Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I nativi americani potrebbero essere la chiave della felicità senza soldi |  Salute e benessere

I nativi americani potrebbero essere la chiave della felicità senza soldi | Salute e benessere

Nel 2012, i britannici Adrian e Gillian Byford hanno vinto 190 milioni di euro alla lotteria EuroMillions. Mesi dopo divorziarono e negli anni successivi finirono per sposare persone che li tradivano, litigando con le loro famiglie e indebitandosi per cattivi investimenti. Nel 1988, William Post vinse 16,2 milioni di dollari alla Pennsylvania Lottery (USA). Un anno dopo, suo fratello pagò un sicario per ucciderlo ed ereditare la sua fortuna. Post è sopravvissuto, ma ha concluso la sua vita con debiti per oltre un milione di euro.

Le storie di vincitori della lotteria abbondano, e Come pubblicato Alcuni media non sono storie. L’idea che il 70% di coloro che vincono alla lotteria perdono dopo cinque anni è dovuta al lavoro ampiamente citato del National Endowment for Financial Education (NEFE), a Denver (USA). l'organizzazione È stato respinto nel 2018 Ha detto che c'era stato un suo studio con quelle conclusioni e ha attribuito la confusione a un partecipante ad un incontro organizzato dalla NEFE nel 2001, che ha inventato i dati. Studi successivi Suggeriscono che i vincitori della lotteria si sentono meglio dopo la vincita e calcolano che il tasso di fallimento tra i vincitori è inferiore al 6%. Tuttavia, dopo la smentita, questa cifra Continua a pubblicareIl che indica la necessità di credere che i soldi non comprano la felicità. Ma molti studi scientifici dicono il contrario.

In un lavoro recente Su questo argomento Matthew Killingsworth, dell’Università della Pennsylvania (USA), e Daniel Kahneman, di Princeton, hanno testato le proprie scoperte sulla relazione tra denaro e benessere emotivo. Kahneman ha osservato in uno studio condotto nel 2010 che il benessere, almeno tra gli americani, aumenta con il reddito fino a raggiungere i 75.000 dollari all’anno. Dopodiché l'effetto scompare. Killingsworth, con la sua applicazione Tieni traccia della tua felicità Sigue Tu Felicidad, che pone agli utenti domande su come si sentono in momenti casuali della giornata, ha concluso nel 2021 che il denaro ha continuato ad aumentare la felicità oltre i 75.000 dollari, superando il limite scoperto da Kahneman.

Nello studio congiunto, volto a risolvere le loro divergenze, i ricercatori hanno notato che in una certa misura entrambi avevano ragione: per l'80% delle persone, guadagnare di più non smette mai di avere benefici emotivi, ma sono il 20% su 100. migliaia di dollari all'anno, quei profitti non significano nulla.

READ  Un terapeuta centrale guida i suoi pazienti a migliorare la loro salute

Il denaro di per sé non porta la felicità, ma ci permette di fare cose che ci fanno sentire meglio. Uno dei modi per raggiungere questo obiettivo è, Sia per i ricchi che per i poveriSpende soldi per gli altri. Ovviamente i ricchi possono invitare di più. Un altro fattore legato al benessere soggettivo sono le buone relazioni sociali e sembra è più semplice Farli godere di un elevato status sociale ed economico. In generale, anche se le persone che guadagnano di più possono talvolta avere orari di lavoro molto lunghi, tendono ad avere un maggiore controllo su come organizzare il proprio tempo rispetto alle persone che guadagnano meno e che, in molti casi, lavorano anche più ore.

Tuttavia, con qualcosa di ambiguo come la felicità, è irragionevole pensare che la tua ricerca possa limitarsi a cercare di guadagnare di più. L'economista Richard Easterlin pose Una volta soddisfatti i bisogni primari, l’aumento del reddito non porta necessariamente ad un aumento del benessere. Secondo i loro dati, il tempo trascorso con la famiglia o la cura della propria salute ha un impatto più duraturo del denaro, che perde il suo effetto come una droga a cui ci si abitua. “Le persone trascorrono una quantità sproporzionata di tempo per raggiungere obiettivi finanziari”, afferma Easterlin. Questo perché, secondo lui, gli individui credono che le loro aspirazioni saranno le stesse adesso e in futuro, e non si rendono conto che con l’aumento dei profitti, le loro aspirazioni aumenteranno. Inoltre, le persone non imparano perché quando viene chiesto loro come si sentivano in passato, si valutano in base alle loro attuali aspirazioni materiali e non in base alle aspirazioni inferiori che avevano anni fa. “Di conseguenza, la maggior parte delle persone trascorre una parte sproporzionata della propria vita guadagnando denaro e sacrificando la famiglia o la salute, ambiti in cui le aspirazioni sono più o meno costanti al variare delle circostanze”, conclude Easterlin.

