Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hanno dimostrato che i più grandi dinosauri carnivori vivevano nell’acqua

Ricreazione dell’ambiente acquatico abitato dagli spinosauri. Nell’illustrazione, un dinosauro cattura un pesce sega nell’attuale territorio marocchino, in Nord Africa (Davide Bonadonna)

Film di Jurassic Park Steve Spielberg Rilasciato nel 1993, i suoi sequel hanno reso il mondo più interessato ai dinosauri. C’è stato un maggiore interesse nello scoprire chi fossero i grandi animali che abitavano il pianeta più di 65 milioni di anni fa. Ha avuto un impatto su una generazione di bambini e adolescenti che, come l’italiano Matteo Fabri, ha deciso di diventare paleontologi e di svelare l’ignoto che ancora circondava i dinosauri: erano animali selvatici, ma si sono adattati ai movimenti nell’acqua?

Fabbri ora lavora a Museo del campo di Chicago, negli Stati Uniti. Insieme all’argentino Diego Bol, dal Museo Egidio Feroglio (MEF) di Trelew, nella contea di Chubut, William Navalon dell’Università Autonoma di Madrid in Spagna e dell’Università di Oxford nel Regno Unito e altri ricercatori provenienti da Italia, Stati Uniti e Marocco, Scopri le prove che un gruppo di dinosauri visse in ambienti acquatici 100 milioni di anni fa. Hanno pubblicato i risultati sulla rivista natura.

Sono gli spinosauri, che erano i più grandi dinosauri carnivori. Uno di loro è presente nel film Jurassic Park III, Quando l’animale divora uno specialista in armi, combatte una feroce battaglia e uccide a Tirannosauro Rex. I primi resti fossili di Spinosaurus sono stati trovati in Egitto nel primo decennio del secolo scorso. Avevano teschi lunghi e stretti come quelli dei coccodrilli di oggi e si distinguevano per le loro spine a forma di vela.

Gli spinosauri sono eroi in Jurassic Park III / File
Gli spinosauri sono eroi in Jurassic Park III / File

Nel campo dei dinosauri ci sono anche “crepe”. Negli ultimi dieci anni, alcuni ricercatori hanno sostenuto che gli spinosauri erano in grado di muoversi nell’acqua. Ma c’erano anche oppositori che rifiutavano queste ipotesi.

Nel 2020, ricercatori statunitensi hanno trovato un gran numero di denti di Spinosaurus isolati nei sedimenti dei fiumi nel deserto del Sahara in Africa. Quando sono stati trovati i resti, i ricercatori hanno affermato che era improbabile che molti denti di un animale terrestre si fossero accumulati nel fiume, dato che i denti dei coccodrilli e di altri rettili di solito cadono quando mangiano. È stato uno dei numerosi documenti di ricerca pubblicati negli ultimi anni che hanno acceso un grande dibattito sul fatto che gli spinosauri fossero acquatici”. Infobae Dott.. Diego Paul, ricercatore presso Conicet.

È stata trovata anche la coda di uno Spinosaurus sconosciuto che mostrava una forma simile a quella dei coccodrilli acquatici che usano per navigare nell’acqua. Per ognuno di questi lavori a favore dell’ipotesi, la risposta è arrivata da altri paleontologi che hanno respinto questa spiegazione per vari motivi. Sostenevano che l’accumulo dei denti potesse essere avvenuto per caso perché l’animale si stava nutrendo sulla riva del fiume, ma non nuotava. O che la coda non avrebbe la capacità idrodinamica di spingere un animale così grande. Pensiamo che stiamo parlando di un animale delle dimensioni dell’attuale elefante”, ha commentato Paul.

