Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I binari sono in pessime condizioni e ci impediscono di esercitare i nostri diritti

I binari sono in pessime condizioni e ci impediscono di esercitare i nostri diritti

Lo spazio pubblico più frequentato della città di Cordoba è senza dubbio il marciapiede. Qualsiasi marciapiede, in un quartiere o in una strada del centro. Il risultato più probabile è che il suo deterioramento sarà evidente ad occhio nudo. Ma il comune non si è accorto di questi fronti da molto tempo e non se ne assume la responsabilità.

La questione assume una gravità straordinaria se si pensa alle specifiche persone che sono impossibilitate a spostarsi perché incontrano scarpate danneggiate, tegole rotte, detriti, tubazioni esposte e sporgenti, dislivelli dovuti alle radici degli alberi, o opere di vario genere pubbliche o private. Quelli che riducono al minimo la larghezza dei marciapiedi.

Il buon senso direbbe che di fronte a questi ostacoli l’unica alternativa è evitarli, saltarli e scendere un attimo in strada. Ma non tutti possiamo farlo. Il passeggino può essere portato in strada? Sedia a rotelle? Qualcuno che usa le stampelle, un bastone o un deambulatore può farlo? Cosa fa un cieco in queste circostanze? Sono molti i casi in cui la minima mancanza di pavimentazione diventa insormontabile per innumerevoli cittadini.

Fatta l'affermazione generale, concentriamoci sulla situazione specifica delle persone con disabilità motorie. Uno dei giornalisti di questo giornale ha visitato il quartiere di Nueva Córdoba, accompagnato da Gianna Mastrolinardo, membro dell'organizzazione Orgulo Desca e del Gruppo d'Azione sulla Disabilità e sui Diritti Umani. Gianna ha parlato della sua esperienza dicendo: “Le persone con disabilità devono abituarsi all’esercizio di un eccessivo adattamento, che implica presumere che ci siano cose che non saremo in grado di prevedere”, il che significa essere in balia dell’imprevedibile .

READ  L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha aperto il primo centro di medicina tradizionale in India | L'organizzazione ha sottolineato di voler sfruttare il potere della scienza per rafforzare le basi sperimentali della medicina tradizionale
Eduardo Rodríguez Cirillo, ministro dell'Energia nel governo di Javier Miley.
opinione

Quelli di noi senza questa disabilità accetterebbero di dover affrontare l'imprevedibile ogni volta che ci muovevamo a piedi per la città? L’incapacità di superare un ostacolo che appare inaspettato significa frustrazione, perché impone un nuovo limite: qualcosa che dovrebbe essere del tutto possibile diventa impossibile. Oppure, nel migliore dei casi, può significare che bisogna annullare quanto realizzato e intraprendere un nuovo percorso, più lungo, per raggiungere la destinazione.

La legge n. 24314 stabilisce le condizioni per l'accesso ai luoghi pubblici per le persone con mobilità ridotta. Si specifica, ad esempio, l’impegno a rimuovere “le barriere fisiche nelle aree architettoniche urbane e nei trasporti”. Per questo motivo precisa che le rampe devono essere costruite con materiali antiscivolo “senza sporgenze o aperture che consentano l’inciampo a persone che utilizzano bastoni o sedie a rotelle” e con una pendenza che “permetta il passaggio, la fruizione e la sicurezza delle persone”. con disabilità.” “.” Mobilità ridotta”.

Una donna è morta in un incidente stradale sull'autostrada Cordoba-Rosario.

Cordoba ha aderito a questa legge. Ma le piste non sono dietro ogni angolo; Dove si trovano, è normale che siano mal costruiti, che parte della loro superficie sia in cattive condizioni o che presentino irregolarità che li rendono pericolosi.

Per ogni legge che non viene rispettata, ci sono persone che non possono godere dei propri diritti. Il comune deve assumersi la propria responsabilità e attuare la legge.