Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I manifestanti anti-turismo hanno sparato ai turisti che stavano pranzando con acqua

Con lo slogan “Mettiamo limiti al turismo”, migliaia di manifestanti si sono riuniti nelle più importanti attrazioni turistiche della città spagnola di Barcellona, ​​per esprimere la loro insoddisfazione per le politiche attuate dal governo della città, che riceve milioni di dollari ogni anno per i visitatori. Le proteste – che si sono ripetute in diverse città del Paese – avevano lo scopo di rivendicare”Cambiare il modello economico che riduce il flusso di turisti“E le conseguenze che provoca.

In mezzo alla folla alcuni gruppi di manifestanti hanno compiuto la loro azione Attacchi contro i turisti che si trovavano in luoghi famosi della cittàCome il parco La Rambla o il quartiere della Barceloneta. I video in questo momento mostrano come i visitatori mangiavano ai tavoli sul marciapiede Hanno dovuto ritirarsi all’interno dei ristoranti perché i manifestanti hanno sparato contro di loro con le pistole ad acqua..

I manifestanti hanno innalzato striscioni con la scritta: “Il turismo ora è in declino!”. I manifestanti hanno scandito slogan come “Il turismo ora è in declino”.Far uscire i turisti dai nostri quartieriSi fermarono davanti ad alcuni alberghi e ad altri luoghi importanti. “Non ho nulla contro il turismo, ma con l’overtourism di cui soffriamo a Barcellona, ​​​​sì, perché rende la città invivibile”, ha detto Jordi Goyo, sociologo di 70 anni, all’inizio della marcia. A Agenzia di stampa francese.

Aumentano i prezzi delle case –i cui affitti sono aumentati del 68% negli ultimi dieci anni a BarcellonaSecondo il consiglio comunale, questo è uno degli impatti che preoccupano maggiormente questi gruppi, oltre all’impatto del turismo sul tessuto commerciale locale, sull’ambiente o sulle condizioni di lavoro dei suoi 1,6 milioni di residenti.

READ  Il regime di Nicolás Maduro ha rilasciato il giornalista Roland Carreño e altri quattro prigionieri politici

«Le imprese storiche sono prossime a cedere il passo a un modello di business che non è quello di cui il quartiere ha bisogno. La gente non può pagare l’affitto“Devono andarsene”, ha spiegato Issa Miralles, che vive nel quartiere della Barceloneta.

https://www.youtube.com/watch?v=Sp-YGNXEnY

Secondo l’Istituto Nazionale di Statistica (INE), La Spagna è la seconda destinazione turistica più visitata al mondo dopo la Francia, poiché ha ricevuto 85 milioni di visitatori stranieri nel 2023.Un incremento del 18,7% rispetto all’anno precedente. Inoltre, la regione più visitata è stata la Catalogna – di cui Barcellona è la capitale – con 18 milioni di visitatori, seguita dalle Isole Baleari con 14,4 milioni e dalle Isole Canarie con 13,9 milioni.

Per combattere «gli effetti negativi del sovraffollamento turistico», il consiglio comunale – presieduto da Jaume Colboni – ha annunciato pochi giorni fa l’intenzione di sbarazzarsi degli oltre 10.000 appartamenti turistici di proprietà della città entro la fine del 2028 fino al loro ritorno. Al mercato e aumentare l’offerta.

Questa misura ha già attirato critiche da parte di alcuni settori, come l’Associazione degli appartamenti turistici, poiché ritiene che causerà un aumento del mercato illegale.

Questa misura si aggiunge ad altre misure attuate dal governo per cercare di fermare il turismo eccessivo. Lo hanno annunciato di recente La tassa turistica imposta ai visitatori stranieri quasi raddoppierà. Anche se qualche mese fa il prezzo era passato da 2,75 a 3,25 euro, da ottobre salirà a 4 euro a notte.

Chi vuole visitare la leggendaria città europea deve pagare due tipi di tasse. Innanzitutto c’è Tassa regionale di soggiorno, addebitata per notte in base alla tipologia di alloggio utilizzato. Cioè, se si alloggia in un hotel di lusso, verranno addebitati 3,50 euro in più a notte, mentre Airbnb – che non sarà disponibile nel 2028 – richiede una spesa di circa 2,25 euro a notte. In aggiunta a ciò Tassa di soggiorno – che aumenterà nell’autunno settentrionale – che viene addebitato per notte fino a un soggiorno di sette notti. A partire da ottobre di quest’anno, se un turista decide di soggiornare in una struttura a cinque stelle per sette notti, dovrà pagare complessivamente 52,50 euro escluso il prezzo dell’hotel.

READ  A Tel Aviv, gli argentini si congelano mentre gli israeliani svolgono la loro routine

La misura è stata approvata dopo una votazione nel consiglio comunale locale, dove i funzionari hanno sottolineato che l’obiettivo è quello di aumentare le tasse per “aumentare la qualità del turismo” oltre il numero di turisti che ricevono ogni anno.

Nazione

Scopri di più sul Progetto Trust