Lo scienziato argentino Diego Bol, di Conicet e MEF, ha partecipato alla ricerca di spinosauri (ESRF, European Synchrotron/Archivo)
Lo scienziato argentino Diego Bol, di Conicet e MEF, ha partecipato alla ricerca di spinosauri (ESRF, European Synchrotron/Archivo)

Il team di Fabry, Paul e altri ricercatori hanno deciso di trovare risposte. “L’indagine è iniziata alla fine del 2015”, ha detto in un’intervista il dottor Fabri dagli Stati Uniti. Infobae. “Era un periodo in cui il dibattito sull’ecologia degli spinosauri iniziava a infuriare: sebbene uno studio pubblicato in sapere Quello condotto da Nizar Ibrahim nel 2014 ha mostrato diverse trasformazioni nelle gambe e nella zona pelvica di questo animale che indicano un ambiente semi-acquatico, e altri studi hanno suggerito il comportamento di guado di questo animale. Ciò significa che la morfologia da sola non era sufficiente per comprendere l’ecologia di questo dinosauro e abbiamo deciso di esplorare altri indicatori, come la densità ossea, per dedurre la biologia di Spinosaurus”.

READ  Laerdal Medical AS, CAE, Sistemi 3D - Sportlepsia

Infatti, ha spiegato Fabry, “Abbiamo scoperto che anche gli anfibi, come i moderni ippopotami e tapiri, mostrano pochissimi cambiamenti nella loro struttura scheletrica, nonostante trascorrano gran parte del loro tempo in acqua. Quindi ci chiediamo: e se sottovalutassimo la varianza ecologica tra i dinosauri perché ci concentriamo così pesantemente sull’anatomia?

Questa preoccupazione li ha portati a svilupparsi Il più grande database di densità ossea mai creato. Ha 380 specie e 297 specie di mammiferi e rettili. “Nei vertebrati terrestri si sono verificati più di 30 eventi di evoluzione verso l’ambiente acquatico. Ciò significa che dagli antenati della Terra si è evoluto verso gli animali acquatici. Esempi famosi includono balene e delfini che si sono evoluti da forme di terra.

“Spesso è molto difficile dedurre queste abitudini di vita in specie scomparse milioni di anni fa che sono molto diverse da quelle attuali. C’era l’idea che le ossa degli animali che si muovono sott’acqua fossero molto più dense di quelle degli animali terrestri, ma questo non è stato sufficientemente studiato per farlo lavoro Abbiamo compilato un database di oltre 200 specie animali terrestri e acquatiche per sviluppare un metodo statistico per prevedere se un animale è acquatico o terrestre. Abbiamo scoperto che può essere previsto con una certezza superiore al 90%. In questo modo, possiamo analizzare con certezza le abitudini di vita di qualsiasi specie di vertebrato estinta che fino ad ora non esisteva”, ha sottolineato Paul.

Lo scienziato Matteo Fabri, dal Field Museum negli Stati Uniti (Diego Mattarelli)
Lo scienziato Matteo Fabri, dal Field Museum negli Stati Uniti (Diego Mattarelli)

In relazione ai grandi dinosauri, avevano una grande diversità di dimensioni e forme e oltre 150 milioni di anni di evoluzione. “Applicando il nuovo metodo statistico, abbiamo scoperto che l’unico gruppo di dinosauri che aveva una densità ossea simile a quella degli animali acquatici era lo Spinosaurus. Ciò significa che gli spinosauri saranno l’eccezione alla regola, poiché tutti gli altri dinosauri sono puramente terrestri”, ha commentato Paul.

READ  Eugenio Coronado riceve aiuti europei per lo sviluppo della nanotecnologia magnetica nucleare

Se si muovono in ambienti acquatici, Gli spinosauri erano nei fiumi o nei mari? Chiedi Infobae. “Gli antenati degli Spinosauri erano animali terrestri bipedi come tutti i dinosauri teropodi. Famosi carnivori come Allosaurus sarebbero simili nell’aspetto agli antenati degli Spinosauri”. Questa famiglia sta cominciando ad adattarsi agli habitat acquatici, ma per quanto ne sappiamo dagli ambienti di acqua dolce, non salata”, ha risposto Paul.

Finora i resti fossili di Spinosaurus sono stati trovati in Africa, ma questo non significa che non si trovino in altre regioni del mondo come il Sud America. “Non siamo ancora sicuri se gli spinosauri fossero in Argentina, ma ci sono resti della famiglia in Brasile. Pensiamo che siano andati in posti diversi in Sud America. Ma per ora i resti sono ancora incompleti e uno dei grandi obiettivi nei prossimi anni è riuscire a trovare resti migliori di questa misteriosa famiglia”, ha sottolineato Paul.

