Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Giro d’Italia 2022: Scienza e Tattica della spedizione di Juanpi López nelle Dolomiti Lucane | Gli sport

Quinn Bowman celebra la sua vittoria mentre taglia il traguardo.Gian Mattia Di Alberto (AP)

Potenza è una città verticale sgangherata, grandi crepe dovute a antichi terremoti e smottamenti, e per unire i resti, alcune scale mobili lunghe più di un chilometro in più sezioni, le più lunghe d’Europa, che presumibilmente non funzionano.

L’interruzione permanente dei trasporti, sebbene migliori la circolazione venosa delle persone che devono camminare sulle sue piste, e la loro salute in generale, infastidisce i cittadini, ma non infastidisce il turista inesistente né i ciclisti, condannati a scegliere pedalare pareti impossibili, come Queen Bowman, Spider-Man, il biondino di Olft, l’Olanda, e culturalmente forse non potrebbe esserci nulla di lontano dal capoluogo delle cosiddette Dolomiti Lucane, che si arrampicano in cima alla collina e lasciano il suo connazionale Bock Mollema secco, che tanto voleva vincere. Questa è la seconda vittoria dopo una tappa al Dauphiné nel 2019, in sei anni di carriera di Bouwman, un uomo di squadra efficace su Jumbo, 29 anni, più regolare di ogni altra cosa e un lavoratore entusiasta.

Entrambi, un altro olandese, Tom Dumoulin, che si ritrova quando sta in disparte, si comporta così, e brilla come un generoso compagno di squadra di Bowman, che lo protegge e lo libera, e un italiano con molto stile, David Formolo, arriva prima il gruppo al termine della più dura delle sette tappe che ha il Giro, è ancora più dura della tappa dell’Etna in cui Juan Lopez, di Lebrija, ha raggiunto un giro roseo che mantiene ancora. Ci sono più di 5.000 m di altitudine a 200 km, urlanti, spaventati, occhi fuori dalle orbite, quelli che vedono pedalare attraverso le loro curve Strava. E giunsero alle nevi del monte Sereno.

READ  Note Joventut-Baskonia: Fontecchio è irriconoscibile

Bok Mollema, 35 anni, il più anziano dei ciclisti moderni, non è uno di quelli.

Come dice Alejandro Valverde, 42 anni, “più vecchio ma più adattato ai tempi, e con l’indicatore di forza sul manubrio, è più facile partire per azioni apparentemente folli, attacchi che sembrano senza speranza, tutto o niente, e quelle cose sono molto eccitante: chi lo fa, che sia Pogacar o Van der Poel o Evenepoel o Van Aert, o qualsiasi altro profeta della supermodernità, è paradossalmente il più aritmetico di tutti, perché sa quanti chilometri può sopportare così velocemente. Mollema è dolorante, ottuso, non ha il computer al volante e passa la giornata, come bambini in macchina, a colpire la sua fuga oi suoi compagni di plotone. C’è ancora molto? Quanto tempo resta? Non sai quante miglia hai raggiunto o quanti watt al minuto sono rimasti nel serbatoio. non conta. Scuote la gobba, apre le braccia e le orecchie e attacca istintivamente e perché lo adora e perché lo sa, e anche il suo manager, Adriano Pavey, sa che il suo coinvolgimento nell’hacking significa meno sudore per i suoi compagni membri di Trek al lavoro per difendere il maglia rosa di Juanpi in una giornata tosta come questa del trekking lungo le cime dell’Appennino situato Nell’estremo sud dello stivale, una nebbia cinematografica inizialmente spaventosa, attraverso Maratea, l’ingresso in Basilicata, terra del fare Basilio de Bisanzio basilica, della costa calabrese – paura di Sergio Samitier, Aragones Movistar, che cade su un dirupo e si rompe e si ritrae -, pigrizia sole e gambe bruciate A seguire, una primavera dura. E nel pacchetto, una lezione di tattica e di lavoro di squadra.

READ  Gli studenti di medicina conducono esami medici presso il centro di immunizzazione nell'ex Dinav

L’istinto e il pericolo di Mollema, quello a cui non possono essere concessi minuti, fa svegliare Richard Karapaz e scoprire la differenza tra lottare per la vittoria finale iniziando con strano E così si è messo la barba e ha schiacciato Roglic e Nibali nel 2019, e lo ha fatto come un favorito numero E alla testa di una squadra come Ineos, che deve rimboccarsi le maniche agli ordini di Castroviejo e lavorare, nel profondo di sé, affinché il nemico non perda il comando, Juanpi López, un felice Lebrijano, più di questo, estatico, che parla italiano per i gomiti, perde le tracce della realtà: “Il modo in cui mi godo due o tre giorni, qualunque esso sia, è vestirmi di rosa, perché vivo in una nuvola e mi perdo”, dice. “Il caldo? Non è caldo rispetto ai 40 gradi sotto Lebrija… “- e non vuoi pensare di smettere di indossare il rosa. ‘Giornata del Blockhaus [el domingo]”Il giorno in cui quelli che vincono il Giro si toglieranno la maschera, correrò in rosa per il mio capitano, ovviamente”, dice. “Se è quello che mi chiedono, ovviamente”.

Puoi seguire EL PAÍS Sports su Facebook S Twitteroppure registrati qui per ricevere La nostra newsletter settimanale.