Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I leader dell’UE tengono un vertice dominato dalla situazione in Ucraina

I leader dell’UE tengono un vertice dominato dalla situazione in Ucraina

Primo emendamento:

Versailles (Francia) (AFP) – I leader dell’Unione europea si incontrano giovedì e venerdì a Versailles, in Francia, per discutere dell’impatto dell’invasione russa dell’Ucraina, in particolare rafforzando la difesa del blocco e riducendo la sua dipendenza dagli idrocarburi russi. .

Questo incontro informale si è tenuto originariamente per discutere un nuovo modello di crescita economica e di investimento, ma l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina ha cambiato completamente le priorità.

Secondo una bozza di dichiarazione finale del vertice, ottenuta dall’AFP, i leader dell’UE osservano che l’aggressione della Russia contro l’Ucraina costituisce un “cambiamento fondamentale nella storia dell’Europa”.

La bozza rileva che i leader europei devono ora determinare come “l’Unione europea si assumerà le proprie responsabilità di fronte a questa nuova realtà, proteggendo i suoi cittadini, i suoi valori, le sue democrazie e il nostro modello europeo”.

Per questo motivo, i leader europei dedicheranno la sessione di giovedì solo alla discussione delle sfide poste da questo conflitto, nonché della richiesta di quel Paese di entrare immediatamente nel blocco, saltando un periodo che normalmente richiede diversi anni.

Oltre all’Ucraina, anche la Georgia e la Moldova hanno presentato domanda di adesione.

Secondo un alto funzionario della presidenza francese, l’adesione immediata dell’Ucraina non è riuscita a raccogliere consensi unanimi, ma i leader intendevano preservare l’unità e inviare un “segnale politico” alle autorità ucraine sulla loro appartenenza alla “famiglia europea”.

Nel frattempo, un funzionario del Consiglio europeo ha confermato che i paesi del blocco hanno risposto “rapidamente” chiedendo alla Commissione europea di decidere sulla possibilità di concedere a questi tre paesi lo status di “candidati” all’adesione.

Tuttavia, i leader avranno altre due discussioni difficili, direttamente legate alla situazione in Ucraina, durante il loro incontro presso la magnifica Reggia di Versailles vicino a Parigi.

READ  Becas para posgrados en Colfuturo e Maestrías gratis in Italia: como aplicar

Dipendenza dall’energia

D’altra parte, i leader dei paesi europei devono tracciare un percorso per rafforzare strategicamente la loro difesa e progettare alternative per cercare di rompere la dipendenza del blocco dagli idrocarburi russi.

La bozza negoziata dai delegati europei prevede un accordo per “eliminare gradualmente la nostra dipendenza da gas, petrolio e carbone dalla Russia” attraverso un insieme ambizioso di misure.

Si stima che il 40% del gas naturale che l’UE attualmente importa provenga dalla Russia, così come quasi un quarto del petrolio (circa il 23%) e importanti economie del blocco come Germania e Italia siano fortemente dipendenti.

Questo scenario spiega la cautela europea nell’accompagnare il gesto di Stati Uniti e Regno Unito di fermare le importazioni di petrolio dalla Russia.

Nonostante la gravità della situazione in Ucraina, una fonte della Commissione europea ha detto ai giornalisti che “l’energia è probabilmente il problema principale nella mente dei leader in questo momento”.

Sulla sicurezza, una bozza di dichiarazione negoziata dai leader europei rileva la necessità di “investire meglio in capacità difensive e tecnologie innovative” e suggerisce di farlo in modo “cooperativo” tra i paesi dell’UE.

E la bozza di dichiarazione affermata in altri paragrafi dell'”Unione Europea più forte e più capace in termini di sicurezza e difesa di contribuire positivamente alla sicurezza globale e transatlantica, e di essere complementare alla NATO”.

Venerdì, i presidenti si concentreranno su quello che chiamano il “nuovo modello di crescita e investimento”.

L’economia del blocco ha finalmente raggiunto i livelli pre-coronavirus, ma quella ripresa è ora minacciata da uno scenario di guerra.