Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hanno scoperto un calamaro fossile che è stato catturato da uno squalo 180 milioni di anni fa mentre mangiava gamberi

Pubblicato:

12 maggio 2021 00:21 GMT

I ricercatori ritengono che la scoperta aiuterà a una migliore comprensione della catena alimentare giurassica.

Più di 180 milioni di anni fa, all’inizio del Giurassico, un’antica creatura simile a un calamaro catturò deliziosi crostacei con le sue numerose zampe. Tuttavia, non gli è piaciuto: ha appena proceduto a mangiarlo quando è diventato preda di uno squalo preistorico, secondo i rapporti. Phys.org.

Lo squalo strappò un grosso pezzo di carne dal mollusco e continuò il suo percorso.

I resti di un antico calamaro e i crostacei nella sua bocca affondarono lentamente sul fondo dell’oceano e nel corso di milioni di anni si fossilizzarono.

I fossili di entrambi gli animali sono stati scoperti negli anni ’70 in una cava vicino a Stoccarda (Germania). È stato conservato in una collezione privata per diversi decenni e successivamente è stato acquisito dal locale Museo di Storia Naturale.

In un articolo pubblicato in Giornale svizzero di paleontologia, Un gruppo di ricercatori descrive la scoperta fossilizzata e dettaglia ciò che sono stati in grado di scoprire sulla relazione tra antichi cefalopodi e predatori di vertebrati.

“Pensiamo che siano i resti di cibo di un predatore vertebrato, forse uno squalo havianus, del primo periodo Giurassico. Questo è notevole, perché indica un comportamento predatorio di cefalopodi e vertebrati”, hanno concluso gli scienziati.

La ragione per presumere che si tratti di cibo avanzato da uno squalo è che il predatore non viene lasciato fino a quando non ha finito di mangiare, probabilmente perché i cefalopodi hanno teste forti, becchi duri e appuntiti e sono difficili da digerire.

Ciò significa che il cacciatore non deve essere un ittiosauro, sebbene questi rettili marini estinti fossero particolarmente abili nella caccia alle plemniti, un gruppo di molluschi cefalopodi preistorici e anche i calamari scomparsi. Tuttavia, il contenuto dello stomaco degli ittiosauri trovati mostrava solo tentacoli di pelimite, senza parti solide.

READ  Impatto con la prima foto di una Ford Mondeo trasformata in SUV

D’altra parte, gli stomaci fossili di coccodrilli marini e pesci predatori indicano che queste creature li hanno mangiati completamente.