Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Grazie ai progressi nelle terapie, il diabete di tipo 1 non è più un fattore di morte prematura

Grazie ai progressi nelle terapie, il diabete di tipo 1 non è più un fattore di morte prematura

I paesi con indicatori sociodemografici più elevati hanno visto una maggiore riduzione dei decessi dovuti al diabete di tipo 1

(Notizie sulla salute) – L Persone con diabete di tipo 1 Loro hanno La probabilità di morte prematura è oggi inferiore del 25% rispetto al 1990trova una nuova statistica globale, il numero di persone che hanno vissuto fino alla vecchiaia malattia autoimmune Continua ad aumentare.

I nuovi risultati lo indicano “Il diabete di tipo 1 non è più un fattore che contribuisce a ridurre l’aspettativa di vita grazie ai miglioramenti nell’assistenza medica Ha detto che la squadra guidata Yongzi Leeil seguace Il primo ospedale dell’Università medica cinesea Shenyang.

IL Diabete di tipo 1 Si verifica quando il sistema immunitario del corpo attacca e distrugge erroneamente le cellule beta che producono sangue. Insulina Dal pancreas. persone con Malattia di tipo 1Ben gestito Insulina Ogni giorno per rimanere in salute. Circa il 5% di tutti i casi Diabete di tipo 1.

Se non è ben controllatoLa malattia può influenzare la salute e, negli ultimi decenni, Le persone con diabete di tipo 1 tendono a vivere una vita più breveS. Il team cinese ha analizzato i dati dello studio Global Burden of Disease and Risk Factors del 2019 per vedere se le cose fossero migliorate per i pazienti.

Mantenere sotto controllo la glicemia è essenziale per ottenere risultati migliori nel diabete di tipo 1 (Illustrated Image Infobae)

Nel 1990, il numero di persone nel mondo che vivevano fino a 65 anni o più Diabete di tipo 1 Il loro numero era stimato in 1,3 milioni, ma nel 2019 è salito a oltre 3,7 milioni. Allo stesso tempo, i tassi di mortalità sono diminuiti del 25%, da 4,7 per 100.000 persone nel 1990 a 3,5 nel 2019.

READ  Netflix nasce per il lusso: tutte le discipline abbinate ad allenatori (finalmente) qualificati

Queste statistiche si sono verificate anche quando il diabete di tipo 1 è diventato più diffuso. Secondo lo studio, che appare nel numero del 12 giugno della rivista Rivista BMG.

“A livello globale, lo spread Diabete di tipo 1 In un comunicato stampa diffuso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità si legge: “Il tasso di mortalità è almeno triplicato in tutte le fasce d’età dai 65 ai 94 anni, soprattutto tra gli uomini, mentre il tasso di mortalità è diminuito in tutte le fasce d’età, soprattutto tra le donne e gli under 79”. .” “anni.” Rivista BMG. Ma progresso contro Diabete Non si vedono ovunque.

Il tasso di mortalità dovuto al diabete di tipo 1 è diminuito da 4,7 per 100.000 persone nel 1990 a 3,5 nel 2019 (illustrazione)

Ad esempio, lo studio ha rilevato che i tassi di mortalità “sono diminuiti 13 volte più velocemente nei paesi con un elevato indice socio-demografico”, rispetto ai paesi più poveri, dove le morti premature delle persone con disabilità erano inferiori. Diabete di tipo 1 È considerato molto più piccolo.

Mantenere Glicemia Sotto controllo è la chiave per migliorare i risultati. Ad esempio, qualcuno con alti livelli di… Glicemia Avevano un rischio maggiore di sintomi invalidanti.

Il team cinese ha detto che le notizie erano per lo più buone, ma… gli anziani con Diabete Forse hanno bisogno di cure migliori. “Il nostro studio richiede inoltre un’attenzione urgente alle strategie di adattamento per una popolazione che invecchia gli anziani con Diabete di tipo 1“:

“Allocazione razionale delle risorse sanitarie e fornitura di linee guida specifiche”, hanno affermato.

READ  Applicheranno dosi di richiamo agli operatori sanitari e alle persone di età superiore ai 70 anni in tutto il paese.

Ulteriori informazioni: Scopri di più sulla cura del diabete di tipo 1 presso la Mayo Clinic.

Fonte: British Medical Journal, 12 giugno 2024