Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati Uniti hanno condannato i “terribili attacchi” delle forze paramilitari in Sudan, che hanno causato la morte di 100 persone.

Gli Stati Uniti hanno condannato i “terribili attacchi” delle forze paramilitari in Sudan, che hanno causato la morte di 100 persone.

Matthew Miller, portavoce del Dipartimento di Stato americano

stato unito Ha condannato gli “orribili attacchi” compiuti Forze paramilitari di supporto rapido (RSF) La città sudanese di Ad Noura nel governatorato di Al-Jazira, a sud di Khartoum. Morirono cento persone.

“È imperativo che le Forze di supporto rapido agiscano immediatamente per fermare questi attacchi e dimostrare il loro coraggio Responsabilità rapida “I responsabili dell’uccisione di civili”, ha detto venerdì in una dichiarazione il portavoce del Dipartimento di Stato americano Matthew Miller.

In questo senso ha esortato le Forze di Supporto Rapido e l’esercito sudanese a farlo Garantire la protezione dei civili E ritenere chiunque nei loro ranghi responsabile dei crimini di guerra o delle violazioni previste dalla Dichiarazione di Jeddah.

Soldati del gruppo paramilitare sudanese Rapid Support Forces (AP, file)

“Gli attacchi contro i civili in tutto il Sudan devono cessare adesso”, ha aggiunto. “Non può esserci vittoria militare in una guerra il cui costo è misurato dalla tragica perdita di vite civili, dallo sfollamento di milioni di persone dalle loro case, dalla grave malnutrizione e dagli stupri. , tortura e pulizia etnica”.

Infine, l’amministrazione Biden ha invitato entrambe le parti a farlo Per tornare al tavolo delle trattative Porre fine all’ostruzione alla fornitura di aiuti umanitari alla popolazione e ritornare al governo civile.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha condannato l’evento e ha espresso il suo rammarico per “l’enorme sofferenza” dei civili in Sudan. Alle condanne si è unita anche la direttrice esecutiva del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF), Catherine Russell.

Soldati dell’esercito sudanese (EFE, file)

La guerra è scoppiata il 15 aprile 2023 a causa dei forti disaccordi sul processo di integrazione del gruppo paramilitare – ora dichiarato organizzazione terroristica – nelle forze armate, situazione che ha fatto deragliare il processo di transizione aperto nel 2019. Rovescio del regime di Bashir.

READ  Covid: l'OMS raccomanda l'isolamento di 14 giorni per ridurre la circolazione

In poco più di un anno, la guerra ha causato decine di migliaia di vittime e devastato il Sudan Una grave crisi umanitaria. Le FARC attaccano spesso i villaggi in tutto il paese, soprattutto nello stato di Gezira.

Venerdì, un gruppo di attivisti ha denunciato un nuovo massacro in un quartiere residenziale vicino a Khartoum, uccidendo almeno 40 persone e ferendone più di 50 giovedì sera, durante l’attacco delle Forze di supporto rapido alla capitale sudanese.

(Con informazioni da AFP e EP)