Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Caccia alle streghe in Congo: otto donne bruciate vive il mese scorso

Tra luglio e settembre, 324 donne sono state accusate di stregoneria da “sciamani” e indovini che incitano i residenti a bruciarle vive per liberarsi dei loro incantesimi. (Immagine illustrativa)

La caccia alle streghe che tra il XV e il XVII secolo portò al rogo di migliaia di donne rimane un problema a metà del 2021 in Una regione della Repubblica Democratica del Congo chiamata South Kivu dove nient’altro A settembre, otto donne accusate di stregoneria sono state cremate vive.

Secondo Nelly Adega, rappresentante dell’Associazione delle donne nei media nel Sud Kivu, da giugno a settembre di quest’anno ci sono state 324 accuse di stregoneria contro donne congolesi, di cui solo 114 sono state denunciate a Kalehe, nel territorio di Kalehe. Provincia del Sud Kivu.

Tra questi casi, è stato riferito che cinque donne sono state pubblicamente insultate e bruciate vive e altre quattro donne sono state portate in destinazioni sconosciute da membri della cosiddetta milizia di autodifesa.

“Solo dall’inizio di settembre, le autorità locali hanno contato otto persone bruciate o giustiziate extragiudizialmente in tre distretti (Kalehe, Walungu e Fizi) da una giustizia popolare tanto spaventosa quanto frettolosa, spesso provocata dagli oscuri mandati di veggenti e altri. Predicatori nel male dei credenti”, afferma l’Associazione Adidja in una nota.

Secondo esperti del Paese, come il sociologo Bosco Mochokiwa, il fenomeno della caccia alle streghe sta riemergendo a causa dell’incapacità dello Stato di affermarsi nelle sue funzioni sovrane e delle inadempienze di polizia e magistratura nell’esercizio del loro lavoro .

Il problema, ha detto, è stato aggravato da “Bagakazi”, falsi chiaroveggenti e oratori presenti in quasi tutte le città. Ci sono anche alcuni uomini, ma la maggior parte sono donne. Questi affermano di avere la capacità di individuare streghe e streghe.

READ  Chi sono i membri e quanto è pericoloso il ramo afghano dello Stato Islamico

“Questo è sbagliato, non hanno potere, ma manipolano ingenuamente le persone che li manipolano, per avere più seguaci, per darsi un certo valore, più peso nelle persone”.Punti salienti di Muchukiwa.

La maggior parte delle vittime sono donne di età superiore ai 65 anni.  Fotografia: Olivia Ackland/Reuters
La maggior parte delle vittime sono donne di età superiore ai 65 anni. Fotografia: Olivia Ackland/Reuters

Questi personaggi, che sono un tipo di sciamano popolare, sembrano aver guadagnato popolarità negli ultimi anni, nonostante gli sforzi istituzionali per limitare la loro influenza tra la popolazione.

Nel 2014, ad esempio, i rappresentanti regionali del Sud Kivu hanno approvato una legge che vieta l’uso della giustizia popolare nella regione. Ma questa disposizione non si applica e la popolazione non l’ha assimilata per essere rispettata.

Quindi il problema persisteva anche se i numeri effettivi differivano da una fonte all’altra. Ad esempio, Tade Mederho, direttrice della provincia di Kabari, ha affermato che dall’inizio dell’anno ha registrato sei morti, “La maggior parte di loro sono donne di età superiore ai sessant’anni”, essendo streghe, sono classificate come tali da “Bajakazi”.

Due anni fa, sulla base di una denuncia indirizzata alla Procura di Kafumo (Nord Bukavu), 11 di queste sacerdotesse sono state arrestate e hanno trascorso sei mesi in carcere.

“Sono stati rilasciati dopo aver promesso di cambiare lavoro, ma alcuni di loro continuano le loro attività in segreto”.Miderho si lamenta.

Per quanto riguarda il perseguire gli abitanti del villaggio che uccidono presunte streghe, questo è un compito quasi impossibile, ha detto Miderho. “Nella questione della giustizia popolare, i capi villaggio dicono che l’autore sono i residenti e non fanno i nomi”.

Memoria “strega” carbonizzata

READ  Suggerimenti per evitare che ragni d'angolo raccapriccianti si impossessino della nostra casa o del nostro giardino

Chacha Rubinja rabbrividisce ancora ricordando i luoghi che ha visto il 16 agosto a Sifunzi, un villaggio di circa 2.000 persone alla periferia del Parco Nazionale di Kahuzi-Bija.

“Erano circa le cinque del mattino ed era un lunedì. I giovani stavano passeggiando per la città con una lista di 19 donne di età superiore ai 65 anni che Nabih ha descritto come streghe”.Il giovane insegnante e attivista per i diritti umani ha detto ad Africa News.

Stavano cercando queste donne. La maggior parte di loro, le cui case sono state distrutte, ha avuto il tempo di fuggire. Altri sono stati salvati da soldati che hanno sparato in aria per disperdere la folla.

“Ma ho visto questi ragazzi prendere il controllo di un vicino di nome Nyabadu”, Una vecchia con sette figli.

L’hanno abusata, le hanno versato addosso benzina e le hanno dato fuoco con lo zolfo. Shasha ha raccontato che questa donna è stata bruciata viva nel centro del villaggio.

“Mi fa male che anche i giovani sotto i dieci anni partecipino a queste scene orribili”Continuare. “Ho visto un bambino di cinque anni che trasportava un grosso bastone, capovolgendo il corpo in fiamme di Nyabado”..

Continuare a leggere