Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Foto AP: le modelle “imperfette” ridefiniscono la bellezza in Italia

Foto AP: le modelle “imperfette” ridefiniscono la bellezza in Italia

Un progetto Instagram che celebra le donne comuni e le loro imperfezioni si è trasformato in un'agenzia di modelle con l'obiettivo di ridefinire il concetto di bellezza in Italia.

L'agenzia di modelle L'imperfetta, fondata da Carlotta Giancan nel 2020, ha un catalogo pieno di modelli che sfidano gli standard di bellezza preimpostati del settore. Sono di ogni taglia, età e sesso, e alcuni soffrono di disabilità o malattie come alopecia, vitiligine, cicatrici visibili o arti amputati.

Questi tipi di agenzie esistono altrove in Europa e negli Stati Uniti. Questo è il primo in Italia.

Sonia Sparta è una delle modelle. La 28enne, originaria della Sicilia, ha sentito gli adulti sussurrare ai propri figli di essere uscita dal circo quando hanno visto dei segni scuri sul viso e sul corpo, frutto di una forma di iperpigmentazione. Anche se una volta ha cercato di nascondere la sua malattia, ora si rende conto della sua bellezza.

Ha detto: “Ho cambiato le cose finché la mia debolezza, o ciò che consideravo una debolezza, è diventata la mia forza e il mio segno distintivo”.

Durante un recente servizio fotografico a Roma, modelle di tutte le taglie hanno posato in lingerie e avvolte in organza.

“Mi sento rivoluzionario perché ho capito che intorno a me, prima dell'Imperfetta, tutto questo non esisteva – dice Giancan – Mi sembra una rivoluzione, una battaglia che devo combattere duramente perché le difficoltà sono tante”.

L'agenzia ha più di 140 modelli. Vengono dall'Italia e dall'estero, ma concentrano il loro lavoro sull'Italia “perché è lì che vogliamo cambiare le cose”, dice Giancan. Le sue modelle sono apparse in campagne pubblicitarie per marchi di cosmetici, boutique di moda e supermercati. La maggior parte del lavoro riguarda la pubblicità online, ma ci sono stati anche inviti a fare la modella in spot televisivi. Due hanno sfilato alla settimana della moda di Milano per lo stilista Marco Rambaldi.

READ  Pronostico COSMIC TikTok per Performance Elite Team - Giornale PublicidAD

Lucia Della Ratta, studentessa universitaria a Roma, nascose il suo albinismo per gran parte della sua vita, tingendosi i capelli di tonalità scure e usando lozioni abbronzanti sulla pelle. Durante il blocco dovuto alla pandemia, ha lasciato trasparire il colore naturale dei suoi capelli e ha iniziato a pubblicare foto su Instagram.

«Mi sono sentita bella per la prima volta», ha detto Della Ratta durante una pausa delle riprese. Il cambiamento lo fa ancora piangere. “Sentivo che questo è il mio nucleo, questo è quello che sono, e questo è quello che sono veramente.”

Desiree D'Angelo soffre di alopecia da quando aveva 10 anni. A scuola indossava un cappello per nascondere la calvizie, ma i compagni di classe che la maltrattavano se lo tolsero. All'età di 15 anni, la sua insegnante di danza la convinse ad accettare la sua malattia e a smettere di nasconderla.

Da allora è diventata una ballerina, artista e modella di successo.

“Amo il mio corpo, amo la mia stranezza. E alla fine l'ho accettato.”