Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hanno rilasciato il padre del calciatore colombiano Luis Diaz dopo averlo rapito per 13 giorni

Hanno rilasciato il padre del calciatore colombiano Luis Diaz dopo averlo rapito per 13 giorni

Padre del calciatore colombiano Luis Diaz È stato rilasciato giovedì dopo aver trascorso 13 giorni rapito dai ribelli dell’Esercito di Liberazione Nazionale (ELN). A dare la notizia è stato il presidente Gustavo Petro, che ha festeggiato sui suoi social: “Lunga vita alla libertà e alla pace”.

Luis Manuel Díaz Jiménez, padre del Liverpool FC e giocatore della nazionale colombiana, È stato ricevuto dalla missione delle Nazioni Unite e dalla Chiesa cattolica vicino a Serrania del PerejaSi tratta di un complesso montuoso difficile da raggiungere al confine con il Venezuela, dove ha ricevuto cure mediche di base.

Leggi anche: Il colombiano Luis Diaz segna un gol e chiede la liberazione del padre, rapito otto giorni fa

De la Serranía è stato trasportato in elicottero con numero di registrazione HK-4160 all’aeroporto di Valledupar, capoluogo del dipartimento di Cesar, a 90 chilometri da Barrancas, sua città natale, nel nord-est del paese, dove è stato rapito lo scorso ottobre. Il 28 con la moglie Selenis Marulanda in una stazione di servizio, da uomini armati in moto.

Marulanda è stata salvata poche ore dopo, dopo che le autorità avevano chiuso le strade che portavano alla zona, ma suo marito era rimasto sotto il comando dei suoi rapitori.

Il rapimento di Díaz Jiménez, molto popolare nella sua città perché dirige una scuola di calcio, ha creato tensione al tavolo di dialogo con l’ELN e ha indotto il governo a esigere “decisioni sostanziali” su questa pratica, che mantiene da decenni all’interno del quadro del conflitto armato.

Nel confermare la sua liberazione, la delegazione governativa per la pace ha sottolineato in un comunicato: “La nostra delegazione ritiene che il rapimento di Luis Manuel Díaz ha messo il nostro dialogo in una situazione critica, e quindi è giunto il momento di prendere decisioni che aboliscano il rapimento”.

READ  MacKenzie Scott ha donato miliardi di dollari e i truffatori ne hanno approfittato

Selenis Marulanda, circondata dalla madre del calciatore colombiano Luis Diaz, si unisce a una marcia per chiedere il rilascio di suo marito e padre dell’attaccante del Liverpool, a Barrancas, dipartimento di La Guajira, Colombia, martedì 31 ottobre 2023. (AP Foto) / Leo Carrillo)di: AP

Il rilascio di Diaz è avvenuto pochi giorni dopo il rilascio di suo figlio Avrà una maglietta con la scritta “Libertà per il padre”. Dopo aver segnato un gol per il Liverpool in una partita contro il Luton nella Premier League inglese.

Il rapimento dei suoi genitori ha suscitato solidarietà internazionale e anche nella sua città natale, Barrancas, una cittadina di circa 40.000 abitanti, dove decine di persone hanno chiesto la sua liberazione, brandendo striscioni e palloncini bianchi.

Le autorità hanno concentrato le ricerche nella Serranía del Pereja, una zona montuosa e inaccessibile dove sono spesso presenti l’ELN e altri gruppi criminali a causa della sua posizione strategica al confine con il Venezuela.

Ma, Lunedì le forze dell’ordine hanno cambiato posizione per allontanarsi e facilitare il rilascio del padre del giocatore. Successivamente i ribelli hanno giustificato il ritardo nel loro rilascio con operazioni militari nella regione, avvertendo che ciò avrebbe esposto Diaz a un pericolo.

Antonio Garcia, il comandante in capo dei ribelli, ha descritto il mantenimento dei combattenti come un “errore”. Il padre di Díaz, perché è un “simbolo della Colombia”, ha detto sabato in una conversazione alla quale ha partecipato la stampa.

Diaz è uno dei principali riferimenti della Nazionale. Il Liverpool lo ha ingaggiato all’inizio del 2022 dopo aver pagato 67 milioni di dollari al Porto.

READ  Avviso storico: La Comunità di Madrid avverte la popolazione del pericolo di DANA tramite telefoni cellulari