano dai Balcani, arrivarono per la prima volta nel nord Italia intorno al periodo del picco glaciale e si diffusero fino alla Sicilia.

I genomi analizzati mostrano anche che i discendenti di queste popolazioni epigravettiane della penisola italiana si diffusero in Europa circa 14.000 anni fa, sostituendo le popolazioni associate alla cultura magdaleniana. Il team di ricerca descrive una variante genetica diffusa che potrebbe essere dovuta in parte ai cambiamenti climatici che hanno costretto le popolazioni a migrare.

“A quel tempo il clima si è riscaldato rapidamente e notevolmente e le foreste si sono diffuse in tutto il continente europeo. Ciò potrebbe aver spinto i meridionali ad espandere il loro raggio d’azione. È possibile che i primi abitanti siano migrati a nord poiché il loro habitat, le steppe ‘mammut’, si è ridotto, spiega Johannes Krause, autore principale dello studio.

READ  Pipo Cipolatti ricorda come hanno fatto con i loro figli gemelli ad andare avanti dopo il suicidio della moglie

Inoltre, i risultati mostrano che non c’è stato scambio genetico tra gruppi di moderni cacciatori-raccoglitori nell’Europa occidentale e orientale per più di 6.000 anni. Le interazioni tra i popoli dell’Europa centrale e orientale possono essere scoperte solo fino a 8000 anni fa.

“A quel tempo, cacciatori-raccoglitori di diverse origini e sembianze iniziarono a mescolarsi tra loro. Erano diversi in molti modi, incluso il colore della loro pelle e il colore dei loro occhi”, spiega He Yu.

In questo momento, l’agricoltura e uno stile di vita sedentario si diffusero dall’Anatolia all’Europa. “È possibile che la migrazione dei primi agricoltori in Europa abbia causato il ritiro dei gruppi di cacciatori-raccoglitori nell’estremo nord dell’Europa. Allo stesso tempo, questi due gruppi hanno iniziato a mescolarsi tra loro, e hanno continuato a farlo per i prossimi 3000 anni”, dice Krause.

Posth riassume: “I dati ottenuti in questo studio ci forniscono una visione straordinariamente dettagliata dell’evoluzione e degli incontri dei gruppi di cacciatori-raccoglitori nell’Eurasia occidentale”. La futura ricerca interdisciplinare chiarirà gli esatti processi responsabili della sostituzione genica per l’intera popolazione del Pleistocene”.