Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gabriel Buric ha accettato le scuse di Patricia Bullrich, la quale ha affermato che in Cile vi sono membri di Hezbollah

Gabriel Buric ha accettato le scuse di Patricia Bullrich, la quale ha affermato che in Cile vi sono membri di Hezbollah

Gabriel Buric ha accettato le scuse di Patricia Bullrich

presidente del Cile, Gabriel BorekQuesto mercoledì ho accettato pubblicamente le scuse del Ministro della Sicurezza argentino, Patrizia BullrichDopo che il funzionario ha dichiarato che nella città settentrionale di Iquique, nel paese vicino, si trovano membri del gruppo terroristico Hezbollah.

“Ho accettato le scuse e basta.”Il presidente del Paese transandino si è espresso nel suo account sul social network X.

Tuttavia, nei paragrafi precedenti del suo messaggio, ha mantenuto la ferma posizione espressa nelle ultime ore, che ha spinto il suo governo a presentare una protesta ufficiale davanti all'ambasciata argentina a Santiago del Cile.

“Se un’autorità di un altro Paese ha precedenti di attività illegali nel nostro Paese, Ciò che è coerente è sollevare la questione diplomaticamente e non attraverso la stampa. “Il mio dovere come Presidente della Repubblica è difendere in ogni caso il nome e la serietà istituzionale del Cile”, ha avvertito Buric nel suo incarico.

Partendo con tono conciliante, ha aggiunto: “Per combattere la criminalità organizzata transnazionale”. Abbiamo bisogno di una cooperazione permanente tra i paesiQuesto è esattamente ciò che stiamo promuovendo dal Cile.

Ore prima aveva parlato il ministro degli Interni cileno. Carolina TohaAccettarono le “scuse” addotte da Bullrich durante la conversazione di quel pomeriggio.

“Poco prima Ho ricevuto una telefonata dal ministro Patricia Bullrich che si è scusato “Per il modo in cui è stata sollevata la questione”, ha detto dal Congresso nazionale del paese vicino.

In quella chiamata, il funzionario ha riferito che il ministro argentino Ha spiegato che non esiste alcuna storia di alcuna minaccia imminente per il paese a questo riguardo..

READ  New York regola gli affitti turistici | Airbnb aumenta i prezzi delle case per i residenti negli Stati Uniti

Inoltre, Toha ha riferito che entrambi i funzionari erano d'accordo “Migliorare la cooperazione tra i paesi per affrontare le sfide della sicurezza e della criminalità organizzata”.

“Abbiamo considerato la cosa chiusa, ho accettato quelle scuse e Consideriamo la questione risolta e chiusa.“, ha concluso.

Lui Ministero della Sicurezza Anche l'Argentina ha rilasciato una dichiarazione in cui chiarisce che Bullrich “non aveva intenzione di provocare paura o panico” nel paese vicino.

La nota di protesta inviata dal governo andino è stata consegnata al capo della Cancelleria dell'ambasciata argentina in Cile, Javier Lario, un atto annunciato martedì dallo stesso Boric.

Chiedo rispetto per il nostro Paese (…) Il Cile non protegge nessun gruppo terroristico, né sul suo territorio né al di fuori di esso”.

L'altra persona che ha preso di mira Bullrich era il viceministro degli Interni di quel paese, Manuele Monsalvi. Mercoledì, prima di scusarsi, ha ritenuto che le dichiarazioni del ministro della Sicurezza sembrassero mirate a “danneggiare l'immagine” del Cile.

“Per coincidenza, negli ultimi giorni, alcuni senatori degli Stati Uniti e il ministro degli Interni argentino hanno sollevato questioni relative alle organizzazioni terroristiche. In modo molto casuale, molto casuale e sembra anche molto ovvio che lo scopo di questa provocazione fosse la sicurezza. “Continente o no?” Danneggiare l'immagine del Paese“, tiro.

Bullrich aveva lasciato intendere che Hezbollah “ha cellule” nella regione di Iquique e che “sono state scoperte l’anno scorso, ma due sono fuggite a San Pablo”. Per questo Buric, nelle sue prime reazioni, ha chiesto che se ci sono “precedenti gravi, devono essere consegnati alle competenti autorità di giustizia e denunciati”.

READ  Nuovi usi: un'antica medicina che aiuta a superare la calvizie