Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Georgia Meloni: “Serve più Europa al Sud” | Il primo ministro italiano di estrema destra sta facendo dell’immigrazione una questione centrale del suo governo

Il Primo ministro italiano, Georgia Meloney di estrema destra, Ha promesso che l’Europa deve essere maggiormente coinvolta al confine meridionale e che è urgente creare un quadro di cooperazione per affrontarlo. Flussi migratori In modo molto deciso.

“Serve più Europa al Sud, non possiamo gestire un flusso di dimensioni già incomprensibili”, ha detto al termine dell’VIII conferenza Dialogos Med, che da giovedì ha riunito capi di Stato e rappresentanti di oltre 50 Paesi. Roma per discutere delle sfide affrontate Il Mar Mediterraneo.

La Meloni, che ha affermato che l’Italia è promotrice del piano per l’Africa, ha ritenuto che “l’Europa abbia urgente bisogno di creare una struttura di cooperazione multilaterale, con un serio contrasto ai flussi illegali” e “un elemento essenziale”. L’europeizzazione dell’amministrazione dei rimpatri”.

“Chiediamo all’Unione europea di riprendere l’uso effettivo degli impegni assunti, attraverso la cooperazione in materia di migrazione con i partner africani e mediterranei, per essere maggiormente coinvolta nella lotta alla tratta di esseri umani”, ha aggiunto.

Secondo lui, “dalla consapevolezza delle nostre identità e dei nostri valori culturali, rendendoci conto che la nostra prosperità non è possibile senza i nostri vicini, solo una solida geopolitica del dialogo può essere costruita e consolidata nella regione”.

In questo contesto, ha spiegato, “l’Italia sta promuovendo il programma Matteo per l’Africa, un approccio senza atteggiamenti predatori, ma basato sulla cooperazione, sul rispetto degli interessi reciproci e su uno sviluppo che sappia valorizzare le identità di ciascuno”. . “Solo creando uno spazio di stabilità e prosperità condivisa possiamo affrontare le sfide del nostro tempo”, ha aggiunto Meloni, aggiungendo che per lui “la completa e duratura stabilizzazione della Libia è una priorità di sicurezza nazionale”.

READ  La storia sostiene l'Italia più dell'Inghilterra