Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Guerra batteriologica”: l’allerta del Brasile per l’esplosione di Bolsonaro contro la Cina

Brasilia: fedele erede di Donald Trump, il presidente brasiliano Jair Bolsonaro è andato oltre nelle sue critiche alla Cina per il Coronavirus. Bolsonaro ha accennato mercoledì che i cinesi hanno scatenato una “guerra germinale”., Un focolaio che potrebbe costare caro al Paese quando ha un disperato bisogno di vaccini e altri rifornimenti legati al Covid-19, soprattutto ai cinesi.

È un nuovo virus, nessuno sa se è nato in laboratorio o è nato perché un essere umano ha ingoiato un animale improprio. Ma lei è lì “Lo ha detto il leader di estrema destra in una cerimonia ufficiale a Brasilia.

I militari la conoscono come guerra chimica, batteriologica e radiologica. Non stiamo affrontando una nuova guerra? Quale paese ha la più alta crescita del PIL? Ha aggiunto: “Non te lo dirò”.

Bolsonaro non ha menzionato esplicitamente la Cina, ma il Paese asiatico, dove l’epidemia è iniziata alla fine del 2019 e poi si è espansa fino a includere il mondo, è l’unico membro del G20 a registrare una crescita economica nel 2020 (+ 2,3%).

La dichiarazione del presidente è simile a quella che ha fatto pochi giorni fa, il ministro dell’Economia Paulo Guedes, quando ha indicato che la Cina è il Paese che ha “inventato” il Covid-19, dichiarazione che ha dovuto smentire ore dopo a causa della rabbia del Governo cinese.

Uno dei suoi figli, il membro del Congresso Eduardo Bolsonaro, ha accusato la Cina nel marzo dello scorso anno di “nascondere” informazioni sul virus. Il legislatore ha paragonato la posizione del governo cinese alla “dittatura sovietica” che ha cercato di nascondere le dimensioni dell’esplosione alla centrale nucleare di Chernobyl nel 1986.

Un operatore sanitario riceve un vaccino contro il Coronavirus prodotto dall’azienda cinese Sinovac Biotech presso l’ospedale Sao Lucas di Porto AlegreFrancia Agenzia di stampa

La Cina, il partner commerciale numero uno del Brasile e il principale investitore nel paese, si è affrettata a ripetere. “La parte cinese rifiuta fermamente la sua dichiarazione e chiede che la ritiri immediatamente e si scusi con il popolo cinese”, ha scritto su Twitter l’ambasciatore cinese a Brasilia, Yang Wanming.

READ  Hanno trovato impiccato un dissidente bielorusso scomparso in Ucraina

Il Brasile sta incontrando difficoltà nell’importare dosi di vaccino dalla Cina e gli input principali per produrli. Queste tensioni diplomatiche e i ritardi nell’ottenere le vaccinazioni sono all’ordine del giorno Una commissione parlamentare brasiliana sta cercando di indagare se il governo sia stato negligente nella gestione dell’epidemia.

I membri della commissione parlamentare hanno espresso la loro preoccupazione che i progressi contro la Cina danneggerebbero l’arrivo di nuovi vaccini cinesi nel paese.

I legislatori hanno lasciato intendere che le osservazioni di Bolsonaro potrebbero turbare il gigante asiatico e danneggiare l’importazione delle materie prime necessarie per produrre il vaccino sviluppato dal laboratorio cinese Sinovac, il più utilizzato finora nella campagna di vaccinazione brasiliana contro il Covid.

“Penso che la nostra dipendenza dall’input (cinese) peggiorerà con questa dichiarazione”, ha detto il presidente della commissione, il senatore Omar Aziz.

La chiama guerra chimica. Siamo nelle mani dei cinesi per importare il principio efficace del vaccino. Non produciamo questo ingrediente attivo nel paese e non lo produrremo così rapidamente. Dipendiamo dall’India per alcuni input e dalla Cina per altri. “Non è il momento di disturbare nessuno”, ha aggiunto.

Agenzie di Agence France-Presse e ANSA

Nazione

Konosah The Trust Project