Il rapporto tra denaro e felicità è più complesso. Pochi giorni fa, la rivista Con le persone ha pubblicato uno studio Ha misurato la soddisfazione di vita delle persone che vivono in comunità ai margini del mondo globalizzato, che in molti casi sono individui indigeni con pochissime risorse economiche; Tra 500 e 1.000 euro pro capite rispetto agli oltre 40.000 euro della Spagna o ai 65.000 euro dell'Austria. Nonostante questa apparente povertà, il livello di soddisfazione segnalato tra i Mapuche di Lonquimay, una regione montuosa nel sud del Cile, è di 8,1 su 10. Nella regione di Imambay, in Paraguay, il Guarani è 8,2, e il Cola negli altopiani settentrionali. dell'Argentina. a 8, i tibetani a Shangri-La a 7,9, e Ripirinhos nell'Amazzonia brasiliana a 8,4. Sulla stessa scala, Unione Europea Nel 2021 la media è stata di 7,2 e l’Austria, il paese più felice, ha segnato 8.

READ  PYC Therapeutics collabora con Google per sviluppare la medicina di precisione assistita dall'intelligenza artificiale

Eric Galbraith, professore all'Università Autonoma di Barcellona e primo autore dello studio, ritiene che i risultati positivi per molte di queste comunità potrebbero avere qualcosa a che fare con il confronto. “Le persone si confrontano continuamente con gli altri, e coloro che vivono in società monetarie considerano il denaro come un modo ovvio per confrontarsi con le altre persone, e possiamo sentirci bene se abbiamo tanto o più denaro delle persone con cui ti paragoni .” “,” indica. Questo fattore di confronto è stato visto in Altre analisi, che mostra come i vantaggi di guadagnare molto denaro e i problemi di averne troppo poco siano più estremi nelle società più diseguali. Ciò significa che quando l’equità è inferiore, la relazione tra reddito e felicità è più forte.

Galbraith, che ha condotto il suo studio nell’ambito di un’analisi dell’impatto del cambiamento climatico su queste società ai margini del mondo industrializzato, ritiene che il lavoro futuro, che cerca ciò che può generare felicità senza la necessità di una crescita economica esacerbata, può raggiungere felicità. Aiutaci a capire come migliorare il benessere dell’umanità senza esaurire le risorse naturali. In alcune delle comunità che ottengono i migliori punteggi nella percezione della felicità, c’è un forte senso di comunità, uno stretto legame con la natura e una profonda spiritualità che può spiegare parte del loro benessere al di là del denaro. “Forse, attraverso uno sforzo sociale diretto nell'arco di due decenni, possiamo imparare come ripristinare questi aspetti nelle nostre comunità e saremo in grado di aumentare il benessere soggettivo oltre ciò che la crescita economica ci consente di fare. Questa è la mia speranza.” Il riassunto di Galbraith…

READ  Innpulsate 4: "Innoviamo azioni per promuovere uno spirito imprenditoriale di innovazione"

Marino Perez, dell'Accademia Spagnola di Psicologia, mette in dubbio l'utilità di misurare la felicità per orientare le politiche pubbliche e raggiungere cittadini più soddisfatti della propria vita. Dice: “La felicità non significa nulla. Dipende da ogni persona, da ogni momento e dalla società a cui appartiene”. “La felicità riguarda una vita virtuosa, attenta al bene comune, e non quel sentimento individuale e soggettivo, che è caratteristico dei paesi sviluppati, soprattutto di quelli anglosassoni, dove ci si chiede continuamente se si è felici confrontandosi con altri altri, ad altri. Secondo lui, il benessere è Le società tradizionali nello studio di Galbraith potrebbero essere perché “queste persone non si preoccupano della felicità, ma sono occupate con i compiti della vita”.

– osservò Easterlin. Sebbene la felicità individuale sia costantemente legata all’aumento del reddito, quando si analizza il livello di felicità in un paese, questo non cresce con l’economia. Alcuni dati possono supportare questo paradosso: nonostante la crescita economica degli ultimi decenni, la salute mentale delle popolazioni più giovani, che era cresciuta nei periodi buoni, è peggiorata sempre più. Perez sottolinea, da un lato, che “il capitalismo consumistico si basa sull’insoddisfazione degli individui per ciò che hanno e sul loro desiderio di ottenere cose che non hanno”, una follia che “possiamo estendere alle società tradizionali”. In secondo luogo, ritiene che “la preoccupazione per la felicità sia una delle cause del problema della salute mentale nelle società occidentali e nelle nuove generazioni”. “La ricerca della felicità è un compito malato. La felicità è qualcosa di più vicino al passato che al futuro”, aggiunge. In questo senso, non è poi così male ricordare e sentire che eravamo felici anche se non lo sapevamo. .

Puoi seguire El Pais Salute e Benessere In Facebook, S E Instagram.