Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Fattori che dividono il rischio di sviluppare cardiomiopatia aritmogena

La disfunzione del ventricolo destro nei pazienti di età <40 anni con una storia di tachicardia ventricolare persistente era un predittore di appropriati interventi cardioverter-defibrillatori-impiantabili. (DAI) In quelli che hanno Cardiomiopatia causata da aritmia dal ventricolo destro (ARVC).

La ricerca è stata pubblicata sul British Journal Bmj, comprendeva 65 pazienti adulti, con un’età media di 40 anni, di cui 48 uomini. Tutti hanno una diagnosi aritmia cardiomiopatia (AM) Chi ha un ICD da 20 anni, in prevenzione primaria (40%) o secondaria (60%).

Lo studio è stato interrotto una volta eseguiti interventi ICD appropriati e inappropriati dopo il rispettivo trapianto d’organo.

Durante un follow-up di 7,75 anni dopo questo trapianto, nove pazienti sono morti e sei sono stati sottoposti a trapianto di cuore. Appropriati interventi ICD si sono verificati in 43 pazienti (66,2%) e interventi inappropriati in 18 pazienti (27,7%).

Analisi multivariata utilizzando un modello di rischio specifico per causa specificato Tre predittori di appropriati interventi ICD: disfunzione del ventricolo destro (frequenza cardiaca causa-specifica 2,85), età <40 anni al momento del trapianto (frequenza cardiaca specifica 2,37) e storia di tachicardia ventricolare persistente (TV) (HR 2,55). I ricercatori aggiungono che non sono state trovate previsioni di secrezioni inadeguate da ICD e che sono state descritte complicazioni legate all'impianto del dispositivo in 12 pazienti.

La cardiomiopatia aritmica aumenta il rischio di morte improvvisa

MA è associato a Aumento del rischio di morte cardiaca improvvisa La stratificazione del rischio delle aritmie è attualmente oggetto di dibattito. L’obiettivo principale di questo studio osservazionale era analizzare i predittori di un intervento appropriato e inappropriato per l’ICD in pazienti con AM che sono considerati a rischio di aritmie.

“Questo è un design retrospettivo, osservazionale, longitudinale, a centro singolo, con tutti i limiti di questo tipo di design, ma ci fornisce alcuni dati interessanti sulle malattie cardiache che sono sempre più presenti nella nostra pratica clinica”, commenta Società Spagnola di Cardiologia (SEC). Aggiunge che, “Sebbene si tratti di una malattia genetica autosomica dominante, la diversa penetranza della malattia tra i portatori della stessa mutazione, anche membri della stessa famiglia, e i fattori ambientali ed epigenetici che sembrano alterare lo sviluppo delle malattie cardiache spesso rendono la stratificazione del rischio di aritmia in questi Il gruppo di popolazione è molto difficile.

Conclude: “Inoltre, le secrezioni inadeguate dai dispositivi cardioverter-defibrillator (ICD) in questi pazienti (che si verificano nel 27,7% dei soggetti dello studio) sono un problema che non può essere trascurato, che potrebbe contribuire a una funzione ventricolare compromessa. Ne riduce notevolmente la qualità della vita.”

Sebbene possa contenere dichiarazioni, dichiarazioni o note di istituzioni sanitarie o professionisti, le informazioni nella scrittura medica sono curate e preparate dai giornalisti. Raccomandiamo al lettore di consultare un operatore sanitario per qualsiasi domanda relativa alla salute.

READ  Qual è l'origine della parola concessione?