Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’abusivismo edilizio in Italia, un dramma che si specchia sull’isola di Ischia

26 novembre / AFP Una strada ricoperta di fango dopo una frana a Casamichiola, Ischia.

Roma

AFP

Ischia, l’isola paradisiaca del sud Italia, è stata sepolta da una frana 11 giorni fa, vittima di un’urbanizzazione massiccia e illegale che molti ritengono essere in gran parte responsabile della tragedia.

“È diventata una bomba a orologeria”, ha condannato il braccio italiano del World Wide Fund for Nature (WWF in inglese) poco dopo che il dramma si è svolto in un sito nel Golfo di Napoli, noto per le sue acque turchesi.

Gli ambientalisti indicano tra i colpevoli le abitazioni dilaganti, molte in aree ad alto rischio idrologico, insieme al cambiamento climatico.

“È ipocrita offrire le condoglianze alle vittime mentre la costruzione continua dove non dovrebbe essere”, ha criticato Ong.

La Coldretti, la più grande azienda del settore agricolo, ha indicato nell’eccessiva urbanizzazione legale e illegale uno dei fattori che rendono i terreni inadatti ad assorbire grandi quantità di acqua piovana, come è successo nella zona di Casamichiol Terme.

Valanga di suolo e acqua

Una valanga di fango e acqua si è abbattuta sul paese dal monte Epomeo, il punto più alto dell’isola, seppellendo le case costruite sul terreno più alto insieme ai loro abitanti, tra cui molti bambini e un neonato.

Le strutture illegali costruite senza permessi in Italia sono un evento frequente in un paese con gran parte del suo territorio a rischio di degrado a causa dei cambiamenti climatici.

“Il triste e diffuso fenomeno dell’abusivismo edilizio è una delle cause dei disastri, un problema che non può più essere evitato”, ha ammesso il ministro della Protezione civile e delle Politiche marittime Nello Musumesi.

READ  Italia e Libia hanno firmato un accordo sul gas durante la visita di Meloni a Tripoli

L’eccessiva urbanizzazione rende il terreno incapace di assorbire grandi quantità di pioggia

“Il 49 per cento di Ischia è classificato ad alto o altissimo rischio di frane e in quelle zone vivono più di 13.000 persone”, ha riconosciuto il ministro dell’Ambiente Gilberto Pichetto.

Poiché frane, smottamenti e smottamenti, anche da ghiacciaio, possono interessare l’intera penisola, le autorità stanno studiando un piano di prevenzione che preveda interventi strutturali per garantire la messa in sicurezza dell’intero territorio, un progetto di opere pubbliche strabiliante.

Secondo un recente rapporto dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), il 93,9 per cento dei comuni italiani è a rischio frane, alluvioni o erosione costiera.

Sulla base del proliferare di costruzioni anarchiche, il rimedio più utilizzato in Italia è la sanatoria, un iter burocratico e complesso la cui risposta richiede anni dalla pubblica amministrazione.

Solo a Ischia sono state presentate negli ultimi anni circa 27.000 domande di sanatoria. Se i tribunali decidono di demolire un edificio abusivo, di solito i suoi occupanti riescono ad evitarlo, compresi bambini, anziani e malati, Aldo de Chiara ha dichiarato che “la presenza di minori giustifica il rinvio della distruzione”. Avvocato napoletano in pensione specializzato nella lotta all’abusivismo edilizio, cita La Stampa.

Per alcuni isolani e molti sindaci locali la frana non è stata causata dall’abusivismo edilizio, ma dalla mancata manutenzione del territorio e dall’eccessivo disboscamento.

“Quando c’è una frana nel nord Italia, parlano di cambiamento climatico; Quando è al sud si parla di edilizia abusiva”, ha detto Sergio Piero, responsabile di un albergo a Casamisiola Terme.

A causa della mancanza di opere preventive e di pulizia degli scarichi, il pendio è crollato.

READ  Il buon lavoro di Forre in Trentino non è bastato al basket in Italia

“Ho sentito un gran rumore quando la corrente di rocce e terra ha spazzato via le prime case”, ha detto Pyro, sottolineando che il resto dell’isola d’Ischia era ancora attiva.