Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I 48 punti di Boganovic portano Utah Jazz alla vittoria sui Denver Nuggets di Facundo Campazzo | NBA.com Argentina

Boyan Bogdanovich Ha vissuto un sogno notturno Denver Nuggets Ha sofferto tutte le qualità di un grande arciere croato: Utah Jazz L’ho vinto 127-120 Con l’arguta prestazione dell’europeo, che ha messo in ombra Nikola Gokic, Michael Porter Jr., Facundo Campazzo e qualunque cosa Denver potesse opporsi.

L’evento di Bogdanovich proveniva da un altro pianeta (8-8 nei tiri liberi, 8-12 nei doppi e 8-11 nei tripli) in una partita da record dell’Utah: il suo 48 punti Non sono solo il suo miglior giocatore personale nella NBA, è il nuovo record per un giocatore croato nel miglior campionato del mondo, lasciandosi alle spalle 44 gol segnati a marzo 2016 e 44 gol per la leggenda. Drazen Petrovich Gennaio 1993.

Altro | Joel Embiid ha portato i Philadelphia 76ers alla vittoria sui New Orleans Pelicans senza Zion Williamson

Utah, la squadra che ha sempre una grande mano all’esterno, ha lanciato Totale 21-46 dall’oceano Ed esso era Jordan Clarkson ha 21 punti e 8 assist E 14 punti e 9 rimbalzi di Rudi Joubert per ottenere una vittoria che ha cucinato nel quarto quarto dopo essere rimasto in svantaggio per la maggior parte della partita. Con Record 49-18 Continuano a guidare la Western Conference e con il miglior record della NBA.

Anche Denver, però, ha tirato tanto da fuori (17-38) Si è preso cura della palla un po ‘meno (17 sconfitte) E aveva Michael Porter Jr. Good (31 punti, 6 rimbalzi) ma è finito lontano da quello che ha fatto Bogdanovich, qualcuno contro cui Denver aveva inviato un aggiustamento difensivo.

Nikola Gokic è stato solo un rimbalzo dalla tripletta della Tripla A Con 24 punti, 13 assist e 9 rimbalzi, Paul Millsap e Austin Rivers hanno dato un buon contributo, rispettivamente con 19 e 18 punti. In argentino Facundo Campazzo Gli mancava ulteriore produzione di punteggio, poiché stava tirando 1-7 con una tripletta e 2-10 fuori dal campo. Era un ex Real Madrid 9 assist e 8 rimbalzi Oltre a una rapina nei suoi 33 minuti in tribunale. Con Record 44-23Denver è il quarto nella Western Conference.

Ecco i commenti dalla partita in diretta:

Primo quarto:

Tra due squadre che si sono distinte in difesa di recente e senza Murray o Mitchell presenti, non ci aspettavamo di vedere un primo quarto 41-40. Questo è stato il punteggio di Denver nel primo quarto grazie a uno stupido fallo di Joe Inglis su Chuck Harrison 0,3 secondi prima della partita, risultando in due tiri liberi realizzati dall’uomo dei Nuggets.

Michael Porter Jr. ha ottenuto il posto palla seppellendo la palla in faccia a Rudi Joubert: l’attaccante è stato il capocannoniere di Denver con nove punti. Paul Millsap ha aggiunto ancora una volta sette gol e Nikola Djokic ha 6 punti e 6 assist per la squadra che dovrebbe essere più interessata al pallone: ​​ha già subito cinque sconfitte. Avrai anche bisogno di più dalla tua seconda unità che non è andata bene.

Lo Utah è ugualmente come se prendesse il succo per i suoi sostituti: Jordan Clarkson ha segnato 9 punti e anche Ersan Ilyasova (5 punti) e Trent Forest (4 punti) hanno aggiunto i loro punti. Il capocannoniere al momento è Bojan Bogdanovic, con 12 punti per Yota che ha già realizzato 5 triplette, la stessa cifra di Denver.

La seconda camera da letto:

Nessuna delle due squadre alza il piede dal gas o espelle i suoi cecchini. I Nuggets vincono ora 73-69 in una partita in cui le due squadre hanno già segnato ben 10 triplette (10-20 per Denver, 11-23 per Yota).

Le difese al momento non riescono a contenere i marcatori: Bogdanovi ha già 25 punti ed è vicino ai suoi migliori punteggi della stagione, mentre Porter Jr. ha circa 21 punti ed è un problema per la difesa dello Utah che gli ha permesso di sfondare più volte nel telaio. JaMychal Green ha aggiunto 3-3 dalla panchina e Jokic (11 punti, 7 assist e 4 rimbalzi) e Campazzo (5 punti, 6 assist e 4 rimbalzi) hanno fatto il loro lavoro. Joe Engels, con 7 punti e 7 assist, è colui che esegue l’attacco jazz, che perde la lotta a rimbalzo e resta indietro sul tabellone per quasi tutto il secondo quarto.

Terzo trimestre:

Denver e Utah non stanno ancora guadagnando grossi vantaggi: i Nuggets hanno chiuso 99-98 nel terzo quarto perché hanno nuovamente realizzato due tiri liberi nell’ultimo secondo, questa volta di Nikola Jokic che aveva già una doppia doppietta di 20 punti e 10 assist.

La direzione del gioco continua: Bogdanovi accende un anello (37 punti, 5-6 di 3 lanci) e Porter Jr. l’altro (26 punti con 3-5 dal perimetro). Austin Rivers era con 3 secondi consecutivi di Factors X nella rimonta di Denver quando Utah ha preso il comando (solo 88-87). L’ex Knicks doveva ancora criticare la serie di tre punti: 4-4 per lui in una partita che Denver tira 14-27, e Campazzo (1-6) è stato l’unico giocatore a fare male in questo senso.

L’ultima stanza:

Lo Utah ha iniziato meglio l’ultimo periodo: 5-0 di almeno 4 punti di vantaggio per la prima volta nella partita (103-99). Questo è stato esteso con i primi 3 indicatori di Bogdanovi أول nel quarto trimestre, a 106-101 dopo un mancato contropiede di Campazzo, che poi ha prodotto almeno di nuovo con il furto della prima partita. Ovviamente Bogdanovi risponde dall’esterno sul 109-103 e riporta in campo Jukic: la seconda unità con MPJ e l’argentino non avevano finito il lavoro.

Un’altra tripletta di Bogdanovic sembrava dare a Denver un colpo fortissimo, lasciando i padroni di casa a otto punti di vantaggio senza che Coach Malone trovasse un rimedio che rallentasse il croato: raddoppiando su di lui c’è spazio per gli altri uomini dello Utah da utilizzare.

Porter Jr. poi è apparso bene, con una tripletta da un lato e una difesa che ha spinto Bogdanovi in ​​palla aerea dall’altro. Il punto è che Utah ha risposto a Block Joubert di Jukic e alla tripletta di Clarkson per 117-111 con 3:12 da giocare. Millsap e Jokic hanno continuato la lotta perdendo pesantemente e Bogdanovi in ​​un tiro libero Rivers ha portato Denver di nuovo più vicino al possesso di un minuto prima della partita. Poi l’ultimo chiodo nella vittoria interna è stato Clarkson, con la tripla numero 21 e 124-118 dello Utah che hanno reso il gioco davvero specifico.

Le opinioni qui espresse non riflettono necessariamente le opinioni della National Basketball Association o delle sue organizzazioni affiliate.

READ  L'ex bocca che potrebbe arrivare al Barcellona in cambio di Pjanic