Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati hanno fissato una data esatta per la fine dell’universo

A rigor di termini, è possibile la fine dell’universo È un tema che preoccupa gli studiosi delle università più prestigiose, e interessa una larga fascia di popolazione.

Data questa preoccupazione, la novità è che la teoria classica ha un nuovo sviluppo che anticipa a Il risultato è più recente del previsto.

Dove 1929Grazie all’astronomo Edwin Hubblesappiamo che l’universo sta sviluppando un processo di espansione, con conseguente comparsa di La teoria del Big Bang.

Ma, da questo concetto, si osserva che dopo questa accelerazione, quello che segue è un periodo di contrazione, che è noto come The Great Crisis o The Great Crash Theory.

Quando sarà la fine?

Il nuovo studio di tre scienziati di università di Princeton È stato pubblicato sulla rivista Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze, suggerisce che questa espansione potrebbe terminare “bruscamente presto”. Anche se l’idea del tempo per gli scienziati, ovviamente, non è la stessa del resto dell’umanità, perché la vicinanza a cui si riferiscono è di 65 milioni di anni.

Secondo gli scienziati, è molto breve rispetto alla durata dell’universo. “Questo nuovo scenario è naturalmente coerente con le moderne teorie della cosmologia ciclica e con le congetture sulla gravità quantistica”, ha osservato. Paul Steinhardtcoautore di quella teoria e direttore di Il Center for Theoretical Sciences dell’Università di Princeton nel New Jersey.

energia oscura

In questa teoria entra in gioco un concetto misterioso che chiamavano “energia oscura”. Sarebbe un’entità invisibile che sembra lavorare contro la gravità, allontanando gli oggetti più massicci dell’universo piuttosto che restare uniti. Questo spiegherebbe il lavoro di contrazione dell’universo, non la sua espansione, e quindi porterebbe alla fine.

READ  Backup: quali sono gli errori più comuni durante l'esecuzione di backup e come evitarli

fisico o fisico Matt Kaplan subordinare Università dell’Illinois Ha affermato che questo arresto sarebbe avvenuto in un modo sorprendente, a causa di detriti stellari chiamati “nane nere”. Questa visione afferma che le stelle cesseranno di nascere, le galassie rimarranno oscure e persino i buchi neri evaporeranno, lasciandosi dietro solo energia e particelle subatomiche. Una scena che sembra oscura, fredda e cupa. In breve: la fine di tutto.