Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I segreti della Repubblica Dominicana e il sentimento dei Mondiali di basket grazie all’allenatore argentino espulso dalla Nazionale

I segreti della Repubblica Dominicana e il sentimento dei Mondiali di basket grazie all’allenatore argentino espulso dalla Nazionale

Che Garcia guida la squadra d’azione della Coppa del mondo di basket FIBA

No, sto bene, lasciami in campo.

No, non ti prenderò due minuti, conosco la Fiba.

Scadenza dominicana. Carl Anthony Townes, la stella della squadra NBA, ha due colpe e non vuole uscire contro l’Italia. Ma Che Garcia imporre. Ditegli che metterà Eloy Vargas per due minuti per evitare che commetta un altro errore che lo complicherà per il resto della partita. La spiegazione è semplice e potente: ha più esperienza in questo tipo di partite. , oltre all’NBA. Bahini così. Di solito molto carismatico, un giocatore-allenatore che “compra” i suoi allenatori, ma allo stesso tempo non ha problemi a imporsi, anche su quelli con più nomi ed etichette, in questo caso il personaggio dei Minnesota Wolves che, anni dopo , ha deciso di giocare per la sua squadra. “È uno dei migliori allenatori al mondo. Non è solo un allenatore di basket, è un life coach. ‘È il capitano della nostra squadra, il capitano'”, è stato il grande elogio di Townes. E non è l’unico.

Mi fanno soffrire tutta la settimana, ma li amo tantissimo perché sono disciplinati e seguono le mie istruzioni. E poi, nei giochi, mi rendono felice. Ecco perché amo i miei giocatori.

Ti amiamo, qualunque cosa accada.

La conferenza stampa dopo la vittoria sull’Italia. L’uomo di Bahia racconta la sua esperienza di guida nella Repubblica Dominicana. Dice che i giocatori gli fanno imprecare in allenamento, ma in partita lo rendono felice, perché seguono le sue indicazioni.

Ecco perché amo davvero i miei giocatori.

Ti amiamo, qualunque cosa accada.

Andrea ha detto, L’altro senior della squadra ascolta quello che ha da dire il Che e risponde riassumendo quanto la squadra apprezzi quello che sta facendo l’argentino. Dall’insediamento di Garcia nel settembre 2022, poche settimane dopo la sua rimozione dalla nostra nazionale, i Caraibi sono rimasti imbattuti. 12-0 è il record, se contiamo il 4-0 nelle qualificazioni ai Mondiali – compresa la grande vittoria di Mar del Plata che ci ha lasciato senza Coppa del Mondo -, il 5-0 ai Giochi Centroamericani e ora 3-0 nel Mondiale, che gli ha permesso di conquistare il primo posto nella sua regione, sull’Italia, favorita.

Il domenicano, senza dubbio, è un senso di eroismo. Qualcosa di simile era già accaduto quattro anni fa in Cina, quando la Repubblica Dominicana si qualificò agli ottavi per la prima volta nella sua storia. Allora era al secondo posto, adesso è al primo. Prima il Che lo faceva anche con il Venezuela, altra squadra per cui tifava. La Venotinto ha più storia dei dominicani, ma sono passati anni senza contatti con i migliori e l’argentino, nello stesso stile che vediamo adesso, ha affascinato il Venezuela e gli ha permesso di diventare una squadra forte, rocciosa e fisica, che è migliorata notevolmente. Vincere le Preolimpiadi del 2015 in Messico. Hanno battuto il Canada della NBA in semifinale, guadagnato un biglietto per Rio, e poi hanno battuto l’Argentina per mano di Scola e Campazzo in finale.

Happy è uno dei grandi personaggi della Repubblica Dominicana

Manager di talento, il Che sa chiaramente come sconvolgere il suo paese… E lo ha ripetuto il fatidico 28 febbraio, quando la Repubblica Dominicana rimontava da 17 punti e ha battuto Boli a Mar del Plata, cosa che ha causato un grande shock all’Argentina, il fantasma tornato giorni fa, quando la squadra ha perso un’altra partita decisiva, questa tempo a Santiago del Estero contro le Bahamas, E quindi non lascia alcuna possibilità di raggiungere Parigi 2024.

READ  Marco Pellegrino, il ragazzino del tennis avanzato che ha deciso di giocare a calcio, è passato da 10 a 6 ed è molto vicino alla cessione al Milan.

