Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

‘Ho avuto davvero paura’: parla il corridore keniano aggredito da un cane alla Maratona di Buenos Aires

‘Ho avuto davvero paura’: parla il corridore keniano aggredito da un cane alla Maratona di Buenos Aires

Il momento in cui un cane ha attaccato un atleta keniano (Foto | AFP)

Domenica scorsa a Buenos Aires si è svolto uno degli eventi più straordinari dell’anno per l’atletica leggera: Un cane ha aggredito un atleta keniano a pochi chilometri dal traguardo E privandolo della permanenza nella tradizionale maratona in terra argentina. Pochi giorni dopo l’evento, Robert Kimutai Ngeno ha rotto il silenzio e ha contribuito con il suo resoconto di quanto accaduto: “Ero davvero spaventato e penso che questo sia ciò che mi ha fatto perdere la concentrazione.”

Aggiunto più tardi nel mezzo sua madre: “Sapevo che avrei vinto la gara, ma gli altri atleti hanno colmato il divario al traguardo dei 38 km. Il mio obiettivo era registrare un tempo migliore e sapevo che l’avrei raggiunto in futuro, ma il cane lo ha interrotto. “Voglio dimenticarlo in fretta.” Posto Toko Ha rivelato che il keniano ha cercato di dissuadere il cane con alcune pietre, ma l’animale lo ha inseguito finché una donna non lo ha intercettato e lo ha portato via.

Keniano Robert Kimutai Ngeno È stato aggredito mentre correva tra i chilometri 25 e 38, nel tratto in cui era in testa alla gara. L’atleta 29enne che Ha concluso al terzo postoÈ stato minacciato da un cane randagio che ha attraversato la strada e ha iniziato a inseguirlo abbaiando forte, facendogli perdere la concentrazione e diverse posizioni in gara.

La verità è che attaccare i cani ha avuto un impatto non solo competitivo e statistico, ma anche economico: Se si fosse classificato primo, avrebbe ricevuto 1.100.000 scellini keniani (circa 7.425 dollari).. Anche se l’atleta professionista è salito sul podio, l’importo che ha portato a casa è stato molto inferiore.

Ngeno, a sinistra, è arrivato terzo nella maratona (Nikolas Stolberg)

Ngino È riuscito a proseguire con un buon ritmo fino a tagliare il traguardo in un tempo di due ore e 10 minuti, ma ha perso la competizione per il primo posto sul podio, rimasto nelle mani del connazionale. Cornelio Kiplagat. La frustrazione del medaglia di bronzo è stata così grande a causa della situazione ingiusta nella città di Buenos Aires che il senatore di Nandi ha presentato una denuncia sui social network contro le autorità sportive del Kenya.

READ  Austria: quando e dove vedremo la partita degli ottavi di finale di Euro oggi?

Il maratoneta Robert Kimutai Ngeno è stato attaccato da un cane in Argentina domenica scorsa durante una maratona, dove era arrivato terzo. Ma è un peccato che Ababu (Namwamba), incompetente e inattivo ministro dello Sport del Kenya, non abbia ritenuto saggio protestare e chiedere indagini alle autorità argentine. “L’atleta è stato privato della sua dignità e sottoposto a infinite ridicole.”Ha scritto sentendosi disgustato Sansone Shirarji nel tuo account Twitter Con l’immagine di un cane che insegue un maratoneta keniota.

“L’Argentina è un altro paese del terzo mondo dove i proprietari di cani non possono tenere al guinzaglio i propri animali lungo il percorso della maratona.”ha detto l’ex capo della Zona Turistica del Kenya, Mohammed Hirsi. Del tema hanno parlato i principali media del Paese africano, visto che in quelle regioni l’atletica è lo sport numero uno.

La 38a edizione della Maratona di Buenos Aires ha visto la partecipazione di 12.000 corridori, un numero record nella competizione di Buenos Aires che si tiene ogni anno. La corsa è iniziata Domenica mattina alle sette esatte Dalle vie Figueroa Alcorta e Dorrego, nel cuore del Parque 3 de Febrero. Tra i luoghi famosi della città attraversati dalla corsa ci sono lo Stadio Boca Juniors, l’Obelisco, Via Corrientes, Plaza de Mayo, Casa Rosada, la Cattedrale di Buenos Aires e il Cabildo.