Gli scienziati hanno sviluppato il più grande database di densità ossea.  Conta 380 specie e 297 specie di mammiferi e rettili (Mathew Fabri)
Gli scienziati hanno sviluppato il più grande database di densità ossea. Conta 380 specie e 297 specie di mammiferi e rettili (Mathew Fabri)

consultato prima InfobaeRodolfo Correa, ricercatore sui dinosauri e del Museo Carmen Funes in Plaza Huencol, a Neuquén, ha commentato i risultati pubblicati su natura: Il lavoro è molto buono perché mira a spiegare il ruolo ecologico di un gruppo molto misterioso di dinosauri non aviari come gli spinosauri.. Le possibili abitudini acquatiche, o nel migliore dei casi anfibie, di questo gruppo sono state sospettate da molto tempo, praticamente dalla scoperta del primo Spinosaurus. Tuttavia, non è stata eseguita un’analisi così attenta della distribuzione di alcune caratteristiche, come lo spessore delle pareti ossee delle costole e del femore, tra diversi tipi di vertebrati e la loro possibile associazione con le abitudini acquatiche.

READ  Tre nuove specie di serpenti si nascondevano nei cimiteri e nelle chiese dell'Ecuador

Inoltre – rileva Correa, che non è stato coinvolto nello studio – “È interessante notare che gli autori suggeriscono una serie di cambiamenti scheletrici legati alle abitudini acquatiche. A quanto pare, in base all’ipotesi genetica proposta dagli autori, prima sarebbe cambiato il cranio e poi sarebbero seguite trasformazioni spinali. In sintesi, il lavoro pubblicato fornisce un supporto sperimentale per un sospetto di lunga data sull’ecologia dello Spinosaurus”.

Dopo la scoperta, ora ci sono ulteriori indagini. “La nuova domanda è: cosa è successo 100 milioni di anni fa perché questo gruppo di dinosauri invadesse l’ambiente acquatico mentre il resto delle famiglie di dinosauri rimase sulla terraferma per più di 150 milioni di anni?”

I ricercatori Simon Maganoko (al centro) e Fabry (a sinistra) organizzano i fossili.  Al centro, il vecchio artista David Bonadonna / Nani Fontana
I ricercatori Simon Maganoko (al centro) e Fabry (a sinistra) organizzano i fossili. Al centro, il vecchio artista David Bonadonna / Nani Fontana

Altre domande sorgono sulle specie semiacquatiche: fino a che punto possiamo prevedere le loro abitudini in questi modi? Vale anche la pena considerare se l’adattamento all’ambiente acquatico nei fiumi o nei laghi avviene in modo diverso dall’adattamento al mare. Ha aggiunto che sappiamo che molte cose nella fisiologia e nella regolazione del sale in un organismo devono cambiare, ma non sappiamo ancora esattamente quali diversi adattamenti si verificano nello scheletro se si tratta di un adattamento a un ambiente di acqua dolce o marino.

Fabry è stato felice della scoperta: “Ora sappiamo che un intero gruppo di dinosauri, lo Spinosaurus, era in grado di nuotare sott’acqua. Questo è un chiaro passo per una migliore comprensione di come i dinosauri si sono evoluti e si sono specializzati in diverse nicchie ecologiche”. Significa anche che potremmo sottovalutare la diversità degli ecosistemi che caratterizzano l’evoluzione dei dinosauri non aviari”.Come ha affermato. Il ricercatore è tornato al suo passato e ha realizzato: “Ho visto Jurassic Park e mi sono innamorato dei dinosauri. Faccio parte di un’intera generazione che si è ispirata a questo film e ha deciso di seguire un percorso in questa disciplina scientifica”.

Continuare a leggere:

Viaggio nella terra dei dinosauri: come essere il più grande parco fossile del Sud America
Passo dopo passo, come sono stati scoperti a San Juan i dinosauri erbivori “Ingentia prima” vissuti in Argentina 205 milioni di anni fa
Dinosauri della Patagonia: quali tre risultati hanno cambiato ciò che era noto oggi