Per Garcia, che ha festeggiato come un pazzo in mezzo alla polizia, è stata una vendetta dopo essere stato espulso dalla squadra dopo una notte lunghissima che ha fatto arrabbiare tutti, soprattutto giocatori e capitani, che, ore dopo, hanno emesso una decisione camuffata da licenziamento dalla squadra. la sua posizione di comune accordo. Il giorno successivo, a causa della mancanza di allenamento e di una guida tecnica irregolare durante la partita contro le Bahamas, vista in televisione, soprattutto nei suoi verbali, ha emesso la decisione di lasciare la Nazionale. Le voci e le critiche non sono mancate dopo che l’allenatore ha commesso l’errore di scegliere questo momento e Al Bahian per le sue azioni.

Il Che ha scelto di rimanere in silenzio e, dopo la vittoria a Mar del Plata, ha detto che non era una vendetta. E pochi giorni dopo, alla radio d, ha dato parte della sua copia. “Solo due persone sanno esattamente cosa è successo: non ne nominerò uno, e l’altro sono io.” Ha cominciato riferendosi a lui e, molto probabilmente, a Fabian Porro, presidente della Federcalcio argentina. “Né questa persona né io racconteremo mai cosa è successo. I patti sono patti. Dopodiché, quello che dicono gli altri, è tutta speculazione”, il che genera ulteriore confusione sull’argomento. Ma la parte più complicata è arrivata dopo. “Mi hanno espulso dalla Nazionale perché dovevano espellermi. Non so se mi hanno espulso i capitani o i giocatori. Mi hanno fatto un bel letto…”, ha lanciato una granata che è esplosa vicino ai capitani .

E nessun altro ha parlato Andres Nocione, Guerriero della Generazione d’Oro che non ha taciuto. E aggiunge: “Mi sembra che se la Nazionale avesse deciso di espellerlo, avrebbe fatto qualcosa di male. Non credo che una decisione così drastica venga presa nel bel mezzo di un processo come questo senza motivo e lui ha “Lo ammetto. Ho visto alcune dichiarazioni sull'”espulsione gentile”, ha detto che era, non so, per valutare cosa ho fatto perché anche questo accadesse”, ha dichiarato, dopo aver spiegato che il Che sembrava lui “un bravo ragazzo, bravissimo, bravo ragazzo, che ha sempre avuto l’onda migliore con lui.”

García: “L’Argentina è ancora una delle più grandi nazionali del mondo”

Con questi risultati ottenuti dal Che con i dominicani si riapre la ferita, una ferita cocente dopo sei mesi fatali, che comprendevano anche l’impossibilità di partecipare ai Mondiali e, per di più, l’esaurimento delle opportunità olimpiche, per la prima volta. In quattro decenni, per la prima volta dalla creazione della Lega Nazionale, il National Quarry era finora lontano dall’essere il migliore.

READ  Sconfiggi Ponzinibbio, con un cartellino straordinario di un giudice

“Ho dato il massimo per la nazionale argentina. Ho vinto 11 partite e ne ho perse solo due”., si difese. Questo è vero, ma solo in parte. Una di quelle sconfitte, contro il Venezuela in casa, è stata fondamentale, commettendo l’errore di mettere insieme una squadra peggiore di quella che potevano costruire, soprattutto per il bene di risparmiare risorse. Nestor ha tollerato che gli portassero giocatori che “sanno farcela” e no. Persone che dovevano venire, soprattutto per non spendere molti soldi per i biglietti (solo tre hanno ricevuto l’ordine dalla direzione). Conoscere bene il Venezuela e il suo potere è stato un errore enorme.

È proprio un concorrente che il Che conosceva bene e ha rafforzato con una premessa chiara che ha spiegato. “Sono venuto in Venezuela e ho suggerito diverse cose per la crescita. Avevamo bisogno di confrontarci con i migliori per capire come giocare a questi livelli. L’obiettivo era imparare a sfruttare il talento venezuelano, per compensare l’altezza e il deficit tecnico. Mi è sempre piaciuto il suo gioco brillante e veloce, ma per correre devi difendere molto, avere impegno dietro di te e cambiare mentalità per aggiungerlo alla squadra perché niente e nessuno è più importante della squadra”, ha detto il Che.

La quasi qualificazione ai Mondiali del 2014 è stato un avvertimento che Venotinto era pronto a colpire. Subito dopo, la vittoria contro la squadra sudamericana, dopo aver battuto il Brasile in semifinale e l’Argentina in finale, li riempì di fiducia. E mancava ancora il meglio, alle preolimpiadi in Messico, un anno dopo. Il Venezuela si è guadagnato il rispetto del mondo eliminando in semifinale il Canada (campione NBA) e poi ancora l’Argentina, Santo Graal per antonomasia. Il Che, fedele al suo stile, ricorda come motivava i suoi giocatori. Ho preparato l’anteprima con il documentario 30×30 di Aspen Sulla generazione d’oro argentina perché capiscano cosa avranno davanti. Ricorda “concorrenti e opportunità”. E i suoi figli lo hanno fatto, vincendo il primo titolo a questo livello per una squadra venezuelana.

