Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ha pugnalato a morte la sua ragazza e le ha scritto “Sono stato io” sulla gamba con lo smalto rosso

Daniel Grant Smith, 41 anni, e la sua compagna Imogen Pohaczuk, 29 anni, avevano una relazione da diversi mesi segnata da alcolismo e violenza. Foto: gmp.police.uk

L’inglese Daniel Grant Smith, 41 anni, è stato condannato all’ergastolo martedì per il brutale omicidio della sua compagna, Imogen Pohaczuk, 29 anni, che L’ha picchiata e accoltellata, e dopo averla uccisa le ha scritto “Sono stato io” sulla gamba con lo smalto rosso della vittima.

L’assassino ha ricevuto una severa condanna dopo aver ammesso di aver agito come Un atto di crudeltà e brutalità di vittoriaSpenderai non meno di 17 anni 40 giorni, Quando il tribunale per la libertà vigilata esaminerà il tuo caso e valuterà se stai facendo domanda per il rilascio anticipato.

Secondo il tribunale che ha esaminato il caso, la coppia aveva una relazione da diversi mesi Era caratterizzato da abuso di alcol e violenza.

Nel febbraio di quest’anno, una lite scoppiata nell’appartamento della vittima a Oldham, nel Regno Unito, si è intensificata al punto che Smith ha attaccato la sua ragazza, colpendola ripetutamente e poi pugnalandola con un coltello da cucina. “Con una tale forza che ha raggiunto l’osso”Il giudice ha detto il caso.

Quindi portò il suo corpo in camera da letto, la adagiò sul letto e la mise accanto a una bambola morbida che stava trasportando per portare una bottiglia di profumo.

Poi cercò lo smalto rosso e scrisse sulla gamba della sua defunta fidanzata: “Ero io.”

Secondo le successive dichiarazioni dell’assassino alla polizia, lo ha fatto perché “pensava che andasse bene” e in riconoscimento del suo brutale omicidio.

READ  Cile: il governo di Gabriel Borek ordina la rimilitarizzazione dell'area contesa con i mapuche

“Se volessi mostrare alla polizia quello che hai fatto, potresti andare a dirglielo. Sembra un atto di crudeltà e crudeltà”Lo ha detto il giudice Patrick Field, che ha pronunciato la sentenza.

Dopo l’omicidio, Smith ha lasciato il corpo a casa Ha preso la carta di credito e il cellulare della sua vittima e ha proceduto a svuotare il suo conto di risparmio per acquistare grandi quantità di alcol.

Ci sono volute tre settimane prima che il corpo di Bohajczuk fosse trovato dal direttore della residenza il 3 marzo. Il cadavere aveva tracce di ferite da difesa.

Imogen Pohacchuk è stata brutalmente assassinata dal suo compagno, picchiata duramente e con diverse coltellate alle ossa.  Foto: Twitter.
Imogen Pohacchuk è stata brutalmente assassinata dal suo compagno, picchiata duramente e con diverse coltellate alle ossa. Foto: Twitter.

Daniel Smith è stato arrestato il 5 marzo e il 20 luglio ha confessato l’omicidio della sua ragazza.

Nel recitare la sentenza, il giudice ha messo in evidenza i problemi di violenza domestica e di violenza che l’imputato aveva subito in passato, nonché i suoi problemi psichici, pur ritenendo che non fossero un’attenuante per il suo terribile delitto.

Al contrario, ha rivelato diverse aggravanti per aggravare la punizione contro Smith, tra queste: l’uso del coltello e la forza dell’attacco; che la vittima era particolarmente vulnerabile e in una relazione abusiva con lui, un uomo con una storia consolidata di “violenti abusi su donne vulnerabili”; che la vittima è stata uccisa nella sua casa, un luogo dove aveva il diritto di sentirsi al sicuro; il suo tentativo di insabbiare l’accaduto, lasciando il corpo della vittima coperto sul letto e usando il telefono e la carta di credito di Bohajczuk, svuotando il suo conto e rubando soldi per comprare alcolici; E scrivere sulla gamba della vittima prima di lasciare il corpo.

READ  Jair Bolsonaro ha tagliato le distanze con Lula da Silva a soli 4 punti nella lotta per la presidenza del Brasile

Il giudice ha detto che la signora Bohajczuk ha incontrato la morte dopo un ‘Brutale attacco violento’

C’era crudeltà qui perché hai contaminato il corpo della donna che hai appena ucciso per annunciare ciò che hai appena fatto. Questo atto non corrisponde a nessun rimorso immediato da parte tua”., evidenziato togado.

Ha anche notato che la vittima era una giovane madre e che ucciderla ha condannato il suo giovane figlio a crescere senza le cure di una madre, così come l’incapacità dei parenti di Pohagchuk di godersela per i molti anni rimanenti della sua vita.

“Pertanto, la condanna per l’omicidio di Imogen Pohaczuk è l’ergastolo con una pena minima di 17,5 anni (meno i 143 giorni trascorsi in custodia cautelare), cioè 17 anni e 40 giorni”.Giudice compreso.

Continuare a leggere