Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Finalmente sta accadendo, dopo tutti questi mesi!”

La mattina presto, lunedì gli inglesi si sono precipitati sulle terrazze dei pub o dal parrucchiere per controllare i loro grandi capelli bloccati e godersi un po ‘di libertà ottenuta rimuovendo le restrizioni associate all’infezione.

“Finalmente sta accadendo, dopo tutti questi mesi!” Kobe Wise, 32 anni, si sta godendo una birra fredda al pub Half Moon dell’East London “London Beer Garden”, che ha visitato da lì. Per l’occasione gli ombrelloni sono tenuti fuori dalla pioggerella.

Intorno a lui, nonostante le temperature invernali, una dozzina di studenti sono distribuiti su due tavoli: i gruppi di case diverse sono limitati a un massimo di sei e sono ristretti all’interno.

AFP

Alcuni sono al Guinness, mentre altri hanno optato per una colazione inglese – con salsiccia, fagioli e uova – con una bevanda calda. “Saluti!” Dicono, alza gli occhiali e il laptop in mano, per catturare il momento con un selfie.

AFP

In Oxford Street, uno dei principali centri commerciali di Londra, i negozianti mascherati si sono messi in fila davanti ai negozi di abbigliamento alle 5.30 del mattino, gelando appena due ore prima della riapertura di attività non essenziali.

I parrucchieri nel Regno Unito lavorano molto e alcuni soddisfano nuovamente le esigenze a mezzanotte.

Queste scene rendono nuovamente possibile un miglioramento significativo delle condizioni di salute del Regno Unito, il paese più miserabile d’Europa con oltre 127.000 morti a causa di controlli rigorosi e vaccinazioni massicce.

Bill Lewis / IF

Da quando la terza prigione è stata ordinata all’inizio di gennaio o fino a dicembre per alcune regioni come Londra, contaminanti, ricoveri e decessi sono stati in caduta libera.

READ  Zero de Italia 2021: 16 ° live di Zero de Italia: Ceciel - Cordina de Ampezo

“Spero sia un grande sollievo per i proprietari di attività chiuse da molto tempo e per tutti gli altri.

Tuttavia, ha chiesto di “agire in modo responsabile” per prevenire il ripetersi di contaminanti.

La gioia di un graduale ritorno alla normalità, tuttavia, spinse l’Inghilterra in un periodo di lutto nazionale fino alla morte del principe Filippo, 99 anni, venerdì, giorno del suo funerale di sabato.

Boris Johnson ha rinviato una visita programmata al pub per celebrare la riapertura.

Oltre a terrazze e negozi, gli inglesi possono tornare in campagna per le vacanze in palazzetti dello sport, terme, biblioteche e piscine.

Sebbene la British Beer and Pub Association stima che solo il 40% dei pub nel Regno Unito abbia abbastanza spazio all’aperto, si tratta di una spinta molto attesa per l’economia.

Ciò è reso possibile da una massiccia campagna di vaccinazioni che ha già permesso di somministrare la prima dose a quasi il 60% degli adulti dall’inizio di dicembre, ovvero la maggior parte degli over 50.

Nonostante le preoccupazioni per i rischi posti dai coaguli di sangue associati al vaccino Astrogenega, le autorità hanno fissato l’obiettivo di somministrare la prima dose a tutti gli adulti entro la fine di luglio e sono state finalmente assegnate a più di 30 persone per precauzione.

AFP

Nonostante questi miglioramenti, le richieste di allarme aumentavano. “Anche se non sappiamo esattamente quando o in che misura ciò accadrà, ci sarà inevitabilmente una ricaduta nel numero di casi”, ha avvertito Peter Harby, un professore radiofonico del Times che presiede un pannello che consiglia il governo britannico sui virus respiratori ( Nervtok).

READ  Il vaccino Pfizer / Bioentech è meno efficace contro la variante sudafricana

Deconfinement, che segue un programma diverso per paese, offre una riapertura della ristorazione al coperto nel Regno Unito il 17 maggio, mentre hotel, musei, sale di spettacolo e tribune degli stadi con capacità limitate.

AFP

I viaggi all’estero sono stati fino ad allora vietati, per paura di importare ceppi del virus corona resistenti ai vaccini.

I servizi funebri erano limitati a 30 partecipanti e la famiglia reale fu costretta a programmare un piccolo funerale per il principe Filippo.