Adesso ha colpito il mondo con i domenicani. Unisciti al pool di giocatori che hanno raggiunto il punteggio di qualificazione, vincendo a Mar del Plata Anthony Townes, LJ Figueroa e Lester Quinones. Il primo, uno dei migliori allenatori della NBA oggi, è nato nel New Jersey ma sua madre, la defunta Jacqueline Cruz, era dominicana. Pivot non rappresentava questa squadra da 10 anni e ora che ha visto che si erano qualificati per la Coppa del Mondo, ha detto di sì. Ha una media di 19,3 punti e 7,7 rimbalzi nel torneo, e il suo più grande difetto è la sua posizione che fa la differenza grazie alla sua velocità, versatilità e risorse offensive per la sua taglia (2 minuti 13 minuti).

La Repubblica Dominicana fa scalpore ai Mondiali di basket

L’altro numero è Andres Feliz, spagnolo della Joventut, che segna 17,7 punti di media, 5,7 recuperi e 5 assist. L’attaccante completo Victor Liz contribuisce con 13,3 punti e 5 parate, e il talentuoso Jean Montero completa Velez con 7,3 e 5 assist. Quinonez (portiere), Figueroa (attaccante), Antonio Peña (attaccante) e Ángel Delgado (pivot) sono altri lavoratori chiave nella struttura del Che, che sono riusciti ad aggiungere i loro concetti: disciplina tattica, gioco offensivo, lettura del gioco, passaggi extra, che hanno avuto successo nella FIBA ​​- senza togliere l’essenza dei giocatori caraibici che hanno più DNA per il gioco americano….

READ  I Mondiali di kick boxing iniziano in Italia - Il Sol de Cuernavaca

La Repubblica Dominicana ha iniziato battendo la nazionale filippina per 87-81, nella prima partecipazione che ha raggiunto il numero record di tifosi in una partita di Coppa del Mondo, con 38.115 persone. Anthony Towns ha aggiunto 26 punti e preso 10 rimbalzi, e Liz ha contribuito con 18 e 6, mentre Phillies ha avanzato perfettamente (12 e 8 assist). E la campana è suonata nella seconda partita, battendo l’Italia, la prefavorita, per restare nel girone. Il punteggio è stato molto equilibrato, 87-82, a dimostrare che la Repubblica Dominicana è capace di segnare e difendere. Towns e i Phillies hanno aggiunto 24 punti, dimostrandosi inarrestabili, e Montero è finito per essere il terzo del tridente, con 9 assist e 12 gol.

Per chiudere la zona, martedì, sono riusciti a battere ancora l’Angola, guidata dal Velez (17-6) e da una grande difesa che ha lasciato gli africani al 35% del campo. Ora arriva la seconda fase, in cui i gruppi vengono nuovamente riuniti. Gli uomini di Garcia avranno a disposizione la prossima coppia di serie B, sicuramente Serbia e Porto Rico, che potrebbero rilanciare la classica caraibica.

Inevitabilmente al Che è stato chiesto della nostra Nazionale, di come sta vivendo questo momento di crisi, senza Mondiali e Olimpiadi. L’Argentina è ancora una delle più grandi squadre del mondo. Sono cose che accadono nello sport, e sono già accadute alle superpotenze, come l’esclusione dalle finali dei Mondiali, dai Giochi Olimpici e perfino dall’organizzazione delle qualificazioni. Questi sono i momenti in cui può succedere, perché il basket è diventato così globalizzato e uniforme. Oggi giocando bene si può vincere in qualsiasi stadio del mondo. Sono tornei brevi, i risultati sono molto incerti, è diverso dal campionato in cui vince il migliore. Il bahiano ha in parte ragione nella sua analisi, soprattutto per quanto riguarda il contesto globale, dove cita precedenti di altri paesi, anche se evidentemente esagera quando dice che l’Argentina è ancora un’élite. Oggi non è più così, e le prove sono chiaramente convincenti. Ciò che gli piace personalmente è guardare in TV…

Continuare a leggere:

Omaggio speciale della stella dominicana a Che García dopo la storica classifica nella Coppa del Mondo FIBA ​​di basket: l’argentino reagisce